sabato 16 febbraio 2019

Cover Reveal The KingDom di Silvia Carbone e Michela Marrucci

Cover Reveal
The KingDom
Silvia Carbone e Michela Marrucci


Collana: eLit passion 
Editore: Harmony- Harper Collins

Autore: Silvia Carbone & Michela Marrucci
Data d’ uscita: 1 Aprile 2019 (ebook)  -  Settembre 2019 (cartaceo per Harmony Passion)
Prezzo: 3,99 euro
Link order:

Serie: Take me #2
Titolo legato alla serie Take me:
1)The Pleasure
2)The KingDom

Trama
Dopo aver creato a Miami l'esclusivo club The Pleasure, dedicato ai cinque sensi, Rafiq è tornato a Takei per assumersi le sue responsabilità in qualità di sultano, ma dopo un paio di anni la vita che conduce lo sta annullando. Il suo unico sfogo nelle giornate piene di impegni sono le sessioni di arti marziali in palestra e quelle di sesso con l'amante, briciole per un uomo affascinante e dalla sensualità prorompente come lui. Poi, un giorno, incontra una straniera al mercato, e rimane colpito dalla sua bellezza e dall'attrazione che prova immediatamente. È sicuro che non la rivedrà ma non può impedirsi di fare di lei la protagonista delle sue più spinte fantasie. E quando inaspettatamente la rivede sfodera tutte le sue armi per sedurla. Mai gioco è stato più dolce della conquista del corpo e del cuore di Harmony e mai la felicità così labile...

venerdì 15 febbraio 2019

Recensione: Come in un film di Valeria Angela Conti

Care Cercatrici vi racconto di una storia romantica di Valeria Angela ContiCome in un film”  pubblicato il 5 febbraio 2019.
Titolo: Come in un film 
Autore: Valeria Angela Conti

Editore: Self Publishing
Genere: Romanzo contemporaneo 
Costo: 0,99 ebook
Pag.: 130
Data pubblicazione: 5 febbraio 2019
Trama:
Lexie e Stephen appartengono a due mondi completamente diversi.

Lei è una pittrice di talento, in cerca di qualcuno che apprezzi la sua arte, lui è l'attore più famoso del momento, vanesio e egocentrico e che ha il mondo ai suoi piedi.
Eppure, quando questi due mondi si incontrano, l'uno è attratto dall'altro come due calamite che non sanno perché, 
ma devono toccarsi. 
Tutto accade come in un film. Una strana proposta, una somma da capogiro in palio e il mondo del cinema che unisce e divide. 
Ma quando il film finisce, può la realtà prendere il posto della fantasia?

Recensione:
Come dice il titolo stesso, “Come in un film” è una storia romantica che ho apprezzato per i dialoghi dinamici e la trama stuzzicante che ti fa pensare di vedere un film moderno. Seppur breve, ha soddisfatto le mie aspettative in quanto la storia è ben strutturata e la narrazione smart fa immergere il lettore in uno schermo senza fotogrammi, ma dotato di parole che, grazie alla fantasia, portano a immaginare perfettamente gli eventi.



Il protagonista è Stephen Jones, idolo del momento, perennemente inseguito da paparazzi. La simpatica e singolare protagonista è Lexie, una ragazza che viveva in un ranch popolato da mucche, galline, cavalli compresa lei e sua madre. Trasferirsi nella grande mela è un gran salto verso l’ignoto. È amante delle abitudini e preferisce la compagnia di tele e pennelli a quella delle sue coetanee. Il suo sogno è far conoscere i suoi dipinti ma non pensiate che sia una ragazza ingenua, il suo carattere è forte, deciso e non è il tipo che si fa mettere i piedi in testa: insomma una protagonista tutto pepe e talento. 

I protagonisti si incontrano per caso o meglio si scontrano nel caos della metropoli di NY dove tutti vanno sempre di fretta. 
Come vi dicevo Lexie è una ragazza che ama dipingere e la sua fattoria e non ha mai visto serie tv, cinema o altro. Potete immaginare come possa essersi sentito il caro e famoso Jones a non essere riconosciuto nonostante sia ovunque: nelle pubblicità in tv, al cinema, sui cartelloni affissi per strada... 

«Sei un’Amish?»
 La ragazza lo fissò con aria bellicosa. 
«Ma sei rimbambito per caso? Ti sembro un’Amish» [...]
«Mi stai prendendo in giro? Non ho tempo da perdere, vado parecchio di fretta. Quindi se hai da porgermi delle scuse ok, altrimenti gira al largo.»
«Io sono Stephen Jones» sottolineò. «Non ti dice niente?»
«No, non mi dice niente per fortuna.»
«Mi sembri uno abbastanza montato» continuò lei, aggiustandosi la tracolla sulla spalla. «Anche se hai una bella faccia non ci sai fare con le donne.»
«Come ti chiami?» Le domandò divertito. 
«Non è mia abitudine parlare con gli sconosciuti. Buona giornata»

Questo breve estratto parla dell’incontro dei protagonisti per rendere l’idea di come sono serrati e divertenti i dialoghi che hanno avuto un ruolo essenziale nella costruzione dei racconti rispettando il ritmo e lo stile della narrazione. 
I protagonisti si rincontreranno accendendo nuove parentesi nella trama da coinvolgerti per sapere come dice la stessa autrice, per sapere se quando finisce il film può la realtà prendere il posto della fantasia. È un romanzo che ruota intorno a due mondi diversi ma che si attraggono come calamita offrendo occasioni e seconde possibilità. 
Il finale mi è piaciuto tantissimo e se volete passare qualche ora con il sorriso questo romanzo fa per voi... a chi ama di quell’amore che si legge nei libri e che si vede nei film. 

Chicca





** Copia ARC fornita dall'autore

Recensione: Sei il mio destino di Giulia Ross

Carissime lettrici, oggi vi parliamo di Sei il mio destino di Giulia Ross, spin off della Colors Series  edito Newton & Compton e uscito il 4 febbraio 2019.

