Mai stata meglio di Monica Heisey


Care lettrici oggi vi parlo di Mai stata meglio di Monica Haisey edito da Harper Collins. 
Titolo: Mai stata meglio
Autrice: Monica Haisey
Editore: Harper Collins
Genere: Romance Contemporaneo
Uscita: 23/01/24
Link order: 
PER TUTTI COLORO CHE HANNO SEMPRE PAURA DI AVER FALLITO ANCORA PRIMA DI COMINCIARE.


“Lo sguardo di Heisey su uomini, donne, amicizia, amore e sesso riesce a essere profondissimo ed esilarante in ugual misura.”DOLLY ALDERTON


“Il Diario di Bridget Johns dell’era degli smartphone. I lettori lo adoreranno.” PUBLISHERS WEEKLY


“L’abilità narrativa di Heisey si evince da come la sua Maggie diventa quasi mostruosa mentre passa da una scelta disastrosa all’altra, rimanendo straordinariamente credibile.”THE TIMES (UK)


“Dolorosamente accurato, mordace e divertente.”BOOKSELLER


Dissi loro che avrei voluto essere una vedova. «Ho l’impressione che, quando divorzi, tutti si chiedano come hai fatto a rovinare tutto, cos’ha reso così insopportabile stare con te. Se tuo marito muore, almeno la gente è dispiaciuta per te.» Maggie sta bene. Anzi, non è mai stata meglio. Certo, è al verde, la sua carriera accademica non sta andando da nessuna parte e il suo matrimonio è durato solo 608 giorni, ma alla veneranda età di ventinove anni, Maggie è determinata ad abbracciare la sua nuova vita di Divorziata Sorprendentemente Giovane. Ora ha tutto il tempo che vuole per dedicarsi a ben nove hobby, mangiare hamburger nel letto alle 4 del mattino e “rimettersi in gioco” dal punto di vista sessuale. Con il sostegno della sua severaprofessoressa, Merris, della sua amica, anche lei appena divorziata, Amy, e della (immancabile) chat di gruppo, attraversa il suo primo anno di vita
da single, uscendo a intermittenza e svegliandosi occasionalmente sul pavimento. Ma soprattutto mettendo ogni cosa in discussione, compreso: Perché ci sposiamo ancora? Ho fallito prima ancora di iniziare? Quante abbuffate notturne ci vorranno prima che io sia felice?


Divertente e caustico, Mai stata meglio non solo descrive un dolore in cui è facile identificarsi, ma è anche un irresistibile romanzo d’esordio sulle incertezze dell’amore, della vita, dell’amicizia e della felicità, scritto da una nuova, straordinaria e indimenticabile voce della narrativa, Monica Heisey.

Ero curiosa di leggere questo libro perché sia il titolo, che la cover mi portavano a pensare che fosse un libro molto divertente nonostante l'argomento trattato fosse un po' delicato.
Non avevo mai letto questa autrice e ammetto che la lettura è stata un saliscendi.
L'inizio mi ha conquistato perché effettivamente si presentava in una chiave a tratti scanzonata a parlare di divorzio. Era facile riuscire a immedesimarsi nei pensieri della protagonista che si sente di vivere un fallimento in tutti i sensi. Purtroppo per la società, la fine di un matrimonio spesso è proprio letta in questa maniera e si fatica a condividere con gli altri il proprio vissuto e il proprio disagiato, continuando magari a tacere o mentire pur di non subire il giudizio altrui.
Mi è piaciuto l'argomento trattato perché è assolutamente diverso da qualsiasi romanzo trattato in quanto non si concentra sul trovare un nuovo amore o riprendersi quello vecchio, ma analizza come ci si sente, come piano piano si raccolgono i pezzi e si torna a vivere, le paure, le ansie, i passi indietro prima di cominciare ad andare avanti.
Quello che non ho amato per niente è lo stile dell'autrice che sembra aver scritto un lunghissimo monologo dove tempo, luogo e persone non hanno una dimensione ben precisa e scandita, ma sembra più un suo continuo lungo racconto.





La principessa proibita di Vivian Wood


Care lettrici oggi vi parlo di La principessa proibita di Vivian Wood edito da Heartbeat Edizioni.
Titolo: 𝗟𝗮 𝗽𝗿𝗶𝗻𝗰𝗶𝗽𝗲𝘀𝘀𝗮 𝗽𝗿𝗼𝗶𝗯𝗶𝘁𝗮
Autrice: Vivian Wood
Editore: Heartbeat edizioni
Genere: Romance Contemporaneo, royal romance, age gap,
Uscita: 8/2/24
Link order: 
𝗨𝗻𝗮 𝗽𝗿𝗶𝗻𝗰𝗶𝗽𝗲𝘀𝘀𝗮 𝗱𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗻𝗮𝘁𝘂𝗿𝗮 𝗿𝗶𝗯𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝘀𝗶 𝗺𝗲𝘁𝘁𝗲 𝘀𝗲𝗺𝗽𝗿𝗲 𝗻𝗲𝗶 𝗴𝘂𝗮𝗶. 𝗜𝗹 𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗼𝗿𝗲 𝗮𝗺𝗶𝗰𝗼 𝗶𝗻𝗰𝗿𝗲𝗱𝗶𝗯𝗶𝗹𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝘀𝗲𝘅𝘆 𝗱𝗲𝗹 𝗳𝗿𝗮𝘁𝗲𝗹𝗹𝗼 𝗺𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼𝗿𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝗵𝗮 𝗶𝗹 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗶𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝘀𝗼𝗿𝘃𝗲𝗴𝗹𝗶𝗮𝗿𝗹𝗮.
La principessa Annika, nota per la sua natura volitiva e ribelle, si ritrova di nuovo nei guai dopo essere colta dai paparazzi in una situazione scandalosa. Nel tentativo di tenerla lontana dagli occhi del pubblico, la famiglia reale assegna a Erik, il migliore amico di suo fratello e guardia del corpo, la sua protezione. Annika è sconvolta quando scopre che sarà isolata con Erik in una casetta remota durante l’inverno.
Tuttavia, stare così a stretto contatto non sarà facile. Il temperamento focoso di Annika e l’innegabile attrazione di Erik per lei creano una tensione a cui è difficile resistere. Nonostante sappia che è contro il suo dovere e la lealtà verso il suo migliore amico, Erik si ritrova attratto da Annika in modi che non si sarebbe mai aspettato.
Annika, d’altra parte, è determinata a liberarsi dai suoi vincoli reali e trovare la propria strada. Ma più si avvicina a Erik, più complicati diventano i suoi sentimenti.
Man mano che la loro passione si intensifica, tanti segreti vengono a galla e la storia d’amore da favola di due persone appartenenti a ranghi diversi diventa sempre più bollente. 
Annika ed Erik soccomberanno ai loro sentimenti, rischiando tutto ciò che sanno per il vero amore? O la lealtà verso i loro obblighi reali li terrà separati?

