sabato 15 luglio 2017

Recensione: La dolcezza può fare male di Daniela Volonté

Bentornate Cercatrici, vi parlo di La dolcezza può fare male l'ultimo libro pubblicato dalla nostra autrice Daniela Volontè, che ci regala una storia che parla di vita, di chi si è lasciato governare dalle proprie paure e di chi ha abbandonato ogni speranza. 

Titolo: La dolcezza può fare male
Autore: Daniela Volonté
Editore: Newton Compton
Pagine: 202
Genere: Romance; New Adult
Costo e/ook: 2,99 euro
Uscita: 14/07/2017

Trama
Jack Lang è uno scrittore di gialli di fama internazionale e non vuole mai comparire in pubblico. Dietro al suo pseudonimo si nasconde Gabriele Neri, un uomo la cui esistenza è stata stravolta dal diabete e dalla mancata accettazione della sua nuova condizione.
Cassandra Accorsi divide l’appartamento e il lavoro con la sua migliore amica, Elisa. È una web designer e il suo ufficio si trova tra il salotto e la cucina. Cassandra ha paura di viaggiare da sola e quando, per cause di forza maggiore, deve partire da Roma alla volta di Milano, accetta di condividere l’auto con una compagna di viaggio. Peccato che invece di una ragazza, sarà Gabriele a rispondere al suo annuncio.
Arrivati a Milano, dopo un viaggio disastroso, entrambi sono più che felici di dirsi addio, ma il destino ha deciso di rimescolare le carte, e per entrambi ha in serbo una sorpresa…

Daniela Volonté
È nata a Como, ha una laurea in Economia e Commercio e una in Scienze della Comunicazione, e tra l’una e l’altra ha lavorato come impiegata. Il suo sogno era diventare correttrice di bozze, per poter conciliare lavoro e famiglia. Scrive per passione, ma lo fa a tempo pieno, perché vi dedica ogni minuto libero della sua giornata. Con la Newton Compton ha pubblicato Buonanotte amore mio, diventato subito un bestseller ai primi posti delle classifiche, L’amore è uno sbaglio straordinario, Non chiamarmi di lunedì, La meraviglia di essere simili e, in ebook, Sei l’aria che
respiro.

Recensione
Non è semplice raccontare la realtà e trarne una storia interessante. Non è facile ambientare un racconto nelle città che vediamo ogni giorno e riuscire a fare sognare comunque il lettore. Occorrono semplicità e talento e Daniela Volonté li ha entrambi. In questo suo ultimo romanzo Daniela Volontè ci parla di vita, di chi si è lasciato governare dalle proprie paure e di chi ha abbandonato ogni speranza. Capitolo dopo capitolo, prende per mano il lettore lungo un percorso di ricostruzione che parte da dentro noi stessi, prima che da fuori.
La dolcezza può far male è una storia a due voci ma è soprattutto, Daniela non volermene, la storia della rinascita di Gabriele. Lui è sempre stato un uomo vitale, con la passione per i viaggi e gli sport estremi, un cercatore di adrenalina. Poi la sua vita è cambiata bruscamente. La diagnosi di una forma di diabete tardivo lo ha messo in ginocchio. A distanza di tre anni ancora non è riuscito ad accettare cosa comporta la malattia e come lo ha cambiato. Non riesce a riconoscersi nei limiti che gli sono stati imposti. Gabriele è un uomo che, messo alla prova dalla vita, si lascia trasportare, non fa nulla per accettare questa nuova condizione.
Ho amato Gabriele con i suoi modi scorbutici e la sua fragilità. Ho amato come l’autrice, con la delicatezza che la contraddistingue, è riuscita a raccontarci l’impatto di una malattia sulla vita di una persona. Siamo abituati a leggere di malattie che strappano la vita ma cosa succede quando cambiano così tanto il tuo corpo da non riconoscerlo più? Cosa succede quando minano ogni tua certezza? Ti cambiano, spesso non in meglio.
È a questo punto della sua vita che Gabriele incontra Cassandra, grazie alla condivisione di un viaggio da Roma a Milano. Se pensate che il loro sarà amore a prima vista, siete in alto mare, perché il loro più che un incontro è un vero e proprio scontro. Perché Gabriele è brusco e Cassandra di primo acchito lo scambia per un barbone.
Cassandra è una donna che ha subito diverse batoste dalla vita ma non si è mai arresa, è una combattente convinta di poter essere ancora felice. L’incontro con Gabriele è rocambolesco e inaspettato, come il sentimento che inizia a provare per lui man mano che impara a conoscerlo in tutte le sue sfaccettature. La positività di Cassandra, la sua energia, sono una ventata d’aria fresca nella vita di Gabriele, sono la spinta a cambiare l’inerzia che lo attanaglia. Però sappiamo che cambiare non è semplice, che i cambiamenti non avvengono nell’arco di una notte.
Ho ammirato la determinazione con cui Cassandra sta vicino a Gabriele nei momenti buoni e in quelli in cui vede tutto nero. Quando cerca di allontanare tutti.
Non vi racconterò altro, vi lascerò con una delle mie citazioni preferite da questo libro:

Ucciderò le tue paure così come tu hai fatto a pezzi le mie. E soprattutto ti parlerò sempre… anche quando non vorrai ascoltare.”

Ale
LCDL
Compra con click

Nessun commento:

Posta un commento