Titolo: Sei il mio destino
Autore: Giulia Ross
Editore: Newton & Compton
Genere: romance erotico m/m
Pagine: 247
Costo: versione digitale 0,99 €
Uscita: 04/02/19

Trama: 
Un nome. Un tatuaggio sul cuore e un ricordo doloroso. Questo è ciò che è rimasto di Emerald nella vita di Andrew. Lui ora vive con Eva, la sua mistress e insieme migliore amica, tentando di dimenticare il suo primo e perduto amore. I sentimenti per Emerald tuttavia sono troppo forti per soffocarli e adesso è arrivato il momento di affrontarli, in un modo o in un altro. È così che Andrew racconta la sua storia, dal primo incontro con il ragazzo dagli occhi color smeraldo, prigionieri nella villa di Madame, fino all’ultimo momento trascorso insieme e alla promessa di amarsi per sempre. Gli anni sono passati e ritrovarsi sembra ormai impossibile. Proprio quando tutto sembra perduto, però, un viaggio inaspettato e il matrimonio di un membro della famiglia di Eva aprono le porte a una nuova avventura. Le strade del destino sono come fiumi sulla terra, che scorrono separati per poi infine ricongiungersi nel mare. Sapranno Andrew ed Emerald ritrovarsi con la forza del loro amore?

Recensione: 
Confesso che questa è stata la mia prima lettura m/m. Non mi ero mai approcciata al genere e l'ho fatto con curiosità e aspettativa, rimanendo piacevolmente colpita da questa storia d'amore forte e drammatica.
Andrew viene rapito che è solo un ragazzo, rinchiuso in una villa che diventerà la sua prigione ed educato a diventare uno schiavo del piacere, con la promessa di essere forse un giorno liberato.
Non ricorda nulla del suo passato, e il suo presente lo terrorizza tanto da non riuscire a farsene una ragione. Le regole sono molte e devono essere rispettate, pena una punizione peggiore della morte. Nel profondo di se stesso, trova comunque il coraggio per affrontare questo atroce destino, stringendo poche ma fidate amicizie con gli altri ragazzi a cui è toccata la sua stessa sorte. Ma ce n'è uno in particolare che lo colpisce dritto al cuore, nell'esatto momento in cui i suoi occhi smeraldo s'insinuano nei suoi. Emerald. L'unico che riesce a tenerlo aggrappato alla speranza che forse, in una realtà tanto buia, possa ancora esistere un raggio di luce.

Non potrei mai dimenticare Emerald, nemmeno se lo volessi con tutto me stesso. Il suo volto è nel sole o nella pioggia di tutte le mie giornate, nelle facce e nelle voci di chi incontro sulla mia strada. Si riflette persino nei sogni, rifrangendosi in un caleidoscopio di ricordi.

L'autrice catapulta il lettore nell'animo di Andrew con maestria, guidandoci attraverso le sue emozioni e il suo animo profondo e tormentato, riuscendo a farci provare con forza tutte le sensazioni del protagonista. Ho amato la dolcezza di Andrew fin dalle prime pagine, la sua voglia di amare nonostante la disperata situazione in cui si trova, e il suo donarsi totalmente a Emerald, l'unico che riesce a vedere nel profondo della sua anima. Emerald sa indossare molto bene la maschera dell'indifferenza per proteggere la loro incolumità, e il suo atteggiamento distaccato e i suoi modi a volte bruschi nascondono invece un animo tormentato, e una struggente passione nei confronti del ragazzo dai capelli biondi.

Un secondo, poi le labbra di Emerald sono sulle mie e bruciano come ferri roventi. Il suo bacio mi travolge, le sue braccia mi serrano in una morsa e il fuoco nel mio cuore divampa, incenerendo tutto ciò che mi circonda. Non ci sono più pareti, il pavimento, il soffitto attorno a noi. La paura delle guardie di Madame. Tutto si sgretola e siamo di nuovo due, soli nell'universo.

Tuttavia, in un contesto tanto spietato non c'è spazio per l'amore e la loro relazione viene ostacolata dalle rigide regole del posto e dall'impellente paura di essere scoperti. Quella villa nasconde segreti che nessuno ha il coraggio di svelare, ma che si riveleranno presto agli occhi di Andrew come l'unica via di uscita da quella prigione per il corpo e per l'anima. Ho amato la delicatezza con cui l'autrice ci sa guidare nella vita del protagonista, nella sua storia d'amore con Emerald e anche purtroppo nella schiavitù a cui è sottoposto. Confesso che alcune parti mi hanno scossa, spingendo a riflettere che purtroppo realtà del genere esistono davvero, e l'autrice ha sempre lasciato aperto uno spiraglio di speranza che se a tratti mi rincuorava, mi ha fatto comunque trattenere il fiato fino alla fine.

Ci amavamo profondamente un tempo, ma eravamo chiusi in un mondo parallelo dalle regole distorte e forse i nostri sentimenti si sono cementati senza una vera direzione, crollando alla fine in un cumulo di polvere.

Passano gli anni, ed Andrew è un uomo con una ferita tatuata sul cuore. Una ferita d'amore che non si può rimarginare, perché quando una persona ti sconvolge l'anima in quel modo è impossibile dimenticarla. Gli occhi di Emerald sono ancora lì, a tenerlo prigioniero di un passato che se da un lato vuole dimenticare con tutto se stesso, dall'altro non riesce a lasciar andare, poiché sarebbe come dire addio al suo più grande amore. Riuscirà il destino a donargli finalmente quella pace che cerca?

Consigliato a tutti quelli che hanno voglia di una storia struggente, che lascia col fiato sospeso e che fa riflettere sulle emozioni e sulla vita.