Serie
La principessa proibita vol. 2
Continuo la lettura della serie Dirty Royal, stavolta i protagonisti sono Eric l'amico di Stellan e sua sorella Annika. Potrei scrivere una recensione identica alla precedente, salvo per il voto, a questa metterei 4 perché la lettura mi è risultata più scorrevole e piacevole.
Ma per quanto riguarda punti di forza e punti di debolezza del libro mi ritrovo sempre sullo stesso punto. Vivian Wood tratteggia quelli che sono i problemi e le situazioni a cui una principessa è esposta, ma è come se non c'entrasse mai dentro del tutto e scavasse a fondo. 
Si concentra sul proibito e age gap che in questo caso è di natura sociale, proprio perché siamo in presenza di una monarca e di un popolano, ma anche perché Annika è la sorellina minore del futuro re di Danimarca, nonché amico di Eric, e ha appena superato la maggior età. 
L'age gap su cui ha cercato di spingere l'autrice mi è sembrato poco rilevante, stiamo parlando di una diciannovenne e un ragazzo di ventisei. Avrei spinto più sulle differenze sociali di status e sul discorso dell'amicizia con Stellan, ma anche qui il discorso amicizie lo tratta sempre in modo troppo superficiale.
Se non lo chiarisce l'autrice il rapporto di amicizia, non si direbbe neppure perché a stento ci sono delle apparizioni di Stellan.
In questo caso avrei voluto approfondire meglio certe dinamiche del passato dei protagonisti che si ripercuotono sul loro presente, ma l'autrice ci si sofferma quel tanto che basta a destare curiosità, senza andare a fondo. 
Insomma, se l'autrice riuscisse, per i miei personali gusti, a dare più spazio alle relazioni fra i personaggi e sul loro passato, le sue storie sarebbero da cinque pieno perché già la sua scrittura risulta veramente piacevole da leggere proprio perché scorrevole e pulita.

Fabiana





Just Another Love di Scarlett Reese


Oggi ospitiamo il Review Party di Just Another Love di Scarlett Reese edito da Newton Compton Editore.
Titolo: Just Another Love 
Autrice: Scarlett Reese 
Editore: Newton Compton Editori 
Genere: Contemporary Romance 
Pagine: 343 
Costo: EBook €5,99 Cartaceo €9,40
Data Pubblicazione: 20 Febbraio 2024
Se è amore non è mai sbagliato
Skyler si sente intrappolata in una vita soffocante: lavora tutto il giorno in un fast food e condivide un minuscolo appartamento con un’amica. È abituata a non chiedere mai aiuto, e da quando è andata via di casa ha imparato a contare solo sulle proprie forze. Finché sua sorella Eleonore nata dal precedente matrimonio di suo padre non riappare all’improvviso. I rapporti tra loro sono sempre stati difficili: Skyler non è mai riuscita a superare il muro di rancore eretto da Eleonore contro la nuova famiglia del padre. E adesso, dopo anni di silenzio, sua sorella le sembra una sconosciuta tanto quanto Mason, l’uomo che ha sposato: il cognato che Skyler neanche sapeva di avere. Eleonore e Mason hanno una proposta da farle. Una proposta in grado di sconvolgere per sempre le loro esistenze…
Un romanzo unico sulla forza incontrastabile dell’amore.
Una storia di grande impatto, che scatena un caleidoscopio di emozioni.
«Era un amore che avevo provato a rinnegare e soffocare, ma che aveva continuato a crescere come un fiore in mezzo al deserto, sbocciandomi nel cuore senza acqua e senza sole.»

Scarlett Reese
È lo pseudonimo di un’autrice italiana nata a Torino nel 1987. Mamma di tre fanciulle adolescenti, ha iniziato ad autopubblicarsi nel 2017, arrivando al cuore delle lettrici grazie ai suoi romanzi sull’amore e sulle sue mille sfumature.
Bentrovati lettori! Oggi vi parlo di una storia davvero bellissima, tanto ricca di dolore, di sofferenza, di emozioni, ma anche di molto altro, sentimenti che toccano tasti invisibili del cuore.
Scarlett Reese ritorna con la Newton Compton con un romanzo già precedentemente pubblicato e che già avevo letto e amato: vi parlo di Just Another Love in uscita il 20 febbraio.
Come vi dicevo, avevo già letto la versione in Self Publishing e già allora mi aveva preso tantissimo questa storia, tanto che appena ho iniziato la lettura, ogni cosa è tornata a galla.
La storia è concentrata su tre protagonisti: Skyler, Eleonor e Mason.
Skyler e Eleonor sono sorelle ma il passato le ha viste divise irrimediabilmente fino al momento in cui la stessa Eleanor con suo marito Mason si presentano alla porta di Sky chiedendole qualcosa di importante e soprassedendo al passato per ricominciare tutto daccapo.
Sky é sconvolta da tutto ciò che El le chiede, lasciandola in un limbo di incertezza e gioia, ansia, paura e rancore.
Avevo passato tutta l’infanzia a desiderare le sue attenzioni e ora che potevo averle, non ero capace di rinunciarvi.
Tutto la spinge a dirle di no, ma il suo animo buono, il voler conoscere quella sorella che non ha mai davvero conosciuto, la spinge ad accettare la sua supplica e trasferirsi da loro.
Per quanto comoda e senza problemi di lavoro, economici e di responsabilità, sembri la nuova vita di Sky, risulta altrettanto complicata la convivenza tra i tre: El é tanto entusiasta di avere con sé sua sorella, per Mason che fin da subito c’è stata una forte antipatia; rabbia, frustrazione, i litigi sono all’ordine del giorno.
Nonostante le evidenti differenze tra noi, andavamo d’accordo. Lei era sempre disponibile, gentile e sorridente, mi venne praticamente impossibile rinfacciarle tutti gli anni che avevamo perso per colpa sua. Con Mason, invece, le cose non potevano andare peggio. Lo trovavo indisponente, scontroso e superbo. Aveva sempre quell’aria altezzosa e non perdeva mai l’occasione di sminuire me o qualsiasi cosa mi piacesse, Mi faceva diventare dispettosa e petulante anche quando cercavo di comportarmi da persona matura.

la volevo fuori dalla mia vita e dalla mia testa, perché erano due posti in cui non sarebbe mai dovuta entrare.
Respirare la stessa aria é impossibile per entrambe ma nonostante questo rendere felice Eleonor é la cosa più importante per entrambe, anche se questo col tempo porterà a complicare irrimediabilmente le loro vite già intrecciate, a sovrapporsi e annodarsi in un modo che mai nessuno avrebbe predetto, immaginato. 
Si spera sempre che la vita vada secondo i nostri piani, ma nessuno ci assicura che sarà sempre così e che la stessa può subire cambiamenti, novità ma anche preoccupazioni, difficoltà, dolore; giri una pagina e tutto cambia irrimediabilmente conducendoti su un sentiero impervio, difficile, fatto di privazioni e contrapponendosi a sentimenti nuovi bisognosi di essere repressi, silenziati, sebbene vogliano uscire allo scoperto.
Perché Mason era come la più bastarda delle droghe. Mi era entrato in circolo e mi stava uccidendo lentamente.

