mercoledì 13 giugno 2018

Recensione: Stay di Deborah Fasola

Carissime vi presentiamo il nuovo lavoro di Deborah Fasola, un Contemporary Sport Romance, Stay.


Titolo: Stay
Autore: Deborah Fasola
Editore: Self Publishing
Genere: Contemporary Sport romance
Pagine: 285
Trama:
Quanto sei disposta a rischiare pur di salvare i tuoi ricordi?

Ormai sono cambiata e ho finalmente  realizzato ogni mio sogno.
Caleb, il mio fidanzato, è il mio intero mondo e tutta Hollywood ci acclama, almeno fino a quando non avviene l’impensabile: il ranch dei miei genitori è in pericolo ed è tutta colpa loro, degli odiati fratelli Taylor.
Tornare a casa non sarà facile: dopo aver rinnegato la mia terra e il mio sport, ritrovarmi in quei luoghi di ricordi e dolore di certo risveglierà in me ogni emozione distruttiva, solo che lo devo fare.
Anche se so che tutto ciò mi spezzerà il cuore…

Ormai sono cambiato.
Il ragazzino arrogante ha lasciato spazio all’uomo vero e in questi luoghi io vivo e lotto ogni giorno.
La mia vita è complicata e quando torna Alaska Keys, tutto il mio mondo, mio malgrado, comincia di nuovo a ruotarle intorno.
Perché lei adesso è troppo diversa, mentre io la rivoglio com’era allora.
Io rivoglio indietro la ragazza con gli stivali e il cappello sulla testa, quella in groppa a un cavallo. La ribelle.
Io rivoglio l’Aka che ho amato e per farlo sono disposto a qualsiasi cosa, anche a proporle un insolito patto che, già lo so, ci distruggerà.

Dieci giorni di tempo, una scommessa di riscatto, due cuori che si ritrovano e il grande, immenso amore per la natura e lo sport, faranno da sfondo a un romance capace di far piangere e sognare.

Recensione:

"Per vivere davvero bisogna… vivere! E non programmare tutto."



Sono un'accanita persecutrice dell'autrice che non so come mai, probabilmente siamo legate da qualche magico filo, riesce sempre a scrivere la storia che voglio leggere proprio in quel determinato momento. Stavolta mi è bastato sentire poche parole, un ranch di famiglia, cavalli, uno sport per farmi cadere subito nel desiderio di leggerlo... e non capite quanto mi sono sentita fortunata di poterlo leggere in anteprima :D me lo sono letteralmente bevuto in pochissimo tempo, non solo per correre a recensirlo per voi, ma perché non riuscivo a staccarmi dalle pagine. 
E se proprio devo trovargli un difetto è quello che, nonostante le 285 pagine, lo volevo più lungo, ancora più lungo. 
Ma è sempre così quando ti incanta una storia, con lo stile di scrittura dell'autore e quando ti innamori dei personaggi... non si ha più voglia di abbandonare quell'universo che hai imparato ad amare e che ti ha fatto sognare per delle ore.
Il personaggio di Alaska mi è piaciuto incredibilmente a partire dal suo nome così particolare, ma è il suo carattere quello che risalta, quel nuovo personaggio che si è costruita negli anni che cozza letteralmente con la Aka di un tempo. Quel suo modo di gettarsi tutto indietro senza voltarsi, senza neppure provare a combattere perché spesso fa meno male scappare che fermarsi e lottare. Mi ha colpito perché in parte è diversa da molte altre eroine di carta e di inchiostro e ha delle bellissime sfumature e profondità che, nonostante a volte, vorresti prenderla a sberle, finisci per capirla perché lo capisci benissimo che tutto è più forte di lei, che vive seppellita da paura e da questo bisogno innato di proteggersi e fuggire.

Resta, volevo dirglielo. Resta, e invece se ne è andata. Perché una sola notte era troppo poco. Troppo poco anche solo per pensarci ancora.

Ovviamente chi ho amato di più è il protagonista maschile di questa storia che si fa letteralmente carico di tutti i problemi del mondo fino ad affogarcisi dentro con le sue stesse mani. Se una scappa, l'altro ci resta seppellito dentro per senso del dovere, di responsabilità. Sono praticamente due mondi simile e al tempo stesso caratterialmente diversi che si scontrano e si incontrano. E più va avanti la storia e più conosceremo meglio tutto quello che prova, sente, vive o ha fatto questo Taylor, vi garantisco che vi scioglierà il cuore. 
Mi sono così affezionata a questi luoghi e spero tanto che Deborah ci regali un altro volume dedicato all'altro fratello Taylor o al fratello di lei.

Fabiana


Nessun commento:

Posta un commento