Alice



*Copia Arc fornita dalla casa editrice

Anteprima: Rock & Soul di Betty Nakaichi

Rock & Soul
Betty Nakaichi

Titolo:Rock & Soul
Autore: Betty Nakaici
Editore: Hope edizioni
Progetto grafico: Angelice
Uscita: 19 febbraio 19
Trama:
Ethan e Laura suonano la stessa canzone, con la stessa chitarra, sotto lo stesso cielo. Si sono già incontrati tre anni prima in un ospedale, ma oggi non si conoscono. E si cercano, nonostante tutto. 
Ethan Reed, musicista ed ex leader dei Light Dam, scappa da una vita che lui stesso ha contribuito a distruggere e, in esilio in Giappone, cerca di espiare colpe che lo stanno portando sempre più a fondo. 
Laura, cameriera part time a Tokyo, ha trascorso gli ultimi anni cercando la voce di chi l’ha riportata in vita dopo un incidente spaventoso in cui ha quasi perso la vita. Trascurando i propri sogni, si è annullata in una routine che non le appartiene, ma che spera la conduca all’uomo che sente di dover ringraziare. 

E se la musica potesse aiutare entrambi e unire ciò che forse non è mai stato diviso?
Come le principesse delle favole, anche Laura è caduta in un lungo sonno. 
Il suo principe non l'ha svegliata con un bacio, ma con la propria voce. Una canzone è tutto quello che lui le ha lasciato.

Recensione: La vita inizia quando trovi il libro giusto. di Ali Berg, Michelle Kalus

Carissime lettrici, oggi vi parliamo di La vita inizia quando trovi il libro giusto di Ali Berg e Michelle Kalus, uscito in Italia il 10 gennaio 2019 per Garzanti.
Vediamo di cosa parla questo romanzo.

Titolo: La vita inizia quando trovi il libro giusto
Autore: Ali Berg, Michelle Kalus
Editore: Garzanti
Genere: Narrativa, Rosa
Pagine: 280
Costo: € 17.90 cartaceo, € 9.99 e-book
Uscita: 10/01/19

Trama: 
Frankie ha sempre cercato le risposte nei libri. Al perché la sua carriera non sia decollata, al perché sia così difficile andare d’accordo con sua madre o, a ventotto anni, non abbia ancora vissuto la sua grande storia d’amore. Leggere le pagine di Jane Austen, Francis Scott Fitzgerald e John Steinbeck l’ha sempre aiutata. Ma, al di fuori delle amicizie letterarie, Frankie si sente spesso sola. La sua vita, ora, sta per cambiare. Il suo piano non può fallire. I libri non possono tradirla. Per giorni ha lasciato una copia dei suoi romanzi preferiti sui mezzi pubblici che prende per andare al lavoro, scrivendo all’interno il suo indirizzo e-mail. Perché per una grande lettrice come lei non c’è modo migliore di fare nuove conoscenze, o addirittura di trovare l’anima gemella, se non grazie a un libro. Ne è sicura. Quando le risposte cominciano ad arrivare, Frankie colleziona appuntamenti su appuntamenti. E, purtroppo, delusione su delusione. Perché, di fronte a lei, si presentano le persone più strambe che abbia mai conosciuto e nessuna sembra quella giusta. Tra di loro non c’è l’ombra né di un amico né tantomeno di un fidanzato. Fino a quando non incontra Sunny, un uomo che sembra uscito da uno dei suoi romanzi preferiti. Ma ha un difetto terribile: gusti letterari opposti ai suoi. Una cosa su cui Frankie non può proprio passare sopra. L’uomo giusto deve leggere i libri giusti. Frankie si trova a un bivio. Per vivere una favola d’amore deve accettare Sunny con i suoi pregi e i suoi difetti. Accettare che l’uomo accanto a lei possa amare autori che lei non ha mai letto. Perché una nuova vita inizia quando trovi l’amore. Ma anche quando trovi una storia da leggere, che apre orizzonti inaspettati e fa scoprire nuovi protagonisti da incontrare.

Recensione:
Quando ho visto questo romanzo tra le uscite del mese, ne sono stata subito colpita. Non subisco il fascino dei casi letterari, ma in questo caso la trama mi aveva colpita per i richiami ai romanzi e quindi, come ogni bibliofila, ero entusiasta all’idea di potermi dedicare a questa lettura e scoprire quanto mi avrebbe fatto innamorare anche nella realtà.
Frankie è una libraria, ex scrittrice con un primo libro entusiasmante e un secondo libro flop alle spalle, single per scelta altrui, e in pieno blocco dello scrittore. La sua vita è immobile su ogni fronte e il pretesto per sbloccarsi e ricominciare glielo fornisce Cat, amica, collega, capa della libreria assieme al marito Claud.
Allora, diciamolo subito: l’idea di spargere i libri preferiti sulla metro di Melbourne, con una nota all’interno, per trovare al contempo un uomo perfetto e l’ispirazione volatilizzata è bellissima. Ha lo stesso fascino del lanciare un messaggio segreto in bottiglia e sperare che qualcuno trovi e riporti il prezioso contenuto. Metaforicamente parlando, Frankie nutre la speranza che tale messaggio in bottiglia le venga riportato dal corrispettivo di Hook di Once Upon a Time, con cui scoprire una affinità stupenda e via dicendo.
Il problema è che quell’affinità lei la trova non con uno dei suoi discutibili appuntamenti, bensì con un uomo meraviglioso che entra nella libreria e razzia il reparto Young Adult: per un’amante dei classici e dei grandi romanzi come Frankie, amare la narrativa commerciale è il peccato originale.
E d’altronde quante volte capita che si venga criticati per quello che si legge? Lo sanno bene i lettori di genere, quanto può essere svilente sentirsi chiamare in un certo modo solo perché si amano letture che non hanno vinto un Pulitzer o un Nobel. Il tema della “discriminazione” è sicuramente attuale nel mondo della lettura, così come è interessante assistere all’esperimento di bookcrossing che poi è tratto da un’esperienza reale delle due autrici che si chiama proprio Books on the Rail. Insomma, un en plein di argomenti succosi per chi ama i libri.

