martedì 30 settembre 2014

Anteprima: La promessa di Jeanne di Marta Savarino

Sono più che lieta di ospitare nel nostro angolino il nuovo romanzo di Marta Savarino, La promessa di Jeanne. Questo romanzo è il seguito de “la Vendetta di Isabelle”, che lessi già qualche anno fa in cartaceo con grande piacere.
L'autrice ci fa sapere che nonostante il libro faccia parte di una duologia non è necessario leggere per forza il primo capitolo; “la Promessa di Jeanne” può essere letta tranquillamente come un romanzo a sé dove i riferimenti al precedente libro vengono spiegati e chiariti nel corso della narrazione.
Io intanto vi lascio ai dati del libro...

Titolo: la promessa di Jeanne
Autore: Marta Savarino
Editore: Self publishing
Genere: romance storico
Prezzo: 2,68 eur, disponibile su Amazon e su Kobo
Pagine: 303
Trama:
Cosa si è disposti a fare pur di mantenere una promessa fatta a un’amica?
Fino a che punto un uomo e una donna possono riuscire a tener fede a un giuramento quando le loro vite e quelle dei loro cari sono messe in pericolo?
Sono passati tre anni dalla notte in cui Isabelle Morens e Jacques,Conte di Portchartain e figlio illegittimo di Luigi XIV, hanno abbandonato Versailles e la Francia con l’aiuto di Jeanne Arnaud e del Maresciallo Nicolas de Catinat. Da quel momento  il sovrano non ha mai smesso di cercare il figlio con il preciso intento di riportarlo a Corte per punirlo per aver mandato all’aria i piani politici che lo vedevano coinvolto. 
          Per le sue ricerche, il Re si avvale dell’aiuto di Philippe, Marchese de la Roche, nobile bello quanto privo di scrupoli e perverso. L’uomo ha l’ordine di riportare a Corte Nicolas con l’intento di fargli confessare quanto sa della fuga del figlio del Re e lo farà sfruttando la sua unica debolezza: l’amore per la moglie e per la famiglia. Rapisce quindi Jeanne insieme al figlio di pochi mesi e Nicolas si lancia quindi in una disperata ricerca che dalla Scozia lo porta proprio a Versailles davanti al Re, pronto ad affrontare le conseguenze delle sue azioni e del tradimento nei confronti della corona francese. 
Amore, passione, intrighi e avventura tra la Scozia e la Francia del XVII secolo…
Chi è Marta Savarino?

Marta Savarino nasce a Torino nel 1981, è sposata e ha due bambine.  Da sempre ha la passione per la lettura, in particolare per i romanzi storici. Ama viaggiare e la storia francese, i romanzi che ha scritto testimoniano il suo amore per la Francia e la Scozia, Paesi che ha avuto la fortuna di visitare.

La Promessa di Jeanne è il seguito di La Vendetta di Isabelle, romanzo edito nel 2013 con la Mela Avvelenata Bookpress già in precedenza pubblicato con Linee Infinite Edizioni nel 2010 con il titolo Fuga da Versailles. Altri progetti a cui ha partecipato con la Mela Avvelenata: le antologie Giù la Maschera, le Mele Avvelenate, Halloween Tales, Marry Christmas with Mr Death e Angeli VS Demoni. Ha pubblicato su Amazon La Strega di Skye, novella di cui esiste anche una versione in inglese, The Witch of Skye.
Potete trovarla:
Pagina Facebook: www.facebook.com/martasavarinoautrice
Mail: marta1981@live.it



         «Se non vado errato, signore» cominciò finalmente a dire Luigi XIV calcando in particolar modo sull’ultima parola, «Voi non appartenete più al mio esercito e non comprendo la ragione per cui indossiate quell’uniforme e vi fregiate di quelle medaglie».

L’affondo del sovrano non ebbe l’effetto desiderato perché, anziché mettere in imbarazzo l’uomo ottenne il risultato contrario. Nicolas scosse la testa socchiudendo gli occhi chiari e incrociando le braccia al petto. Non era sicuramente quello l’atteggiamento da tenere di fronte a Sua Maestà e Luigi questa volta non riuscì a nascondere l’espressione sorpresa che gli s’impresse in volto.

«Me le sono guadagnate, Sire» rispose quindi Nicolas, «Con la fatica, con il sudore e con il sangue sui campi di battaglia dove voi mandavate me e i miei uomini a combattere e ad affrontare la morte. Ho visto e superato situazioni che forse riuscite a stento a immaginare perché dubito che i vostri pittori per quanto bravi riescano a riprodurre sulle loro tele l’orrore cui ho potuto assistere con i miei occhi. Mi sono sporcato troppo le mani per voi, per il vostro regno e la vostra gloria. Quest’uniforme, queste medaglie e questa spada hanno il compito di ricordarmi che uomo ero. E che non voglio essere mai più, Maestà» concluse con tono sprezzante.

 

 Per chi volesse un'anticipazione sul romanzo può leggere il prologo

Io corro a comprarlo per scoprire quali altri bellissime avventure capiteranno ai nostri eroi <3 un grande in bocca al lupo a Marta e al suo romanzo.

Buona lettura,
Licio


Nessun commento:

Posta un commento