 la tensione continuava a vibrare nell’aria quando i nostri sguardi si incrociavano. non capivo proprio che senso avesse continuare a soffocarla sotto a una marea di cazzate.
Amore. Una parola composta da solo tre vocali e due consonanti; appare così semplice pronunciarla, ma quanto è potente il suo significato? Amiamo la vita, gli oggetti, le avventure, gli amici, i figli, il nostro compagno, la compagna. Marito, moglie.
Ci sarà sempre un’amore che sarà unico, che verrà donato a un’unica persona, e mai potrà essere uguale ad un altro, perché quel dono è e sarà sempre unico nella sua forma o grandezza. Ma se la vita ci mette su strade diverse, dividendoci in un modo o nell’altro, il cuore sarà in grado di battere per qualcun altro?
«Era un amore che avevo provato a rinnegare e soffocare, ma che aveva continuato a crescere come un fiore in mezzo al deserto, sbocciandomi nel cuore senza acqua e senza sole.»
Nei libri tutto sembra essere possibile. Ma nella vita vera, come spesso le dinamiche che ho visto svolgersi, hanno fatto sì che mi chiedessi come si fa a sostituire una persona che si è amato tanto? Vi dico questo perché la domanda é strettamente correlata al romanzo, e credo che la risposta più ovvia sia che nessuno amore é sostituibile, diverso si. Il nostro cuore credo sia in grado anche di essere una scatola tanto grande da poter battere per più di una persona; anche se credo fortemente che tanto dipenda dalle circostanze.
Credo che questa storia per quanto irta di ostacoli, ostica, tormentata, sia anche piena di amore, lo stesso che assume forme diverse; emozioni e sentimenti dissimili che nascono, si mescolano e prosperano pagina dopo pagina fino all‘epilogo in cui un sorriso per quando felice, é velato da uno strato di tristezza.
La complessità di Just Another Love porta a porsi domande, immedesimandosi nei protagonisti e vivendo in una sorta di realtà parallela dove realtà e immaginazione si mescolano in una storia eccezionale e molto, molto bella; la costruzione dei personaggi, diversi nella loro interiorità, psicologica e caratteriale, sono ben costruiti.
La curiosità ha avuto la meglio alla fine del romanzo nel chiedermi: se ci fosse stato anche il punto di vista di Eleonor? Poter entrare in un certo qual modo nella sua parte più profonda ma tant’è che comunque in un certo senso seppur marginale ho amato il suo animo, il suo cuore puro e innamorato, velato di tristezza, che dimostra il suo amore delicato eppure forte, che si esprime appieno attraverso le sue poche parole scritte.
I temi tratti sono delicati e complessi; tre vite si intrecciano, dando vita a una storia dove non ci sono né vincitori né vinti ma che a trionfare resta solo un amore nato da mille avversità sfociando un futuro da riscrivere. 
Amo le storie drammatiche, dove la realtà della vita si mescola alla fantasia dello scrittore, dove l'autore riesce a far vivere gli stessi sentimenti dei protagonisti, le emozioni felici o tristi; sentire davvero ogni stato d’animo che scivola attraverso le parole e Just Antother Love canta mille musiche diverse arrivando a toccare ogni tasto di quel pianoforte immaginario  che sono le emozioni di chi legge. 
Complimenti Scarlett!

✒️Aurelia  




Marriage for one di Ella Maise



Care lettrici oggi vi parlo di Marriage for one di Ella Maise edito da Always Publishing. 
Titolo: Marriage for one
Autrice: Ella Maise
Editore: Always Publising
Genere: Romance Contemporaneo
Uscita: 9/2/24
Jack e io abbiamo fatto tutto al contrario, e la colpa è stata sua.

Solo poche settimane prima Rose Coleson era felicemente fidanzata e impiegava tutte le sue energie nei preparativi per l'apertura del locale dei suoi sogni, un'accogliente caffetteria in una delle strade più affollate di New York. Nel giro di poco tempo, però, Rose si ritrova mollata dal fidanzato senza un motivo apparente, e con il suo sogno appeso ad un filo. Il suo defunto zio, proprietario dell’intero edificio destinato a ospitare la caffetteria, ha redatto una clausola testamentaria in cui sancisce che la proprietà verrà ereditata dall’eventuale marito di sua nipote. Ora, senza un potenziale consorte e migliaia di dollari già investiti in un progetto che rischia di non vedere la luce, il futuro di Rose è più grigio che mai. Tuttavia, mai avrebbe immaginato, né nel suo sogno più roseo né nel suo peggiore incubo, di accettare di sposare un perfetto estraneo. Eppure Jack Hawthorne, il giovane affascinante ma enigmatico avvocato dello zio, le propone senza pensarci due volte di diventare sua moglie per aggirare la clausola. Non dovrebbe essere complicato pensare al matrimonio come ad un accordo, ma Rose non riesce a comprendere le ragioni che si nascondono dietro all'offerta: Jack è scontroso e distaccato per la maggior parte del tempo, e burbero le poche volte che le parla. Col passare dei giorni, però il suo comportamento gelido comincia a sciogliersi, e i suoi taciti gesti premurosi e altruistici lasciano il segno nel cuore di Rose. Solo un momento prima Jack Hawthorne non era nessuno per lei, ora sta diventando la sua vita. Solo un momento prima Jack era inaccessibile, ora sembra appartenerle completamente. Solo un momento prima Jack sembrava innamorato di lei, ora… tutto potrebbe rivelarsi solo una bugia.

Una lettura must tra le più famose del trope #FakeMarriage
Oltre 37 milioni di views su TikTok

#MarriageOfConvenience #SlowBurn #GrumpyxSunshine #ForcedProximity
E' la prima volta che leggo Ella Maise e devo dire che mi ha piacevolmente sorpresa. All'inizio sono rimasta spiazzata perché vista la copertina e il trope mi aspettavo più una commedia divertente e spassosa, invece siamo proprio lontani dal genere che ho immaginato.
L'aspetto che più mi è piaciuto è la scrittura scorrevole dell'autrice che mi ha subito conquistato. Maise si prende tutto il tempo necessario per snocciolare la storia e raccontarci dei protagonisti dei loro vissuti e delle loro sfumature caratteriali. Jake e Rose, come gli sfortunati eroi del Titanic, sono due personalità agli antipodi che in un modo parecchio laborioso finiranno per stare insieme in questo finto matrimonio.
Rose la prende proprio come una sfida personale quella di riuscire a far ridere l'impassibile e imperturbabile Jake.
I due personaggi mi sono piaciuti tantissimo e rientrano un pò nei cliché dei personaggi che di solito mi conquistano. Quello che non mi sarei mai aspettata è quello che succede da un certo punto della storia, che non voglio spoilerare, e che mi ha lasciato molto dubbiosa e forse ha portato alla storia quel momento di serietà che non avrei mai immaginato. 
L'espediente mi è piaciuto, è stato comunque un modo per unire maggiormente i personaggi perché ora l'indipendente Rose ha bisogno di appoggiarsi a Jake... Non vi dirò di più per non togliervi il gusto della sorpresa.
L'aspetto che mi ha convinto meno è l'espediente utilizzato per arrivare a questo finto matrimonio, mi è sembrato un po' debole da parte di Jake (e forse qui al posto dell'autrice avrei spinto maggiormente) e al posto di Rose avrei avuto moltissimi dubbi sull'accettare questa proposta, anche se ormai ero ridotta al lastrico :D 
E' vincente invece secondo me il modo in cui l'autrice riesce a tirar fuori da piccoli gesti il romanticismo di Jake che a prima vista sembra ombroso, taciturno, scontroso e di poche parole e, invece, è capace di bei gesti. 
Spero di recuperare quanto prima altri romanzi di questa autrice perché mi ha assolutamente convinto anche se mi sarebbe piaciuto leggere questo trope in modo più spassoso e scanzonato. 

