sabato 8 luglio 2017

Recensione: Dreamwalker di Mariachiara Cabrini


Ciao a tutti! Oggi vi parlo di Dreamwalker la camminatrice di sogni, di Mariachiara Cabrini.

Titolo: Dreamwalker
Autore: Mariachiara Cabrini
Editore: Self Publishing
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 306
Costo eBook: 2,99 Cartaceo: 11,50

Trama:
Diana ha perso cinque anni della sua vita. Vorrebbe che non fosse accaduto, ma non può cambiare il passato, né cancellare le cicatrici che le ha lasciato. Può solo ricominciare da capo. Costruirsi una nuova identità, trovare nuovi amici, un nuovo scopo, e nascondere a tutti il suo segreto. Nessuno potrebbe mai immaginare che dietro i suoi abiti sempre coordinati, la sua quieta determinazione nello studio e l’abilità di creare dolci squisiti, si celi una paura che stenta a tenere a bada. Nemmeno Sebastiano, l’assistente del corso di giapponese che Diana ha iniziato da poco a seguire. Quando la guarda, lui vede solo una ragazza attraente, con gli occhi grigi più belli che abbia mai visto, ma quando lei lo guarda vede ciò che sta cercando disperatamente di lasciarsi alle spalle. Vede un incubo che le impedisce di dormire, un dolore che l’ha cambiata per sempre e che non vuole mai più provare. Amare è un rischio che non vuole correre di nuovo, ma la scelta non è unicamente nelle sue mani, e osare potrebbe permetterle di raggiungere un traguardo che non aveva mai neppure osato sognare.

Recensione: 
Ho trovato qualche difficoltà a scrivere questa recensione, in primis perchè è un romanzo che secondo me ha rotto un pò gli schemi del solito romance, poi per il tema principale affrontato. Ma veniamo a noi, la protagonista Diana ha 23 anni, per 5 anni ha vissuto una vita diversa, alternativa, lontano da tutto quello che di bello e buono aveva. Adesso deve iniziare a vivere nuovamente, crearsi delle nuove amicizie, una nuova routine

DOPOTUTTO NON DOVEVA RIPARTIRE PROPRIO DA ZERO. PER 5 ANNI AVEVA VISSUTO DA SOLA, SI ERA ARRANGIATA, AVEVA CUCINATO E FATTO LA SPESA..... AVEVA IMPARATO MOLTE COSE... LA MAGGIOR PARTE NON MOLTO UTILI O POSITIVE, MA COMUNQUE... ERANO SEMPRE MEGLIO DI NIENTE...

Diana ha un segreto! E' questo ciò che la costringe a dei cambiamenti, a darsi delle abitudini, quelle piccole cose che fanno parte della vita, della normalità. Diana, una volta tornata a casa dalla sua famiglia, inizia a vivere e riassaporare quello che nel suo passato ha già vissuto, come lo star insieme ai suoi genitori, sorridere insieme al tavolo della sala mentre parlano dei suoi progressi, sfogliare le pagine dei libri dei suoi autori preferiti e leggerne le note che lasciava scritte. Ma la sua giornata deve riempirsi di impegni per non dover pensare e soffrire, così decide di iscriversi in palestra a un corso di autodifesa, che la tiene impegnata sia mentalmente che fisicamente, ma questo non le basta ancora... consultandosi con la sua famiglia decide di iscriversi all'università, alla facoltà di lingue ma anche andare a vivere da sola per poter essere autosufficiente e vivere come tutti i ragazzi della sua età.

C'ERA UNA VITA LA' FUORI PER LEI, DOVEVA SOLO AFFERRARLA

Anche se non era pronta ad accettare che qualcuno invadesse i suoi spazi, decise comunque di condividere l'appartamento con una ragazza, Elisa, appena diplomata, simpatica, spigliata, che veste da hippie; ma Diana non riesce ad aprirsi a causa di quel macigno che la opprime e la debilita nei rapporti personali perchè il suo pensiero fisso è la paura che dicendo la verità possano guardarla con compassione, prenderla per pazza ed escluderla dalle loro vite. Così cerca di mantenere una certa distanza nel rapporto. Una volta iniziate le lezioni in università e iniziato a studiare, si accorge che purtroppo la sua soglia di attenzione si limita a un'oretta, così tra una pausa di studio e un altra, si rifugia in cucina e prepara dolci, per la felicità di Elisa e dei vicini di casa, universitari come lei.

SI SENTIVA IN COLPA PER LE BUGIE CHE DOVEVA DIRE, NON LE PIACEVA DOVER MENTIRE, MA DOVEVA ABITUARCISI, O RISCHIAVA DI PERDERE TUTTO

Non voglio anticiparvi altro perchè tra queste pagine leggerete le paure, le insicurezze. i pensieri che martellano la mente e il cuore della protagonista, l'impegno e la forte costanza che Diana mette in ogni singola cosa che fa.
Complimenti Mariachiara per questo bellissimo romanzo psicologico, per il modo in cui hai trattato una tematica molto interessante, particolare, diversa, difficile, dei sentimenti contrastanti, dell' apparenza e delle verità nascoste al fine di proteggere noi stessi e chi ci circonda.
Dreamwalker penso che resti uno dei migliori libri per argomenti, personaggi, per le parole delicate ma forti, dolci ma dure, affinchè Diana potesse uscire dal suo bozzolo per poter diventare farfalla, poter amare se stessa nonostante tutto, amare a chi tiene, amare ciò che la circonda, per poter volare felice tra i fiori della vita

Complimenti all’autrice.

Aurelia
LCDL
Compra con un click

Nessun commento:

Posta un commento