giovedì 3 settembre 2015

Eris- Una dea in accademia di Elena Lucia Zumerle

Oggi diamo spazio al romanzo di Elena Lucia Zumerle una giovanissima autrice italiana, Eris - Una dea in accademia.

Titolo: Eris - Una dea in accademia
Autrice: Elena Lucia Zumerle
Editore: Self publishing
è acquistabile su Kataweb o ordinabile su Feltrinelli

Sinossi: Quando Eris per punizione viene scaricata dagli Dei dell'Olimpo, nell'Accademia Cleanthe, istituto prestigioso e alla moda, per ricchi figli di papà che non hanno granché voglia di studiare,  senza più un briciolo di potere, non può fare nient'altro se non ciò per cui è nata: il caos.
Quello che infatti gli Dei non sanno è che Eris non è disposta ad accettare questa umiliante situazione. E' evidente che un patto con il misterioso e tormentato Noah non può che tornarle utile, soprattutto se anche lui, come altri cinque studenti della scuola, è un semidio. Ben presto però il loro patto diventa qualcosa di più, ma non può essere amore, o almeno di questo Eris è convinta.
D'altronde l'amore sconvolge e scuote l'anima, senza un senso. L'amore è caos, esattamente come Eris. 

Estratto

Era una bella giornata, nuvolosa e plumbea, quando finalmente entrammo nel grandioso parco che faceva da confine a quella che sarebbe diventata la mia prigione per i successivi 365 giorni. Gli umani chiamavano questo posto “Accademia Leanthe”.
Ancora non ci credevo. Avrei dovuto passare un anno qui sulla terra, solo per punizione! Non solo non era giusto, ma era anche una vergogna, un oltraggio e un disonore, costringere me, a frequentare una scuola per umani all'interno di un corpo umano. 
Quella scatola di ferro che veniva chiamata limousine, si fermò di fronte a una maestosa scalinata bianca.
L'accademia che avrei frequentato era considerata dagli umani un college di alto livello per ricconi e geni. Ma a me non poteva fregare di meno. Ancora non capivo perché proprio in una scuola. A cosa mi sarebbe servito studiare, quando ero una dea? Non sopportando ulteriormente di stare ferma, scesi dalla macchina, o almeno ci provai. Sulla portiera c'erano una serie infinita di pulsanti colorati. Qual'era quello per la portiera? Non ero mai salita su un carro funebre così accessoriato! Sbuffai e mi sforzai di ricordare quale bottone dovessi premere per uscire, senza confonderlo con quello per il caffè, la musica, il finestrino, l'aria condizionata, il massaggio dentro la poltrona, le noccioline per me e i croccantini per il cane, che ovviamente non avevo fatto salire al mio fianco.
Non feci in tempo a trovare il bottone nero con il disegnino bianco di una freccetta, che l'autista mi venne ad aprire la porta. Rimasi bloccata a osservarlo. Ma mi credeva stupida? Con che coraggio, si era permesso di venirmi ad aiutare credendo che non potessi farcela? Scesi dall'auto.
-Buona giornata signorina- mi disse.
-Anche per lei, visto che da oggi dovrà trovarsi un nuovo lavoro- dissi sorridente. Non sprecai un secondo in più e, con la borsa sottobraccio, mi avviai verso la figura che stava sulle scale.
Mentre il mio autista tirava giù le valigie mi venne incontro quella donna.
-Buongiorno signorina Theos. Io sono la vicepreside...- inarcai un sopracciglio e non ascoltai più. Mi guardai in giro. La scuola sembrava molto grande, il giardino era curato e l'acqua della fontana era limpida. Sorrisi, ce n'erano di cose da sistemare. Troppo perfetto. Starnutii, la mia allergia cominciava a farsi sentire.
Decisi di interromperla con qualcosa che mi interessasse.
-E quindi dove si trova la mia stanza?-
Apparve un po' spaesata, ma mi fece un sorriso, come se capisse la mia impazienza. Come poteva cercare lei, di capire me?
Nessuno sapeva della mia vera natura, tanto per evitare di sconvolgere la vita a quei poveri esseri, quindi purtroppo dovevo incarnare la figura di una giovane figlia di papà viziata in tutto. Mi riusciva anche bene.
-Venga da questa parte- mi disse girandosi e salendo le scalinate fino a raggiungere il portico in marmo.
Mi voltai verso l'autista e feci segno con la testa di seguirci.
-Questa scuola ha una lunga storia e...-
-Capitelli corinzi e un fregio sul mito di Troia...- dissi io interrompendola nuovamente, tenendo lo sguardo fisso sul fregio.
-Esatto. Paride scelse Afrodite come dea più bella, poiché gli aveva promesso in cambio l'amore della donna più bella al mondo: Elena...- continuò lei, cercando di spiegarmi cose che sapevo benissimo. Le avevo vissute in prima persona.
-Lei sa di chi è la causa di tutto ciò?- chiesi io con un moto di sfida. Vediamo fino a quando si spingevano le conoscenze della donna. Lei sorrise bonariamente e rispose:
-Certo. A istigare le dee al litigio è stata la dea della discordia, Eris-