Fabiana





Ride with me di Serena Brucculieri e Gioia De Bonis


Carissimi, oggi ospitiamo il Review Tour di Ride with me scritto a quattro mani da Serena Brucculieri e Gioia De Bonis e pubblicato dalla Darcy Edizioni.

Titolo: Ride with me
Autrici: Serena Brucculieri e Gioia De Bonis
Editore: Darcy Edizioni 
Genere: Contemporany Romance / Sport Romance
Pagine: 288
Costo: EBook €2,99 Cartaceo €16,00
Data Pubblicazione: 8 Febbraio 2024
Cassian era un vero campione, un cowboy perfetto in grado di domare tori e catturare vitelli al lazo. Ogni rodeo portava il suo nome. Ma la sua fama, nota in tutto il Texas, subisce un brutto smacco quando Cassian cade da cavallo, mandando in fumo la sua sete di vittoria. Quell’evento lo segnerà in modo indelebile, rendendolo disilluso, scontroso e demotivato.Cindy è una ragazza determinata, cresciuta tra le vaste praterie del Texas, di cui ama il fascino rurale e i prati immensi. Nel suo cuore coltiva il sogno di partecipare a un rodeo e riportare a casa la vittoria. Ma una brutta caduta la obbliga a interrompere l’allenamento di una vita, e rischia di mandare in fumo le sue speranze. Il padre, preoccupato per la figlia, decide di mettersi in cerca di un bravo allenatore per lei.
Cassian e Cindy riusciranno a superare le proprie reticenze?
Bentrovati lettori proseguiamo con le letture di febbraio e con il romanzo Ride with me scritto a quattro mani da Serena Brucculieri e Gioia De Bonis e pubblicato dalla Darcy Edizioni.
Ride with me è stata una bella lettura con due protagonisti che avrei voluto prendere a sberle; Cassian che un tempo era un campione nei rodeo, dopo quel fatidico giorno in cui ha perso tutto, è diventato oggi un uomo cinico e burbero.
Cindy è determinata, una vera ragazza del Texas, una campionessa nei dressage, ma oggi ciò che vorrebbe è vincere un rodeo.
È così che si conoscono Cassian e Cindy, lui sarà il suo allenatore, ma i propositi per poter lavorare insieme sembrano pari a zero perché la forte antipatia reciproca che provano se la dimostrano senza mezzi termini e li conduce su un terreno fatto di litigi continui….

Lo detesto, con tutta me stessa. Detesto il suo modo di essere e come mi fa sentire. Inadeguata. Ricaccio dentro le lacrime che minacciano di uscire e mi preparo al nuovo lancio. Non avrà mai la soddisfazione di vedermi piangere. Mai. Gli mostrerò sempre e solo disprezzo.

La sua stizza, la sua caparbietà e la sua capacità di rialzarsi dopo ogni mia battuta, mi hanno eccitato. E non posso evitare di pensare a come sarebbe domare una puledra tanto recalcitrante. Ti somiglia più di quanto credi… E Dio, se la voce dentro di me non ha ragione, è così simile alla mia vecchia versione che quasi mi pento di aver provato attrazione per lei. E non mi capitava da parecchio, perché le donne, per quanto mi riguarda, hanno perso ogni attrattiva

Spesso durante la lettura entrambi avrebbero voluto mollare perché davvero non c’era nessun presupposto perché Cassian e Cindy potessero lavorare assieme, ma la determinazione da parte di entrambi li fa stringere i denti e giorno dopo giorno tra rimproveri, occhiatacce e mandate a quel paese in modo sussurrato, continuano ad andare avanti.

Cassian Hartfield mi confonde, mi toglie ogni energia. Mi sento a pezzi.

Quella ragazzina mi sta incasinando la testa

Mi sono divertita tanto a vedere come questi due protagonisti si sono scornati quasi allo sfinimento.
Cassian è tosto davvero come pochi, ombra del cambiamento che l’ha condotto dove e come è oggi: ombroso, antipatico a volte, poco incline a socializzare.
Cindy è solare, la classica bellezza del Texas, senza fronzoli, semplice e programmata per vincere.
Per quanto le loro personalità siano combattive e orgogliose e nel lavoro allenatore e allieva non ci sia molto per cui lavorare insieme, la bravura di Cassian come coach e di Cindy come allieva non cambia le carte in tavola ma li porta su un terreno più piano dove i confini a volte prendono pieghe inaspettate, ma il sovrano resta solo il tempo con cui si potrà dire se quella reciproca antipatia sia tale o nasconda altro.
Ride with me scorre una meraviglia sia come scrittura che come storia.
È stato uno spasso conoscere i protagonisti e chi ci ruota attorno, ma soprattutto l’evoluzione continua che le pagine scorrendo conducono a delle scoperte; vedere una faccia diversa della medaglia è stato un po’ sconvolgente ma in modo piacevole.
Insomma una lettura che consiglio vivamente di non perdere specialmente se amate le storie ricche di antipatia tra protagonisti, il Texas, i cavalli e… a voi la lettura.
È sempre un piacere leggere e apprezzare i libri Darcy Edizioni, sempre storie originali e mai banali, come Ride with me, storia scritta a quattro mani dove sinceramente non ho mai capito chi tra Serena e Gioia avesse scritto. 
Vorrei inoltre scusarmi con le autrici e con la  CE per la mia mancanza nel pubblicare la recensione il giorno programmato; spero vogliate perdonarmi.
Nel mentre vi abbraccio. 

✒️Aurelia.



