martedì 8 agosto 2017

Recensione: Shake my colors - la mia luce sei tu di Silvia Montemurro

Carissimi oggi vi racconto del I volume della serie Shake my colors, la mia luce sei tu, scritto da Silvia Montemurro ed edito da Sperling & Kupfer.


Titolo: Shake my colors, la mia luce sei tu (I Vol)
Autore: Silvia Montemurro
Editore: Sperling & Kupfer
Genere: Young Adult
Pagine: 275
Costo: 9.9€ ebook - 16.90€ cartaceo


Trama: Laura ha diciassette anni e ama il pattinaggio più di ogni altra cosa. È solo lì, sul ghiaccio, che si sente davvero se stessa. Perché, fin da quando è nata, non può vedere i colori e il mondo è spesso una trappola in bianco e nero. Paolo, il suo migliore amico, è l'unico a capire cosa tutto ciò significhi per lei ed è la sua àncora di salvezza. Sono cresciuti insieme in un paesino affacciato sul lago di Como, conoscono tutto l'uno dell'altra e custodiscono i reciproci sogni. Ora che una gara importantissima l'attende, Laura sa di poter contare su di lui, e che quando sarà il momento lo vedrà sugli spalti a fare il tifo per lei. E poi, un giorno, Laura incontra Geo. Capelli lunghi, stretti in una coda da cui sfugge qualche ciuffo ribelle, gesti decisi di chi sa quello che vuole e uno sguardo che la fa vacillare. Non riesce a vedere il colore di quegli occhi, ma le basta poco per capire che da quell'incontro la sua vita non sarà più come prima. Qualcosa li spinge l'uno verso l'altra, un'attrazione a cui non ha senso resistere. La passione che nasce è così travolgente da lasciarli senza fiato. Eppure ci sono dei silenzi tra loro, perché entrambi stanno nascondendo qualcosa. Laura non ha ancora trovato il coraggio di parlargli del suo problema alla vista, e Geo... cosa nasconde Geo? Cosa significano quelle ombre sul suo viso? E le sue fughe improvvise? Persino sul ghiaccio Laura non è più la stessa, e rischia di mandare all'aria il lavoro di anni. Un sentimento unico come quello che li lega dovrebbe poter vincere su tutto. Ma quando l'amore è un salto nel buio, avere coraggio a volte non basta.

Recensione:
Leggere questo libro è stato un vero e proprio salto nel buio perché non conoscevo assolutamente l'autrice e non sapevo se poteva piacermi il suo modo di scrivere, né se mi avrebbe incuriosito ed emozionato la sua storia.
Un salto nel buio è proprio la parola giusta per definire l'immersione in questo romanzo in quanto la protagonista, Laura, ha un disturbo legato alla vista, l'acromatopsia, e non può vedere i colori, il suo mondo scorre in bianco e nero e, a volte, in black out completo. A prima vista, rispetto a tante malattie, questa può sembrare quasi una sciocchezza, invece con estrema cura l'autrice ci racconta come è stata l'infanzia di Laura, quali sono state le difficoltà che ha incontrato nell'osservare un mondo monocromatico. Sinceramente non sono poche e questa lettura mi ha offerto molti spunti di riflessione su questa malattia che non conoscevo e sulle diversità in genere, su come sia difficile riuscire a integrarsi in un mondo fatto a posta per gente che non ha problemi. 
Fin da piccola, Paolo è stato i suoi occhi, la sua àncora di salvezza nei momenti più difficili, era lui che scandiva i suoi colori. Il tempo lì ha resi amici, unici, indivisibili. Paolo è sempre lì pronto a tenderle la mano mentre tutto il resto del mondo le rema contro, la emargina, la fa sentire diversa. E' l'unico che la guarda vedendo semplicemente Laura e a vederla perfetta così com'è. 
Sono gli altri che la fanno vacillare, tentennare, rendendo ancora più forte e intenso il suo disagio e la sua insicurezza. Anche se durante gli anni ci ha provato strenuamente a studiare i colori e dei metodi per non far vedere agli altri che non riesce a percepirli.
Oltre a trattare il tema della diversità con toni semplici che catturano e danno subito l'idea delle difficoltà vissute, La mia luce sei tu racconta di due universi pieni di problemi che si incontrano e si scontrano. Geo e Laura pieni di luci e di ombre che si trovano, si cercano, si prendono e si allontanano, in un confuso disegno dettato dai segreti del passato che restano celati. Geo non è solo il bel ragazzo più grande e pieno di misteri, è anche quello che all'improvviso porta proprio la magia dei colori nelle sue grigia esistenza, Laura comincerà a sentirli sulla sua pelle e a viverli. 
Sulla scena si muovono questi tre personaggi legati dall'amicizia, dall'amore e dalla gelosia in un crescendo di situazioni che vi scateneranno grandi emozioni. Sono stata così sconquassata che vi giuro non sapevo se mi piacesse più Paolo o Geo, posso solo dirvi che, man mano che le pagine scorrevano sotto i miei occhi, Laura da timida e insicura acquisisce tutta una sua forza interiore che si esprime anche nel suo modo di pattinare e di affrontare le situazioni. 
Questo primo capitolo ci insegna come sia importante accettare la diversità, come per diventare forti e sicuri è importante che noi stessi ci sentiamo magici, unici e speciali.
Non vedo l'ora di leggere anche gli altri due volumi della serie sperando mi lascino altre bellissime emozioni.

Fabiana
LCDL


clicca per l'acquisto

Nessun commento:

Posta un commento