Chi è Elena Lucia Zumerle?

Elena Lucia Zumerle è nata a Verona il 19 dicembre 18 anni fa. A giungo si è diplomata presso l'Educandato Statale “Agli Angeli” di Verona, indirizzo classico europeo, scuola umanistica internazionale. Fin da piccola dimostra la sua inclinazione verso il mondo letterario inventando storie e disegnando fumetti, grazie anche alle origini sarde che la portano ogni estate ed inverno nella sua adorata isola. All’età di sei anni comincia a scrivere alcune favole per bambini, illustrandole lei stessa, mentre durante l’adolescenza si dedica a racconti a sfondo medievale. Grazie alla sua spiccata curiosità, si iscrive ben presto al sito Efp dove già all'età di 11 anni pubblica le sue storie con un discreto seguito. La sua grande passione per la scrittura e la lettura, la porta ad appassionarsi al mondo dei manga e delle light novel, da cui trae grande ispirazione. Titoli come Bleach, One Piece 
Le storie che Elena scrive parlano di giovani ragazze alle prese con la vita di tutti i giorni, immergendo le loro vicende in scenari fantasy e popolandoli di magia. Si tratta prevalentemente di storie di formazione, dove le vicende vissute dalle protagoniste le conducono a una crescita personale. A partire dagli inizi del 2012 Elena comincia a scrivere anche per il quotidiano economico online Veronaeconomia, presso cui sta completando il tirocinio che tra qualche mese le permetterà di ottenere il patentino da giornalista non professionista.
Nel giugno 2014, a soli diciassette anni, Elena Lucia corona il suo sogno letterario pubblicando il suo primo libro, Angelica, edito Europa Edizioni, riscuotendo discreto successo ricevendo l’attenzione dei media locali e non solo. Grazie a questa avventura, Elena è conosciuta in diverse scuole veronesi, presso cui organizza presentazioni e soprattutto piccoli seminari su “come pubblicare un libro oggi”. Ad ottobre Elena inizierà la sua nuova avventura come studentessa della facoltà di Giurisprudenza, presso l'Università di Verona.
Eris è la storia che tra i suoi lettori ha riscosso maggior successo, arrivando ad un centinaio di follower su Efp, con una settantina di recensioni. Le vicende si intrecciano attorno all'imprevedibile, seducente e intelligente dea del caos, Eris. Nell'arco di circa due anni, Elena ha saputo condensare le sue conoscenze riguardo la cultura classica, l'arte, la musica, la poesia e ovviamente i fumetti, creando così un'opera che non concede un attimo di respiro, affascinante e intrigante, proprio come la protagonista.

Un grande in bocca al lupo a Elena e alla sua avventura libresca!
Licio

Nessun commento:

Posta un commento