Effetto Amore, The Graham effect (The Campus Diaries #1) di Elle Kennedy


È con enorme piacere che oggi vi parlo di Effetto Amore- the Graham Effect della bravissima Elle Kennedy, una delle mie autrici preferita che non si smentisce mai con una penna frizzante in grado di mischiare perfettamente temi tosti e impegnativi senza renderli pesanti con un mix eccellente di amore risate e sentimenti e una punta hot. Edizione Newton Compton Editore.
Titolo:Effetto Amore, The Graham effect
Autore: Elle Kennedy
Editore: Newton compton editore
Data di pubblicazione: 6 febbraio 2024
Costo: ebook 5,99
Prezzo cartaceo €. 9,40
Pagine: 448
Genere: Sport romance
Campus Diaries Series
1) Effetto amore, The Graham Effect
2) The Dixon Rule - atteso a maggio 2024 in lingua originale
Dall’autrice bestseller di The Campus Series
The Graham Effect

Gigi Graham ha tre obiettivi: riuscire a qualificarsi per la nazionale femminile di hockey, vincere l’oro olimpico e uscire, finalmente, dall’ombra di suo padre Garrett. Essere figlia di uno dei più grandi campioni di tutti i tempi, infatti, non è sempre un’impresa facile. Per fortuna Luke Ryder, il nuovo co-capitano della squadra del college di Gigi, non è immune al mito del grande Garrett Graham. Ed è disposto ad allenare fuori orario la sua insopportabile figlia, purché metta una buona parola per lui con il suo eroe. Ryder è supponente, maleducato... e sexy da morire. Gigi però non può concedersi distrazioni: ha bisogno del suo aiuto per dimostrare a tutti che ha talento a prescindere dal nome che porta.
E così, quello che inizia come un accordo vantaggioso per entrambi, potrebbe trasformarsi nella partita più difficile che abbiano mai giocato...
Biografia
Elle Kennedy è cresciuta a Toronto, in Ontario. Autrice di romanzi d’amore contemporanei, ha un debole per le eroine forti e gli uomini alfa, sensuali e determinati, e ama aggiungere pericolo e sesso quel tanto che serve per rendere tutto molto, molto più interessante.

I suoi libri sono ai primi posti delle classifiche USA. La Newton Compton ha pubblicato la Briar U Series (Resta con me per sempre, Il mio rischio sei tu, Sei l'amore che cercavo, Ti ho trovato quasi per caso), la Campus Series (Il contratto, Lo sbaglio, Il tradimento, L’imprevisto, L’eredità), il romanzo Ti ho incontrato a mezzanotte, i primi titoli della Avalon Bay Series (Il complesso della brava ragazza. Good Girl Complex e Una ragazza (quasi) cattiva. Bad Girl Reputation), Effetto amore e Il segreto tra noi due. Misfit.
Carissimi Cercatrici e Cercatori dopo tanto tempo torno a farvi compagnia con una nuova recensione di un'autrice che stimo moltissimo: Elle Kennedy. E' una scrittrice che tiene alta l'attenzione e ci allieta già da parecchio tempo e che la Newton Compton ha continuato (grazie grazie grazie) a pubblicare in Italia, e con mia somma felicità dopo aver pubblicato altre serie e libri a se stanti ritorna l'universo universitario della Briar-u con la seconda serie spin off della serie campus.
Vi consiglio una rispolverata o nel qual caso non la conosciate di iniziare con la prima serie: la "Campus" perché ritroviamo tantissime vecchie conoscenze e capirete meglio alcune dinamiche.
 
Gigi la nostra protagonista è la figlia di Hanna e Garret Graham, i capostipiti della serie madre, e quindi come avrete capito è quasi vitale iniziare da là, perché nonostante la Kennedy si fosse ripromessa di non scrivere dei figli dei suoi protagonisti per fortuna si è ricreduta, donandoci uno scorcio sul passato e il presente grazie alla seconda generazione.
 
Gigi, eh sì proprio Gigi che non sta per nessun diminutivo ma è proprio il suo nome è una ragazza tostissima, per lei l'hockey non è uno sport ma proprio la sua vita, d'altronde lo ha nel suo DNA. Lo respira da quando è nata, cosa che è un'arma a doppio taglio perché se da una parte nascere in una famiglia radicata nell'hockey può essere un vantaggio, competere in maniera emotiva con dei campioni non è semplice, soprattutto per una donna. No, non è maschilismo è che nello sport nonostante le conquiste fatte nell'ultimo secolo le donne nell'ambiente sportivo non hanno le stesse possibilità, né la stessa visibilità anche se a parimerito o addirittura superiori di bravura, alcuni obbiettivi non potranno mai raggiungerli se poi ci mettiamo anche un padre che è un mito e campione dell'hockey, perché fuoriclasse è riduttivo, ecco che la pressione aumenta vertiginosamente.

Mi sa che sono solo scottata da quei misogini distinguo che accompagnano tutti i complimenti ricevuti negli anni. Ha giocato davvero bene… per essere una ragazza. Le sue statistiche sono impressionanti… per una donna. Nessuno direbbe mai a un giocatore di hockey che ha giocato sorprendentemente bene per essere un uomo. La verità è che l’hockey maschile e quello femminile sono due faccende molto diverse. Le donne hanno meno opportunità di continuare a giocare dopo il college, il campionato professionistico ha meno spettatori, i salari sono parecchio più bassi. Ne sono consapevole.

Se c'è una cosa che è consolidata negli anni e nelle serie: Campus e Briar-u è la rivalità fra la Briar University e la Eastwood University, e non è fuffa ma sono decenni e generazioni di rivalità sul campo da hockey e non solo... ecco ora provate a immaginare due acerrimi nemici che devono per forza diventare una squadra sola.

Mentre immergo la testa sotto il getto caldo, mi chiedo come diavolo farà la squadra maschile a sopravvivere alla fusione Briar/Eastwood. Questo è un terremoto per il programma, e tutto è avvenuto così in fretta che molti giocatori sono stati colti di sorpresa. L’Eastwood College è stato il nostro rivale per decenni. Il mese scorso, è fallito. Nel senso che l’intera università ha chiuso i battenti

Già perché Ryder è o meglio era "un Eastwood", giocatore universitario di hockey che con il fallimento della sua università si vede "buttato nella mischia" di quelli che erano i loro più grandi rivali, i Briar squadra da sempre loro avversaria.

E se ci mettiamo anche l'aspirazione a un posto nel programma di hockey diretto da Graham Garret a sua volta ex membro della squadra della Briar-u, ecco che le carte iniziano a mischiarsi, e se Gigi fosse il mezzo per riuscire ad accedervi?
E se Ryder fosse per Gigi il mezzo per poter imparare trucchi e per sconfiggere i suoi punti deboli e essere un atleta più completa?
Una mano lava l'altra e tutte due lavano il cuore?

«Ho una proposta da farti», gli annuncio. Un lampo di divertimento gli guizza nello sguardo. «Che genere di proposta?» «Be’, forse è più un favore reciproco. Tu aiuti me e io aiuto te».

La storia mi ha preso molto perché i due personaggi sono tosti e il loro è un lungo viaggio non solo insieme ma di scoperta e accettazione di sé stessi, delle loro paure, e dei loro meccanismi di difesa e a tratti quasi di auto-sabotaggio, e come sempre oltre alla storia che riguarda i due protagonisti la Kennedy dipinge in maniera avvincente un'intero universo fatto di personaggi che abbiamo amato e conosciuto e nuovi attori che sono secondari ma non meno vitali e che arricchiscono notevolmente la storia oltre a creare una spasmodica voglia di averne ancora...

