sabato 19 gennaio 2013

Crostata amalfitana


                  

La prima volta che ho sentito parlare di crostata a limone ho pensato a chissà quanto fosse amara e acida al palato, e invece mi sono dovuta ricredere al primo assaggio.
Ormai la crostata a limone è divenuto il mio piatto forte, conquisto ormai tutti, anche Licio, che ahimè è la mia capa :), e a lavoro avere il consenso del proprio capo a colpi di forchettate è grandioso!!!

Da buona campana, seleziono solo i limoni della costiera Amalfitana, essendo originaria di lì, perchè sono più succosi e più dolci. Voi potete acquistare gli agrumi dal vostro  fruttivendolo di fiducia, scegliendo quelli più grandi e maturi.


Preparazione "Crostata amalfitana"

Per la frolla:
250 gr. di farina
120 gr. di burro
80 gr. di zucchero
2 tuorli d'uovo

 Scorza grattugiata di 1 limone
Vanillina mezza bustina
Zucchero a velo

Per la crema:
130 ml di succo di limone
200 gr. di zucchero a velo
3  uova

75 gr burro

Prendete una terrina e setacciate la farina, unite il burro tagliato a pezzetti, lo zucchero, la scorza di limone e la vanillina. Aggiungete le uova, e impastate il composto fino a renderlo omogeneo.
Avvolgete la pasta in carta da forno o una pellicola trasparente e fate riposare per 30 minuti in frigo.
Tra una gocciola e un'altra :) in quella mezz'oretta prepariamo anche la crema!
Mescolate in un pentolino le uova, lo zucchero a velo setacciato, il burro, scorza di limone e il succo e fate cuocere per circa 2 minuti, mescolando continuamente per non formare grumi.
Dovrà uscirne fuori una crema densa, morbida e corposa.
Riprendete dal frigo la pasta frolla, con un mattarello stendetela non troppo sottilmente ( 2-3 cm).
Imburrate e infarinate una teglia ( sarebbe carino una teglia dai contorni ondulati) e incorporate la pasta, adattando i bordi. Distribuite la crema all'interno. 
Con la pasta rimasta, ritagliate delle strisce, oppure come faccio io,  fiori o limoni per decorare la superficie.
Infornate nel forno preiscaldato a 200° per circa 40 minuti.
 Una volta tirata fuori, la crostata va fatta raffreddare, di modo che la crema a limone possa assumere il suo bel colore giallo.
Spolverate con zucchero a velo e buon appetito!!

La foto in alto non è mia, a lavoro purtroppo non mi hanno dato neppure il tempo di scattare una foto...posterò la foto della teglia vuota con le briciole.




Nessun commento:

Posta un commento