lunedì 21 luglio 2014

Blog tour Emily Noir Valeria De Luca

Salve lettori del blog, sono Tiziana Cazziero, blogger amministratrice del blog Voltare Pagina.

Oggi sono ospite in questo bellissimo spazio – La bottega dei Libri incantati – per presentarvi l'autrice Valeria De Luca e il suo romanzo Emily Noir.
Questa è una tappa del suo blog tour dove potete leggere parte del primo capitolo e conoscere meglio questa scrittrice grazie all'intervista che potete leggere proseguendo questa lettura.

Ringrazio subito le gentili amministratrici di questo blog che mi hanno concesso questo piccolo spazio, avrei dovuto sostenere questa tappa nel mio blog Voltare Pagina, purtroppo alcuni problemi tecnici insorti recentemente, mi hanno costretto a chiedere asilo politico alla Bottega dei Libri Incatati.


Dopo questa premessa,   procedo con l'appuntamento di questo blog tour - 




Intervista a Veleria De Luca autrice del romanzo Emily Noir incubi nel monastero



1.      Ciao Valeria e ben arrivata in questo blog; ricordiamo subito che sei autrice del romanzo Emily Noir, incubi nel monastero e che  è in corso un blog tour per parlare di te e presentare ai lettori la tua ultima creazione letteraria. Parliamo subito del libro, accennaci qualcosa sulla trama e i personaggi.

Ciao e grazie per l’ospitalità in questo blog. Il mio romanzo parla di una ragazza Emily Noir, costretta dal padre a chiudersi in Monastero. La ragazza, ovviamente, sogna tutt’altra vita, ma non riesce a convincere il padre. Il Monastero ha qualcosa di strano e Emily se ne accorge immediatamente, è in corso un’indagine per la scomparsa di una monaca. Emily aiutata dai suoi sogni che le rivelano alcuni particolari, si insinuerà in una strada molto pericolosa per svelare i segreti e i misteri che si celano all’interno del Monastero. Emily incontrerà Madre Badessa, autoritari, arrogante, presuntuosa e veramente cattiva; Sorella Aurora, la sua compagna di cella, diventeranno amiche intime; l’Agente Thomas Rouge, visto come un principe agli occhi di Emily, ma dovrà tenere nascosti i suoi sentimenti, essendo una monaca.

2.       Come nasce l’idea di creare un blog tour, vuoi spiegare ai lettori di che cosa si tratta e come si svolge? Probabilmente ci saranno altri autori meno esperti che ci leggono e non sanno ancora che cosa sia questa campagna promozionale.

All’inizio nemmeno io sapevo cos’era un Blog Tour, mi sono chiesta in giro a vari blogger gentilissimi che si sono offerte di darmi delle risposte e ho partecipato a un Blog Tour anch’io di un’altra scrittrice. In sostanza il Blog Tour si svolge in determinate tappe, in determinati blog. Ogni blog parla del romanzo, ma ognuno lo fa in modo diverso: c’è chi si occupa dell’intervista, chi della recensione, chi dei personaggi e così via dicendo... alla fine ci sarà l’estrazione del vincitore del mio romanzo, ovviamente solo a chi avrà commentato tutte le tappe del blog tour. Spero di essere stata esauriente.

3.      Quali sono le tue letture preferite e se c’è, qual è l’autore che preferisci e che ammiri più di ogni altro.

Io amo l’horror, il thriller, il paranormale ed è proprio su questi generi che si basano i romanzi che scrivo. Il mio autore preferito è Stephen King, lo adoro! Ultimamente mi piace anche Donato Carrisi.

4.      C’è un libro che ti è rimasto impresso nella mente e che hai riletto più volte?

Sì... “Alice nel Paese delle Meraviglie” è un classico bellissimo!

5.      Quale pensi sia il segreto di un libro di successo? Trama, genere, editore o chissà quale elemento?

Credo una buona copertina d’impatto, una trama intrigante e tanta buona pubblicità!

6.      L’editoria moderna punta molto sull’erotico, il mercato sembra preferire questo genere di letture al momento, scriveresti mai un romanzo di questo genere solo perché il mercato lo richiede? E se te lo chiedesse un editore importante?

Non ho mai letto romanzi erotici, forse potrei anche essere in grado di scriverlo, ma prima dovrei documentarmi, dovrei leggerne parecchi, non scriverei mai così su due piedi solo perché mi è stato ordinato, magari potrei metterci dentro un pizzico di mistero... un pizzico di paranormale e così sono sicura che possa portare il mio nome sulla copertina.

7.      C’è qualcosa che vorresti aggiungere e che non è stato detto? Vuoi indicarci qualche link o pagina che possano interessare i lettori che vogliono seguirti?


I miei link sono disponibili nella prima tappa del blog tour, ma riscriverli non fa male a nessuno.
Il mio sito:
http://valeriadeluca.altervista.org
Il mio Blog:
Vi lascio la mia e-mail, potete scrivermi per qualsiasi motivo, per informazioni, per parlare dei miei libri, per parlare dell’amore sulla scrittura... io sono più che disponibile!
e-mail: valeria.deluca@libero.it

Ciao e grazie del tempo concessomi.
Grazie a te per avermi dato questa stupenda possibilità!!

Questo è un estratto del libro, un estratto tutto per voi, in esclusiva per gentile concessione dell’autrice Valeria De Luca

Estratti capitolo 1

Irlanda 1960.
Il Monastero del Cuore Spinato si ergeva su un colle a strapiombo sul mare, frastagliato da grandi scogli. Avvolto da fitte nebbie, creava un'immagine così spettrale, lugubre.
Il canto delle monache risuonava per quel colle deserto, creando un'armonia melodiosa in quel luogo isolato dal mondo.
Emily Noir, in compagnia di suo padre, aveva il timore di suonare il campanello.

************
Al primo piano risiedevano le novizie, Madre Badessa le fece vedere la sua cella, che avrebbe condiviso con Sorella Aurora. Al primo piano risiedevano le novizie, Madre Badessa le fece vedere la sua cella, che avrebbe condiviso con Sorella Aurora. Emily mise le sue poche cose vicino al suo letto, in un baule. Prese un fazzoletto e asciugò le lacrime silenziose che continuavano a sgorgare dai suoi occhi verdi.
Sorella Aurora la osservava in silenzio, lei non poteva parlare. Nessuna monaca poteva parlare se non nell'ora di ricreazione.

**************************
Emily tirò via la tenda e iniziò a infilarsi la veste da notte e la cuffietta che faceva fatica a contenere tutti quei riccioli.
Il cuscino si impregnò di lacrime. Pensò che tra il monastero e la prigione ci fosse poca differenza. Si sentì prigioniera di quelle mura, ma una dolce musica le giungeva all'orecchio... era il rumore delle onde che si infrangevano sugli scogli e questo allietò il sonno di Emily

1 commento:

  1. Ciao bellissima tappa e bellissima intervista sempre più incuriosita di leggere questo libro...grazie

    RispondiElimina