I temi che tratta sono tantissimi e mai banali la figura genitoriale e ciò che essa suscita nei figli siano essi bravi o cattivi genitori, le aspettative che si creano o che ci si auto impongono, lo sport che a alti livelli comporta sacrificio fisico e morale e stress, la sessualità in varie forme e molto ancora.
Ora non vi resta che scoprirlo da voi leggendo questo fantastico nuovo inizio che penso ci darà molte soddisfazioni, spero di poter leggere presto ancora dei ragazzi della Briar-u e magari perché no anche di altri protagonisti della seconda generazione.

Fra





Ti regalo la luna (ma non lo dire a nessuno). Pack up the moon di Kristan Higgins


Carissimi, Claudia ci racconta di Ti regalo la luna (ma non lo dire a nessuno) di Kristan Higgins edito da Newton Compton Editore. Un romanzo che commuove e fa riflettere.

Titolo: Ti regalo la luna, ma non lo dire a nessuno
Autore: Kristan Higgins
Editore: Newton Compton 
Genere: Contemporary romance 
Pagine: 492
Costo: ebook €. 5,99 cartaceo 12,26 €.
Uscita: 23/01/24
Dopo la morte della moglie, Joshua Park si è accorto di essere precipitato in una solitudine totalizzante: in quanto scienziato, lavora principalmente da solo. E la timidezza di cui ha sempre sofferto ha reso negli anni la sua cerchia di amici molto ristretta.
Lauren era la donna della sua vita, l’unica che lo conoscesse e fosse in grado di trascinarlo fuori dal suo guscio. Così perfetta da aver previsto che senza di lei Joshua si sarebbe chiuso in sé stesso.
Per questo, prima di morire ha escogitato un piano per fargli superare il dolore, la rabbia e la negazione, indirizzandogli dodici lettere. Dodici lettere per accompagnare Joshua nel primo anno senza di lei, in un percorso straziante ma bellissimo e a volte persino divertente. Dodici lettere per ritrovare la gioia. Dodici lettere per imparare la lezione più preziosa di tutte: la strada per la felicità non segue mai una linea retta.
Un romanzo commovente sul potere dell’amore e sul coraggio di ricominciare
Dodici lettere, una sola, grande lezione. 
La strada per la felicità non segue mai una linea retta.
Ti regalo la luna, ma non lo dire a nessuno è il nuovo romanzo di Kristan Higgins, edito da Newton Compton, che mi ha letteralmente conquistata.
Questo romanzo è un vero e proprio viaggio, e intraprenderlo vi porterà a provare ogni tipo di emozione, dalla tristezza alla gioia nel giro di poche pagine, come delle vere e proprie montagne russe.
Joshua e Lauren sono due anime gemelle, non ci sono altri modi per descriverli. Se si trattasse di una commedia romantica probabilmente sarebbe stato permesso ai nostri due protagonisti di vivere per sempre felici e contenti, ma questo romanzo chiaramente non è una scontatissima commedia, ma molto, molto di più.
Lauren è una donna piena di luce e sfumature tanto da trasmettere a tutti coloro che la circondano una sensazione di calore; una donna che ama e vive intensamente tanto e tutto, anche quando le cose diventano troppo difficili, che sembra impossibile anche solo pensare di affrontare la vita.
Joshua è un uomo che vive la sua vita in una routine che inizia e finisce con sua moglie. Il nostro protagonista è un genio nel suo lavoro ma, non molto, nelle relazioni sociali, almeno fino a quando non incontra Lauren che lo incoraggia, nonostante le sue difficoltà, a crearsi una rete di persone, fatta da familiari e amici, che lo aiutano e supportano.

Ti regalo la luna, ma non lo dire a nessuno è un romanzo che fa soffrire, tanto, ma anche riflettere. Tra capitoli dedicati al passato e altri al presente, l'autrice accompagna il lettore mano nella mano attraverso il viaggio della malattia e il dolore del lutto. Nulla viene lasciato al caso, capitolo dopo capitolo la bontà di Lauren nell'accettare il suo destino e, allo stesso tempo, preoccuparsi del futuro di Joshua diventa sempre più evidente, tanto da far male. Nessun egoismo offusca la visione di Lauren, se non la placida accettazione e il desiderio di vedere il marito, anche se non in prima persona, vivere e non chiudersi all'amore.
In questo difficile percorso dopo la perdita di una persona amata, Joshua verrà aiutato dalla moglie stessa e da vecchi e nuovi amici che continueranno a tendergli la mano.
Non è facile leggere questo romanzo perché non è facile leggere il dolore di due anime che non hanno avuto la possibilità di vivere abbastanza, di veder crescere la loro famiglia, ma con un timer che tichetta nello loro menti l'unica cosa che possono fare è stringersi sempre più forte e conservare nel cuore quei ricordi.

"Si sdraiò sulla schiena stringendo il cuscino, preoccupato che prima o poi non avrebbe più odorato di lei. “Non muoverti”, disse tra sé e sé, talmente stanco da rendere quel pensiero davvero sensato. “Non muoverti e non ti troverà”. Se fosse riuscito a rimanere completamente vuoto, non sarebbe finito per terra a gridare."

In questo romanzo c'è sicuramente la fede incrollabile nel fatto, che chi perdiamo ci rimane accanto e ci osserva con sguardo amorevole. Joshua lo prova in prima persona in piccoli segni: nello sguardo del cane Ciottolina che lo sprona ad uscire di casa, alle parole di una sensitiva che sembra davvero vedere dove nessuno può. L'altruismo di Lauren con le piccole sfide che architetta per il suo Josh tramite le sue lettere è qualcosa che commuove e che porta lo stesso Josh ad aprirsi ad esperienze e nuovi legami che probabilmente da solo non avrebbe mai intrapreso.
In conclusione, Il romanzo di Kristan Higgins mi ha sconvolto positivamente e per questo non posso che consigliarlo caldamente.