«Posso elencarti cinque validi motivi che spiegano perché i libri per adolescenti sono migliori di qualsiasi altro genere.
Primo: sono tesori letterari (…)
Secondo: sono innovativi (…)
Terzo: commentano la cultura pop e gli affari correnti (…)
Quarto: sono ambiziosi e hanno grandi aspirazioni (…)
E quinto, due parole: Harry Potter».

Se sulla carta questo libro doveva farmi impazzire, nella resa non ne sono stata travolta come speravo. Non mi ha infastidito l’essere snob di Frankie nei confronti dei lettori di narrativa commerciale, perché fondamentalmente amo quando un personaggio parte prevenuto e negativo per poi vedersi smontare ogni certezza, ma qui ammetto di non aver provato questa sensazione catartica. 
La controparte maschile, Sunny Day, è un uomo affabile, bello, eccentrico che ha le carte in regola per farsi apprezzare. È lui l’appassionato di young adult, ma questo è davvero l’ultimo dei suoi problemi. Non farò spoiler, ma c’è qualcosa nel passato di Sunny che non è ancora risolto al cento percento ed è qualcosa di davvero importante. La tematica è sicuramente seria e mi sarei aspettata più cura nel maneggiarla, invece è rimasto un po’ tutto sulla superficie, compresa la storia d’amore tra loro due: il rapporto di Frankie e Sunny non si basa su episodi scontati, sia chiaro, anzi se dovessi trovare un aggettivo per descriverlo direi che siamo nel campo dell’ironico che sconfina nel bizzarro. Ma proprio la bizzarria di alcune scene e le scelte della protagonista fino alla fine me li ha resi poco credibili.

La baciò con un bisogno appassionato e urgente, diverso da qualsiasi cosa lei avesse mai provato. Se fossero stati personaggi di un libro, tutto ciò che li circondava sarebbe scomparso, i bottoni sarebbero volati via, le scarpe sarebbero cadute.

Il contorno del romanzo è piuttosto variopinto, con dei secondari diversificati che aiutano o ostacolano la protagonista, a seconda dei punti di vista. Tra la famiglia, le amicizie e gli appuntamenti non manca il materiale per il blog di Frankie, e tra i secondari ce n’è per tutti i gusti: alcuni vengono odiati, alcuni amati, altri restano indifferenti, ma si può dire che la struttura che circonda Frankie sia vivida e tocchi una moltitudine di argomenti diversi legati all’amore.

Iniziare un nuovo libro è come uscire con un uomo la prima volta.

La parte più interessante sono state di sicuro le riflessioni sui libri, le citazioni che si trovano all’interno dei capitoli, i continui richiami alle letture più conosciute che fanno venire voglia di aggiungere titoli su titoli alla famosissima “lista” che ogni booklover possiede. È bello sapere che non siamo soli nella nostra “follia” per e-reader e inchiostro.

Perché questa è la vita. 
Succedono cose terribili e si cerca di venirne fuori e di tornare a credere che non tutto e tutti ce l’hanno con te.

“La vita inizia quando trovi il libro giusto” è stato un acclamato caso editoriale, è piaciuto tantissimo e probabilmente le mie aspettative pre-lettura mi hanno un po’ fregato. Non è un romanzo che sconsiglio, ma su di me non ha avuto l’effetto magico, per cui l’unica cosa che vi resta da fare ora è leggerlo e vedere cosa succede. Anche se non lo è stato per me, questo potrebbe essere il libro giusto per voi.

Anna N.


*Copia Arc formita dalla casa editrice

giovedì 14 febbraio 2019

Cover Reveal Vicious Senza Pietà   di L.J. Shen

VICIOUS 
Senza pietà
L.J. Shen

L' Always presenta il primo libro della
The Saints' Series, in uscita il 28 febbraio.

DATA D'USCITA: 28 febbraio 2019
Prezzo: 13,90 € ed. 
cartacea - 5,99 € ed. digitale.
Collana Always Romance n. 13
ISBN 9788885603226
Disponibile in versione digitale su tutti gli stores e in versione cartacea in tutte le librerie

Un successo negli USA, dove questo nuovo fenomeno del rosa ha conquistato migliaia di lettrici

Sinossi
C’è solo un confine sottilissimo a separare l’odio e l’amore. 
C’è solo un confine sottilissimo a separare Vicious ed Emilia. 

Quando i suoi genitori accettano di lavorare al servizio degli Spencer, Emilia LeBlanc si ritrova a vivere sotto lo stesso tetto con l'erede della famiglia, Baron “Vicious" Spencer. Vicious è sfrontato, spietato e pieno di rabbia. Ma l’arrivo di Emilia turberà il suo equilibrio al punto che, da quel momento, Vicious avrà un unico obiettivo: rendere la vita della figlia della domestica un vero inferno sulla terra. Emilia farà di tutto pur di evitare di incrociare la strada di Vicious. Vicious farà di tutto per farle rimpiangere di aver messo piede a Todos Santos. 

Dieci anni dopo, Baron Spencer è un avvocato brillante, uno scaltro negoziatore, un bellissimo bugiardo. E ha un piano per vendicarsi di chi lo ha ferito in passato. Quando, nella fredda New York, il suo cammino torna a incrociarsi con quello di Emilia che versa in gravi difficoltà, Vicious le offre un lavoro e lei si ritroverà di nuovo intrappolata nella sua ragnatela spietata. 

Emilia non può immaginare che il ritorno prepotente dell'uomo che è stato il suo tormento, e insieme il protagonista dei suoi sogni, farà crollare tutte le certezze della sua vita come tessere del domino. Stavolta Vicious non si fermerà, non fino a che lei non sarà sua.

