lunedì 5 giugno 2017

Recensione in anteprima: In the line of duty (Redemption Series Vol .#3) di Mya McKenzie

Ed eccoci al terzo ed ultimo volume della trilogia Redemption Series: In the line of duty di Mya McKenzie. In uscita il 6 giugno. Pronte a incontrare di nuovo Jack Wade?. Ma la vera domanda è: si è mai veramente pronte ad incontrare Jack Wade?.
Recensione Spoiler Free

SERIE: Redemption Series
1 Vol. Ghost Love (recensione) 
2 Vol. Rise of the Damned (Qui recensione)
3 Vol. In the line of duty 


TITOLO: In the line of duty
AUTORE: Mya McKenzie
EDITORE: Self  Publishing
PAGINE: 252
PREZZO EBOOK: 1,99
CARTACEO: 9,98
DATA PUBBLICAZIONE: 6 Giugno 2017
CATEGORIA: Romantic Suspense



SINOSSI: 
La vita non è stata generosa con Jack Wade. 
Costretto a contare soltanto sulle proprie forze per sopravvivere alla strada, è cresciuto senza affetti, senza una guida, senza sapere cosa significasse amare. 

La prima volta che ha aperto il proprio cuore a qualcuno si è ritrovato spiazzato, ferito, di nuovo solo. Ma, invece di piangersi addosso, ha imparato dai propri errori, ha tentato di riallacciare rapporti, ha provato a riscattarsi da tutti gli sbagli commessi. 

Però la vita è una gran bastarda, a volte. 
E la sua non gli ha di certo teso la mano, non gli ha reso le cose più semplici. Al contrario, l’ha portato a incrociare la strada di una potente organizzazione criminale, a scontrarsi con una famiglia spietata che l’ha privato degli affetti più cari. 
Ma Jack non ha mollato. Ha combattuto con tutte le forze per riconquistare e proteggere l'unica persona che abbia dato un senso alla sua esistenza. 

Ma la vita è ingiusta e non fa sconti, tantomeno la sua. 
Ancora una volta l'ha messo di fronte a un ostacolo immenso, smisurato, il più difficile che abbia mai dovuto affrontare. 
Perciò ora Jack si trova a un bivio: può piegarsi a quella sorte avversa che sembra essersi accanita contro di lui o tentare di pareggiare i conti con coloro che l’hanno messo in ginocchio e prendersi quella rivincita che insegue fin dall’istante in cui è venuto al mondo.

Recensione:

Accettare la realtà è stato difficile, andare avanti è impossibile.

Se con le due precedenti recensioni ho avuto difficoltà a non fare spoiler, con questo è ancora più difficile, non immaginate quanto. Vi posso solo anticipare che la narrazione riprende dopo circa 8 mesi dal finale con il cliffanger di Rise of the damned, chi lo ha letto sa di cosa parlo, tanto da aspettare con ansia che uscisse questo terzo libro, per poter finalmente scoprire cosa fosse successo al nostro Jack e alla sua Gwen. Se le nostre preghiere e speranze avessero avuto esito positivo o meno. Vi confesso che ho avuto quasi paura ad aprire le prime pagine di questo libro, e ne avevo ben motivo, Mya è stat molto ermetica non ha lasciato trapelare nulla che ci potesse anticipare qualcosina, ma mi fermo qui.

Vi dirò che l'autrice anche in In the line of duty non si è risparmiata. Vivremo situazioni al cardiopalma da vero film giallo/drammatico tipo "Arma letale" col mitico Mel Gibson, per citare un intramontabile serie, pieno di inseguimenti, insabbiamenti, gli eroi quasi sconfitti e ridotti quasi in fin di vita, momenti di strazio e dolore e momenti di pausa e riflessione. Ecco vi ho dato un esempio calzante della Redemption Series 

Troveremo un Jack all'inzio sconfitto e in ginocchio, ma pian piano ritornerà più agguerrito che mai. Per lui difendere le persone che ama è una vera esigenza, una necessità come respirare, perchè quando Jack ama, lo fa con tutto se stesso, e vivere senza quelle persone per lui necessarie è come morire dentro. 


Pensare a lei fa ancora molto male. Quando succede, gli ingranaggi della mia esistenza si bloccano, non mi riesce di fare nulla, se non respirare.

 Non ricordo se lo ho già detto, ma Jack è un eroe di carta, fra i più umani incontrati, e in questo terzo volume lo sarà più che mai. Un personaggio che prima si odia e si disprezza, almeno io l'ho fatto, ;) ma quando me ne sono innamorata è stato per sempre. Nonstante le sue fragilità, i suoi passi falsi, e gli errori commessi perchè lui non è il classico principe azzurro no lui è il rospo delle favole. Ma se Jack si innamora allora lui vivrà solo per rendere felice la donna amata, quindi non potevo non innamorarsi di lui.

Un turbinio di emozioni dilaga dentro e fuori di me, non riesco a trattenere più nulla. L’amore e il dolore si mischiano, la malinconia e la rabbia si fondono, il rimorso e il disprezzo s’intrecciano dando vita a un uragano che si porta via ogni cosa, persino la mia lucidità.

Si aggiungeranno nuovi personaggi che renderanno ancor più ricca è coinvolgente la storia, ed anche in questo capitolo continuerete a chiedervi, oddio che succederà ora, nooo fermo Jack, vaiii Jack spacca tutto.
Sicuramente vi chiederete ci sarà la resa dei conti con la maledetta famiglia Hunyadi? avremo le risposte sul padre di Jack?. Beh io non ve lo dico di certo! non vi resta che leggerlo è soffrire come ho sofferto io per tutto il libro.

Il pensiero che sia una trappola non mi ha sfiorato nemmeno per un istante. La possibilità che sia nel punto esatto in cui Pavel mi voleva, non l’ho mai contemplata. L’eventualità che la stanza sia vuota o zeppa di uomini armati fino ai denti non l’ho mai presa in considerazione.

Non mi rimane che ringraziare Mya McKenzie per le splendide emozioni che mi ha trasmesso con questa trilogia, sono state di rabbia, dolore, di strazio, di disperazione, di dolcezza e infine di amore puro. 
Se non non si fosse capito ho amato questa trilogia e saluto  con nostalgia Jack Wade e Gwen che hanno saputo trovarsi un posticino d'onore, nel mio cuore di lettrice.
Alla prossima!

Virgy
LCDL

Compra con un click

Book Trailer

Nessun commento:

Posta un commento