Claudia 

Change on the fly (Totally Pucked series Vol. 1) di Maren Moore


Care lettrici oggi vi parlo di Change on the fly di Maren Moore edito da Royal Books edizioni. 
Titolo: Change on the fly
Autrice: Maren Moore
Editore: Royal Books Edizioni
Genere: Romance Contemporaneo, sport romance
Uscita: 31/01/24
Immaginate di essere innamorate del fratello della vostra migliore amica.
E poi... di doverlo tenere nascosto per anni.
Ridicolmente affascinante, un vero giocatore e una super star dell’hockey… Reed Davidson un tempo era il ragazzo della porta accanto e ha il mio cuore da sempre.
Era il bad boy per eccellenza, io solo la timida migliore amica di sua sorella.
Ma quando il mondo di Reed viene improvvisamente capovolto e lui ottiene la custodia di suo nipote, sono l’unica che può aiutarlo.
Non avrei dovuto offrirmi di viaggiare con loro, ma Reed non è tagliato per fare il padre single e sapevo che avrebbe avuto bisogno di aiuto.
Ho cercato di nascondere i miei sentimenti per lui, ma noi due, il bambino più carino del pianeta e una lunga stagione di hockey sono la ricetta per un disastro.
Reed è abituato a ottenere tutto ciò che desidera, e questa volta… vuole me.
Solo che la posta in gioco è più alta e il mio cuore è quello in pericolo.
E' la prima volta che leggo questa autrice, ma non potevo farmi scappare un libro con i trope che più amo. Di solito leggo sempre del ragazzo che si innamora della sorella dell'amico, invece stavolta la situazione è ribaltata perché è la ragazza a essere cotta del fratello della sua migliore amica.
Il libro della Maren Moore è quello che chiamo libro coccola, infatti mi sono sentita coccolata dalla prima all'ultima pagina. Anche se la storia è stata a tratti semplice e in alcuni casi ovviamente prevedibile visto che i trope sono sbandierati, ammetto che ho apprezzato alcuni variazioni originali che l'autrice ha inserito.
C'è tanto dolore e sofferenza da entrambe le parti perché Holland e Reed, ognuno in maniera diversa, ha avuto una vita piena di drammi. Gli scossoni poi non finiscono nemmeno nel presente.
Mi è piaciuto anche il rapporto tra Holland e la sua migliore amica, sono due caratteri completamente diversi ma si percepiva benissimo il legame che le unisce e la sofferenza di Holland costretta a mentire per vivere in parte il sogno di una vita.
Andrò a recuperare i libri tradotti di questa autrice perché la sua scrittura semplice e pulita è veramente piacevole e mi ha conquistato. 
Spero inoltre di leggere a breve il prossimo volume di questa serie.

Giorgia





Il compositore dei sogni infranti di Laura Rocca


Carissimi, partecipiamo al Review Party di Il compositore dei sogni infranti scritto da Laura Rocca  pubblicato con una nuova veste dalla Newton Compton. Il romanzo era uscito circa un anno fa in versione self.
Titolo: Il compositore dei sogni Infranti 
Autrice: Laura Rocca 
Editore: Newton Compton Editori 
Genere: 
Pagine: 480
Costo: EBook €5,99 Cartaceo €9,40
Data Pubblicazione: 6 Febbraio 2024 
Nulla può strapparti una felicità che hai scelto di non avere Ottimi voti a scuola e un cuore grande, Amethyst è la perfetta incarnazione della ragazza della porta accanto che tutti amano. Tutti, eccetto Ermes. Violinista dal talento immenso e lo sguardo di ghiaccio, è appena stato cacciato da Eton ed è tornato a vivere a due passi da Amethyst, la persona che più detesta al mondo. Passa le giornate a tormentarla e a trovare modi sempre nuovi per ferirla, respingendola con cattiveria. Solo mentre suona, Ermes si trasforma: quando impugna l'archetto, le note del suo violino sono pura poesia. E la melodia racconta una storia diversa: comunica le emozioni, i timori e i desideri che è costretto a soffocare. E confessa l'amore per Amethyst che lui non si concede di rivelare. Perché dietro al comportamento crudele di Ermes si cela un passato doloroso, che lo divora come un demone implacabile e gli impedisce di cedere ai sentimenti per Amethyst. Ermes troverà la forza di fare i conti con i suoi fantasmi e riuscirà a conquistare l'unica ragazza che sia mai riuscita a rubargli l'anima? Una ragazza dal cuore grande. Un violinista talentuoso ed enigmatico. Una storia imperdibile, piena di musica ed emozione. «Il nostro amore non è come gli altri, è nato sui bordi affilati di una scheggia di vetro. Da un lato il sangue, dall'altro un riflesso di arcobaleno.»
Cari lettori, la prima lettura di febbraio l’ho aperta con il romanzo Il compositore dei sogni infranti 
A essere sincera sono ancora scossa da questa storia, e mettere in fila le parole mi risulta difficile nonostante siano passate quasi dodici ore dal termine della lettura. 
Ė stato complicato da digerire il comportamento che Ermes assume nei confronti di Amethyst; una ragazza così dolce, semplice, buona con tutti. 
Sebbene Amethyst ed Ermes vivano vicinissimi e si conoscano, nulla del loro rapporto li rende amici, anzi al contrario, una sorta di odio viscerale viene fuori da Ermes ogniqualvolta sono vicini. 

Ogni volta che incrocio lo sguardo di Ermes ho la certezza che non tutti i demoni dell’inferno sono orridi come nell’immaginario collettivo. No, alcuni sono stupendi, di una bellezza fatale che ti strega e ti riduce in cenere ancora prima che tu ti renda conto che sta accadendo.

Amethyst resta lì, impressa come una cicatrice che non posso far sparire, come un doloroso tarlo che mi fa a pezzi, come quelle fantasie che ti distruggono perché continui ad averle pur sapendo che non potrai mai viverle, che ti consumano insieme alle ombre.

Amethyst é circondata da quell’aura di innocenza, di dolcezza; nessun artificio, nessuna costruzione, naturalezza e semplicità sono gli elementi che la contraddistinguono dalle ragazze della sua età, che al contrario sono vestite di troppa leggerezza e superficialità. Ella nonostante tutto resta fedele a se stessa, al suo voler sempre vedere del buono nelle persone, ma con Ermes é davvero difficile riuscire andare oltre la cattiveria e l’odio che le sue parole, come tanti coltelli, infliggono ferite. 
É difficoltoso anche per il lettore riuscire a interpretare Ermes e i suoi atteggiamenti sprezzanti, odiosi, intollerabili per certi versi; eppure quando imbraccia il suo violino, un barlume di luce si diffonde attraverso le note che producendo melodie, arrivano ovunque e a chiunque lo ascolti. 
Per Amethyst é emozione pura la musica che si sprigiona attraverso le dita che con maestria e amore, il violino e Ermes sanno esprimere. Odio e tormento, amore e paura, demoni da combattere, muri invalicabili tappo alti da superare. 
Credo fortemente che non ci siano parole adatte, giuste, per definire o da attribuire a questa storia poiché le troppe emozioni, sensazioni che suscita sono davvero tante. Si resta in un limbo, in una sorta di bolla che non ha protezioni, perché senti davvero Amethyst e quell’attrazione che potrebbe risultare insana ma che non lo è; e senti le preoccupazioni, la disperazione, quel senso di impotenza, e al contrario vedi crescere un amore che ha il sapore della magia, del donarsi in modo totalizzante. 
Ermes é stato come quel libro che è capitato a tutti di sentenziare dalla copertina per poi accingersi a leggerlo ugualmente, e scoprire che il detto non sbaglia: Mai giudicare un libro dalla copertina. Capite cosa intendo sebbene sia stata ripetitiva? 
L’ho giudicato subito Ermes, e non è stato preso a belle parole, anzi; ma ho sbagliato e di grosso pure, perché Ermes forse risulta uno dei protagonisti più complicati che io ricordi di aver letto. Complicato risulta alla mia mente riduttivo come termine, poiché egli ha un mondo dentro, ben nascosto sotto troppi strati di arroganza, di superficialità, strafottenza e menefreghismo. 
La complessità del suo personaggio ha davvero bisogno di essere capita, compresa, accettata. Non posso affermare che Ermes è quel protagonista che ogni donna vorrebbe, anzi al contrario è quello da cui bisognerebbe star lontani, ma per quanti vai via suggeriti ad Amethyst, lei è troppo testarda per farlo. 
Grattare una superficie ben costruita non è così semplice poiché strati di dolore, si sono sovrapposti alla sofferenza e all’assassinio di se stessi; ma la tenacia, la determinazione che Amethyst dimostra, sembri essere la strada migliore da percorrere. 
Ciò che lega Amethyst ed Ermes é qualcosa di unico, e capirete perché leggendo la storia; ma per quanto si pensa che grattando strato dopo strato si crede di essere arrivati alla fine, in fondo una fine forse non esiste e li annidato come una radice c’è un segreto che nonostante si voglia tenere nascosto ha bisogno di uscire per far sì che una vita nuova possa essere costruita. 