Recensione: Grip di Kennedy Ryan

Dopo la pubblicazione della novella "Flow" (#0.5) di cui potete leggere la recensione qui, oggi arriva "Grip",  primo libro della omonima serie di Kennedy Ryan.

Serie: Grip #1
Editore: Hope edizioni
Genere: Contemporary Romance, Music Romance
Traduzione a cura di: Claudia Mongiat
Progetto Grafico: Angelice Graphics and Book cover Designer
Data di uscita: 14 febbraio 2019

Trama:
Opporsi a una forza irrefrenabile ti sfinisce e ti svuota.
Lo so.
L’ho fatto per anni.
Posso anche non essere dotata a livello musicale, ma ho un certo fiuto per il talento e ho occhio per lo straordinario.
E Marlon James, Grip per i suoi fan, è a dir poco straordinario.
Anni fa, abbiamo trascorso qualche magica serata insieme, ma tengo quei ricordi in un cassetto chiuso, di cui ho gettato via la chiave.
Tutto ciò che ci resta sono l’amicizia e il lavoro.
Lui è all’apice di un successo inimmaginabile, tutti i suoi sogni sono pronti a diventare realtà.
Io gestisco la sua carriera, ma non riesco a gestire il mio cuore.
è sfrenato, avventato e disobbediente.
E mi ricorda tutte le cose che voglio dimenticare.

Recensione:
Sono mesi che sto aspettando di leggere Grip, da quando ho scoperto l'autrice leggendo il prequel, Flow, che mi ha stupito e lasciato a bocca spalancata e disperata.
Non è facile scrivere questa recensione senza fare spoiler e chi mi legge sa benissimo che non ne faccio mai, ma sono giorni che ho finito il romanzo e davvero non so come accingermi a raccontarvi del libro senza lasciarmi sfuggire nulla. Ho l'impressione di non potervi dire praticamente nulla perché mi sembra che tutto possa raccontarvi troppo e togliervi il gusto della sorpresa... soprattutto per chi non ha letto Flow. Insomma questo è uno di quei libri che va semplicemente letto e non raccontato attraverso una recensione! E come potete immaginare il mio voto è ampiamente positivo, così tanto contenta di averlo potuto leggere che vi giuro non sarei più voluta uscire dalle pagine del libro nonostante sia stata una lettura da montagne russe e un pò di gastrite ti viene spesso. Ma di Grip non si può farne a meno, dà dipendenza e assuefazione. 
Consiglio questo libro a chi ama i music romance, le letture da maalox vicino al comodino e soprattutto a chi ama leggere di protagonisti di colore nei romanzi. 

Siamo come neve all’inferno, senza alcuna possibilità di esistere.

Quest'ultimo punto è da metterci l'accento perché Grip non è un semplice romanzo dove il protagonista è di colore e dove per pagine e pagine magari non ci fate neppure caso, no Grip è pure un romanzo di denuncia sociale, un romanzo che parla dei bianchi e dei neri, dei pregiudizi che si hanno da entrambe le parti. E' un romanzo che veicola questi messaggi anche attraverso la musica. Kennedy Ryan ama la poesia, l'ha sempre amata e cita anche poeti spettacolari nelle sue pagine, e non vi nascondo che mi sarebbe piaciuto leggere il testo di Bruise, la canzone che Grip ha scritto per denunciare quello che succede nel suo quartiere, e invece ce l'ha lasciato veicolare attraverso la narrazione raccontandoci di cosa parla, ma sono sicura che ha la stoffa per osare e scriverla perché è stata formidabile.
Marlon James protagonista del romanzo, una delle due voci narranti, nonché cantante, non si può non amare, ha l'animo del poeta e lo si vede nelle sue canzoni. Ama e si strugge, e io l'ho fatto con lui per tutte le pagine di questo romanzo e avrei voluto sbattere al muro più volte la protagonista per non avere il coraggio di affidarsi. Okay, Bristol aveva tutte le sue dannate spiegazioni psicologiche e il suo pesante bagaglio emotivo ma davvero di fronte a uno come Marlon doveva solo arrendersi o lasciarlo a me :D

Ero così affamata di attenzioni da aver scambiato quelle di Grip per gentilezza. Per qualcosa su cui poter contare. Qualcosa in cui credere. Ho dimenticato che posso contare solo su me stessa e credere solo in me stessa. Ma adesso me lo ricordo.

A parte gli scherzi, psicologicamente parlando ci stanno le sue paure, il suo nascondersi, combinare piani per tenersi a distanza fino a quando tutto non le si ritorce contro, ma veramente assistere a quanto male si sono fatti, quanto dolore hanno provato è assolutamente straziante. Bristol ha sempre mendicato briciole di affetto, l'attenzione dei suoi e praticamente ha vissuto una vita da invisibile, come un fantasma per quasi tutta la vita. Vive con la costante paura di essere come sua madre, di essere sua madre e vive proteggendosi fino a quando entrambi non arrivano a comprendere quanto è grande questo amore, così grande da portare a dei gesti immensi e impensabili. Perché l'amore è così, quando si ama in modo così smisurato si pensa solo al bene dell'altro.

«Non senti quanto siamo connessi?», chiedo. «Se spezzo il tuo cuore, spezzo anche il mio».

Ma il bello è che oltre le montagne russe che combinano i due protagonisti prima di riuscire a raggiungere il loro sospirato lieto fine, ci si mettono anche tutti gli altri a far casini... e l'autrice affronta un tema poco battuto del pregiudizio che hanno i neri nei confronti dei bianchi.

Pensi che abbia fatto tutti quei sacrifici così che tu potessi essere un cliché vivente? Un uomo di colore che pensa che una donna bianca sia il simbolo supremo del successo? Come se fosse una bella macchina o una casa grande, ma con i capelli biondi?

hai idea di cosa significhi vedere i nostri uomini migliori scegliere sempre voi. Non appena ottengono qualcosa, non appena diventano qualcuno, devono prendersi una donna bianca per sentirsi gratificati.

L'ho divorato in una notte insonne soffrendo come una matta pur sapendo che sarebbe finito così, ma non mi aspettavo come ci sarei arrivata... e devo dirvi fin dalle prime battute l'autrice mi ha spiazzato perché mi aspettavo tutta un'altra storia!
Tra le pagine ritroverete tutti gli altri personaggi che compaiono in Flow e ci sarà qualche spoiler di troppo sulla storia di Rhis ma anche quel romanzo è sicuramente da leggere perché sappiamo che ci sarà un grandioso lieto fine, ma sicuramente la Kennedy ci stupirà nel viaggio che compierà Rhis per raggiungerlo.
Complimenti a questa autrice favolosa, non vedo l'ora di leggere gli altri volumi della serie e tutto quello che ha scritto perché merita veramente.


Fabiana




*grazie alla CE per averci fornito il romanzo per la lettura

Recensione: RESPECT (The Breaking Point Series#3) di Jay Crownover.

Care lettrici, vi parliamo di Respect, terzo e ultimo libro della serie Breaking Point di Jay Crownover.
In uscita oggi, edito da Newton Compton.

Autore: Jay Crownover
Editore: Newton Compton 
Genere: Contemporary romance
Pagine: 230
Costo: ebook €. 5,99 cartaceo €. 9,00
Uscita: 14 febbraio 19
Trama:
«Jay Crownover non delude mai!»
Breaking Point Series

C’era una volta la bellissima principessa Karsen. La sua, però, non è una favola come le altre. Karsen viveva in un regno di malvagità e corruzione, ma al riparo dagli orrori del mondo. Ignara della sofferenza, la principessa era innamorata della città che bruciava intorno a lei, ne amava gli angoli oscuri, le ombre spaventose. Fu così che consegnò il suo cuore nelle mani di un uomo pericoloso e violento, sorda ai suoi avvertimenti: lui diceva di non meritarla, ma lei non voleva credergli. Nonostante la sua indole brutale, quando erano insieme lui si dimostrava attento e premuroso. Karsen doveva sapere che l’oscurità avrebbe inghiottito la città e l’uomo che amava, ma il dolore per il suo tradimento fu tale che si trovò costretta a fuggire, con il cuore spezzato. Gettò via la corona sperando di riuscire a dimenticare e lasciarsi tutto alle spalle. Ma nel regno oscuro di questa favola, la famiglia è tutto. E Karsen non ha altra scelta se non tornare indietro. Ora, però, non è più un’ingenua principessa…

Un’autrice bestseller del New York Times e di USA Today È facile amare la luce, ma ci vuole coraggio per amare il buio
«Finalmente la storia di Booker e Karsen. Ho dovuto attendere a lungo ma ne è valsa la pena.»

«La Breaking Point Series è finita, ma è probabilmente la migliore serie che abbia mai letto.»
Jay Crownover
vive in Colorado. Ama i tatuaggi e l’arte di modificare il corpo, e cerca di fare in modo che la sua scrittura sia permeata da tutto ciò che vede. Le piace leggere, soprattutto storie che la coinvolgano e appassionino; naturalmente, se c’è un bad boy bello e tatuato è sempre meglio. La Newton Compton ha pubblicato la Tattoo Series e la Welcome SeriesHonor e Instinct sono i primi due libri della Breaking Point Series, di cui Respect è il terzo volume.
Le nostre recensioni

(Le nostre reecensioni) 
Breaking Point Series
Vol #1 HONOR
Vol #2 INSTINCT 
Vol #3 RESPECT

Welcome Series
Vol #1 BAD LOVE
Vol #2 BIG LOVE
Vol #3 LOVE FOREVER

Recensione:
Quando si scrive una storia d'amore con un bellissimo principe ricchissimo fighissimo o di un bad boy che di bad ha poco perché cattivo solo di facciata è scontato che venga amato e conquisti. Ma scrivere di un principe azzurro scolorito, lacero con le mani sporche di sangue il corpo mappato da ferite di armi da taglio e proiettili non è così scontato, diciamo quasi nullo. Se però la creatura nasce dalla fertile mente di Jay Crownover allora tutto cambia. 
Respect il terzo e ultimo libro della The Breaking Point Series della Crownover. 
Con Noah Booker e Karsen Carter si chiude la serie e ci salutano tutti i personaggi che abbiamo conosciuto strada facendo. 
Karsen ormai ha 23 anni si è appena laureata in giurisprudenza. Sono passati 4 anni da quando ha lasciato precipitosamente The Point. Ora è tempo di tornare ma dopo essere stata profondamente ferita da colui che ama dall'età di 16 anni, non ha molta voglia di farlo, così come non vuole più incontrare "lui". Noah Booker il suo gigante tatuato a cui ha donato il suo giovane cuore, e che lui ha saputo spezzato in mille frammenti.

Avevo costretto me stessa a diventare a prova di proiettili. Noah Booker l’aveva reso possibile. Mi aveva devastato. Mi aveva ridotto in un milione di minuscoli pezzetti. Ognuno di loro fragile e delicato.

Ma Noah non ci sta più, dopo aver aspettato ben 4 anni, lui vuole vedere per un ultima volta la sua Karsen e poi lasciarla andare via per sempre. Ma non è questo il destino del loro amore. 

Dovevo portarla a casa e poi dovevo lasciarla andare. Era giunto il momento. Mi stavo aggrappando a qualcosa che non sarebbe mai stato mio. Era giunto il momento di liberarla.

Preparatevi a una storia d'amore dolce ma molto intensa e sensuale. Una coppia che si completa a vicenda in modo assolutamente perfetto. 
Booker un principe azzurro sbiadito che per sopravvivere invece dello scettro usa pistole e fucili. 
Un principe azzurro che ama la sua principessa con tutto se stesso e che per lei darebbe la sua vita.