Non avevo letto la versione precedente del romanzo e me ne dispiaccio perché ho perso una lettura davvero unica e speciale nel suo genere; una storia impregnata di dolore, di mostri invisibili, dell’ imprevedibilità della vita, e delle scelte che davanti ad essa compiamo; ci regala un’amore disposto a tutto pur di proteggerlo da tutto anche sacrificando se stessi. Se penso che Il compositore dei sogni infranti possa essere la storia di due ragazzi reali, il mio cuore trema, perché per quante situazioni ogni essere umano viva, non posso immaginare il dolore provato, gli innumerevoli coltelli che tagliano, lacerano la carne. Ammirevole la costruzione dei protagonisti e della storia, delle mille e più emozioni che l’autrice ha saputo descrivere e far scorrere sulla e dentro la pelle, le amicizie, i rapporti famigliari, ogni tessera ha il suo incastro perfetto come perfetta é la storia. 
Spero di essere almeno un po’ riuscita a esprimere ciò che questa storia mi ha fatto provare, sentire e se non l’ho fatto vi straconsiglio di leggere Il compositore dei sogni infranti. 

Ho imparato che il valore del perdono è più grande di quello dell’orgoglio, che non esiste buono e cattivo, che anche la persona che ti ama di più può ferirti. Che milioni di mattoni compongono le mura della fiducia, ma che basta una crepa per farle crollare. Che il destino non lo domini, non è in tuo potere, ma puoi controllare il tuo modo di reagire e cambiare la tua vita lo stesso. Che non sempre le cose sono come sembrano, che le apparenze sono ciò che gli altri vogliono mostrarci e che per la sostanza a volte devi grattare molti strati… Che la luce per diventare arcobaleno s’infrange in milioni di pezzi e possono essere tutti meravigliosi. Che nessuno può dirti chi non devi amare, dopotutto, come è già stato detto: “non devi” è presto dimenticato, “c’era una volta” durerà per sempre.

Complimenti all'autrice
✒️Aurelia




Sun, Sea, the Billionaire and Me di Harmony Knight


Cari readers, Aurelia ci racconta di Sun, Sea, the Billionaire and Me di Harmony Knight, edito da Triskell Edizioni.
Titolo: Sun, Sea, The Billionaire and Me
Autrice: Harmony Knight
Editore: Triskell Edizioni 
Genere: slow burn, romcom, Billionaire, Contemporary romance
Pagine: 251
Prezzo Ebook: € 4,99 Prezzo Paperback: € 15,90
Data Pubblicazione: 5 Febbraio 2024
Bloccata su un’isola deserta con un playboy milionario? Sono una ragioniera nerd abituata a cose fiscali… non fisiche.
Arrivo sull’isola privata della mia migliore amica per festeggiare il suo primo anniversario di matrimonio. Fico, vero? Certo, fino a quando una tempesta tropicale non mi blocca lì da sola con il testimone dello sposo. E ovviamente la tempesta trascina il suo lussuoso idrovolante in alto mare.
Pensavo che la mia cotta per Jonah fosse morta e sepolta finché non succede qualcosa, sull’isola. A dire la verità, accadono un sacco di cose. Jonah è astuto, sexy e divertente, e butto al vento la mia prudenza per un’avventura che è più di quanto ci aspettassimo entrambi.
Amare un adone milionario dovrebbe essere facile come contare fino a tre, ma Jonah Wells è un’equazione che non riesco a risolvere.
Fa sempre piacere leggere una commedia romantica dopo averne letti un paio che trattavano temi più importanti; la commedia di cui vi parlo è Sun, Sea, the Billionaire and Me, storia non molto complicata, dove aleggia quel velo di dolcezza, simpatia e qualche domanda senza risposta se non a un certo punto.
 
Fran e Jonah sono i protagonisti di questa storia; i festeggiamenti per l’anniversario dei loro amici su un isola privata sono terminati e il ritorno a casa e alla vita di tutti i giorni é imminente, ma una tempesta tropicale li blocca sull’isola. L’attrazione che Franchesca ha sempre sentito per il bellissimo milionario acquista una nuova forza quando si ritroveranno rinchiusi nel bunker al sicuro dalla tempesta ma non da Jonah e da se stessa.
Fran è una vera nerd con i numeri, con alle spalle un mucchio di appuntamenti falliti, una capa che chiamarla pazza é un eufemismo.
Jonah è bello, ricco e affascinante, schivo, galante ma di pochissime parole.

non riesco a sopportare oltre il suo comportamento senza senso. Non asseconderò più il suo gioco di atteggiamenti altalenanti. È come una roulette russa: all’inizio è eccitante, sicuro, ma alla fine non è affatto divertente.

Con una sola voce narrante, Harmony Knight ci regala una storia dolce pur toccando tasti delicati; sebbene abbia apprezzato la storia, il protagonista di Jonah non è particolarmente caratterizzato forse in mancanza del suo punto di vista o forse perché non risulta un chiacchierone nei dialoghi pur restando un uomo sicuro di sé. 
Fran resta comunque una donna forte e determinata nonostante le mille difficoltà affrontate; non si lascia abbagliare dal mondo dorato dei ricchi, malgrado delle volte essere circondata dal lusso la faccia sentire insicura di se stessa. 
E Jonah? Beh poche parole e concrete, ma si avverte subito che lui è diverso dagli altri uomini. Se solo fosse propenso ad avere una relazione…..

mi conosco abbastanza bene da sapere che, al di fuori dei matrimoni e delle vacanze, non sono il tipo di donna che può avere solo un’avventura. Me ne innamorerò. E tanto. E tutto finirà quando Jonah inevitabilmente se ne andrà per andare avanti con la sua fantastica vita da milionario e mi lascerà a terra, con il cuore spezzato, in mezzo a ciò che rimane dei miei sogni.

Per chi ama le storie senza troppe complicazioni, quelle romantiche che non cadono nel melenso, vi consiglio di leggere Sun, Sea, the Billionaire and Me.
✒️Aurelia