Amo i personaggi di The Point, per come la Crownover li ha strutturati e per non averli snaturati nel processo di maturazione. Dà loro un motivo per essere migliori per cercare di essere all'altezza della donna o dell'uomo che amano più della loro stessa vita. Migliorano, maturano ma come nella realtà non subiscono una totale metamorfosi.

Lentamente ma inesorabilmente, stava facendo proprio quello che aveva promesso, stava dando la caccia a tutti i demoni che possedevano tanto di chi ero e di chi ero stato per anni. Mi stava restituendo ognuna delle cose che mi avevano portato via.

Sono psicologicamente coerenti. Tutti hanno un bagaglio pesantissimo alle spalle, quasi insostenibile. 
Sono dei veri guerrieri sopravvissuti che hanno visto e vissuto all'inferno, con il corpo e la mente segnata. Questi "principi" e "principesse" non scordano quello che hanno subito da chi avrebbe dovuto invece prendersi cura di loro fin da piccoli. 
Il loro scopo è regnare a capo della malavita e muoverne le fila, così che a The Point nessun essere umano di qualsiasi età o sesso, subisca più vessazioni, umiliazioni o violenze. Da chiunque esso possa arrivare, che sia dalla stessa famiglia che da estranei che dalle stesse istituzioni.

Nutrivo tantissima ammirazione per Booker e per il modo in cui sembrava sempre avere una parte di sé che resisteva e si ribellava alle brutte cose che faceva. Non era un brav’uomo, non si poteva definirlo un eroe neanche con il più sfrenato volo pindarico. Ma vedevo che c’era un lato di lui che desiderava esserlo, solo che non sapeva come.

Bax e Novie, Rece e Brysen, Nassir e Keelyn, Stark e Noe Lee, Booker e Karsen. Sono il male minore, loro SONO LA CURA. Tutti loro chi più e chi meno si è infiltrato nel tessuto sociale sommerso della malavita di The Point per prenderne il possesso e ripulirlo da gente senza scrupoli e creando delle strutture di accoglienza che funzionano col passa parola. "Togliendo ai ricchi per dare ai poveri". Hanno ripulito la città da spacciatori, ladri, assassini, stupratori e politici corrotti. Giocando sporco a loro volta.

La legge operava con lentezza e tendeva a essere faziosa e arbitraria. La rappresaglia di strada era veloce, efficace e indimenticabile.

Ai i nostri ragazzi le carta della vita ha passato una pessima mano, non è stata ne tenera ne buona. Finché non sono arrivati a The Point. Adesso quella per loro è "casa" e ne avranno cura, e se per farlo servono dei giusti contatti, delle armi e Hacker geniali ben venga. Per i nostri ragazzi non esiste più il comandamento "porgi l'altra guancia". No, per loro esiste la regola occhio per occhio dente per dente. Ed avranno la loro vendetta in un modo o nell'altro. 
Chi siamo noi per giudicarli? 
In questo ultimo libro vedremo tutti personaggi e quello che hanno costruito e hanno portato a compimento, da quando è iniziata serie Welcome con Bax e Dovie.
Mi sono affezionata a questi personaggi perfettamente Imperfetti di questa serie con storie autoconclusive ma interconnesse tra loro, ne sento già la mancanza. 

Alla fine avevo trovato lo scopo della mia vita. Non dovevo essere un uomo ammirato e temuto, ma un uomo amato e rispettato da lei e solo lei.

Mi hanno saputo emozionare, commuovere creandosi per sempre un angolino nel mio cuore.
Ringrazio la bravissima Jay Crownover per avermi fatto sognare una volta ancora, grazie allo stile e alla sua straordinaria penna.
Un autrice che con il suo intervento finale in Respect, mi ha fatto piacevolmente scoprire che scrive  sopratutto per le fan oltre che se stessa, e non guidata solo dalle vendite. Perché lei ha fortemente voluto portare a compimento questa serie nonostante le percentuali delle vendite non siano state molto positive. Conosco un'altra autrice che scrive per noi fan e per se stessa, la mia amica Fabiana A. E io non posso che provare un'altissima stima per entrambe le due scrittrici.

Per concludere vi dico che il contesto non è dei migliori e le tematiche sono molto delicate. 
Ma se non avete letto la serie Welcome e la serie spin-off Breaking Point, allora vi consiglio di dargli una possibilità, perché meritano davvero.
Un bacio alla prossima, se volete.

Virgy

*Copia Arc fornita da Newton Compton 

Recensione: L’ultima notte di Samantha Towle

Carissime lettrici oggi vi parliamo di L’ultima notte di Samantha Towle.
Vediamo di cosa parla questo romanzo.

Titolo: L’ultima notte
Autore: Samantha Towle
Editore: Newton Compton
Genere: Contemporaneo
Pagine: 416
Data: 14/02/2019
Costo: 5,99 (ebook); 9,00 (cartacea)

Trama: 
Quando ha deciso di seguire la sua passione e diventare un meccanico di auto da corsa, Andressa “Andi” Amaro si è imposta una sola regola: mai innamorarsi di un pilota. Ha degli ottimi motivi per stare alla larga da quegli individui egocentrici e narcisisti e non intende infrangere il suo proposito. Carrick Ryan è la star della Formula 1. Un viso angelico e un corpo in grado di far sciogliere qualunque donna lo hanno fatto diventare uno degli uomini più desiderati in pista. E il suo accento irlandese non fa che renderlo ancora più irresistibile. Sull’asfalto e nella vita, è uno che spinge sull’acceleratore. Perché accontentarsi di una vita in prima quando puoi andare al massimo? Quando a Andi viene offerto un posto da sogno nel mondo glamour della F1, lascia la sua casa in Brasile, sicura di poter gestire uno sbruffone come Carrick. E invece durante il loro primo incontro volano scintille. Adesso che Carrick si è messo in testa di averla, non ha nessuna intenzione di arrendersi finché non avrà convinto Andi a superare tutti i suoi limiti.

Biografia:
Ha iniziato a scrivere mentre aspettava il primo figlio. La Newton Compton ha pubblicato il suo romanzo d’esordio Nonostante tutto ti amo ancora, la serie bestseller The Storm (The Bad Boy, The Wild Boy, Lover Boy) e i romanzi Troppe volte vorrei dirti di no e L'ultima notte. Vive con il marito e i figli nell’East Yorkshire. Per saperne di più: www.samanthatowle.co.uk

Recensione:    
L’ultima notte è un romanzo che mi ha tenuta incollata alle pagine dall’inizio alla fine. Finalmente un libro che non mi ha lasciato respirare. Non perché sia particolarmente tragico, ma perché è una bella storia, scritta bene, con cambi di scena e di direzione; una storia che non annoia e che si legge davvero molto bene. Sarà poi che mi piacciono i romanzi in cui la protagonista femminile pur essendo bella, perché è pur sempre un romanzo, è anche particolare ed esce un po’ fuori dai canoni che solitamente si trovano tra le pagine di un libro, anche se ammettiamolo il fisico da modella non glielo risparmia nessuno. E poi adoro le storie ambientate tra le piste, in questo caso di Formula 1. 
Andressa è un giovane meccanico di talento, con la testa sulle spalle e un talento tutto da dimostrare visto che il suo aspetto da red carpet anche per le sue origini brasiliane, svia spesso coloro che la conoscono. Divertente, fedele, capace di tener testa a chiunque anche ad un pilota un po’ troppo sicuro di sé, fragile ma allo stesso tempo tenace, Andressa è una donna capace di uscire fuori da una tutta informe per indossare tacchi vertiginosi rimanendo se stessa. Una giovane donna che ha perso il padre da bambina, evento che ha segnato le sue scelte di vita spingendola verso la meccanica e che condizionerà poi il rapporto con Carrick. 
Carrick è un pilota di Formula 1, abituato a vincere in pista e con le donna, non ammette rifiuti. Atletico, sguardo da “voglio spogliarti subito” e animo generoso ben nascosto, lui è IL protagonista maschile per eccellenza. Unico difetto: molta fatica per acchiapparlo, ma quando ci si riesce è davvero uno spettacolo.
Andressa e Carrick sono una coppia incandescente, la passione non manca, ma stenterà a sbocciare anche se le fiamme divamperanno, eccome! Eppure se da una parte c’è lui che ha paura di essere abbandonato pur non ammettendolo, dall’altro c’è lei che in un pista ha già perso qualcuno e non può rivivere una simile perdita ancora. La loro sarà una storia travagliata, fatta di amicizia, passi falsi, battute d’arresto, ripartenze e baci infuocati. Ci saranno momenti in cui vorreste dare una bella strigliata un po’ a lui e un po’ a lei, ma posso assicurarvi che passeranno. 

“Poi fa una cosa che i stupisce. Mi prende la mano, come se per lui fosse il gesto più naturale del mondo. Forse lo è. Passa molto tempo con le donne. Probabilmente l’ha fatto senza rendersene conto. Quindi non mi faccio domande, né su questo, né sul perché del fremito del mio corpo. Lo sento accarezzarmi la mano con un dito…”

Il tutto si svolgerà in giro per il mondo. Un po’ in Cina, un po’ in Europa, seguendo le tappe del Gran Premio, il lettore seguirà anche le diverse tappe della loro storia. 
Lo stile è come sempre ben studiato. Mai rallentamenti, mai punti morti, tutto procede ad una buona velocità senza essere troppo rapido e senza perdere dettagli nelle scene. Si vive più che altro il prima e il dopo gara, quindi poche descrizioni di auto e di piste, ma piuttosto più vita da Garage. 
Anche i personaggi secondari sono bene strutturati. Le figure maschili di riferimento dei due protagonisti, Owen e John, sono quelli che mi sono piaciuti di più. Presenti ma non troppo guidano senza imporre, e consolano quando tutto va male dispensando consigli saggi capaci di far riflettere. 
In conclusione, questo romanzo merita di essere letto quando avete voglia di sorridere e il minuto dopo arrabbiarvi, per poi infine innamorarvi. 

Claudia


*Copia Arc fornita dalla casa editrice

Cover Reveal The aristocrats di Daria Torresan & Brunilda Begaj

The aristocrats
Daria Torresan & Brunilda Begaj


Uscita prevista: giugno 2019
Selfpubblishing
Genere: mafia romance

Trama:
Ricchi, potenti e di una bellezza quasi eterea, i fratelli Doko sono “I signori dell’est-Europa”. Arroganti, pericolosi e disonesti fino al midollo, non provano pietà, non rispettano le regole e l’unica legge che conoscono è la loro. 
La sola parola che conta è la loro. 
Tutti li temono, tutti chinano il capo al loro cospetto. Tranne le sorelle Norik, discendenti dirette della donna più autorevole e rispettata nell’Europa orientale, nonostante il passato per nulla glorioso. Il loro cognome è sinonimo di potere e protezione. Per loro la legge è al di sopra di tutto, non giocano sporco, non ne hanno bisogno. Ma il loro rispetto va guadagnato e i Doko l’hanno perduto da tempo. 
C’è un confine invalicabile tra le terre degli uni e delle altre. 
Due famiglie, due imperi in lotta da sempre per la supremazia. Ma la loro battaglia rischia di portare alla luce troppi segreti. Quanto a lungo possono i protagonisti di questa faida farsi carico dell’antico odio che li separa? Quanto, prima che gli istinti carnali sfocino in una passione travolgente? 
Perché davanti a un sentimento come l’amore, il cognome che porti non conta nulla.