mercoledì 2 agosto 2017

Recensione in anteprima: Vado, Sbaglio e Torno di Jana Aston

Oggi vi parliamo in anteprima di  Vado, Sbaglio e Torno di Jana Aston,  in uscita il 3 agosto edito dalla Newton Compton.

Titolo: Vado, sbaglio e torno
Autore: Jana Aston
Editore: Newton Compton
Pagine: 288
Genere: Contemporaneo erotic romance
Prezzo: ebook 4,99 – cartaceo 5,90 
Pubblicazione: 3 agosto 2017

Sinossi:
libro è stato una sorpresa fenomenale! Sexy, romantico e divertente, che cosa chiedere di più?
Ho una certa abilità nello scegliere la persona sbagliata, devo ammetterlo. Magari viene fuori che il tipo che mi piace è gay. Oppure ha il vizio dei giochi spinti. Per non parlare di quello tutto perfettino che nella vita è solo un viziato cocco di mamma. Insomma, riesco a inanellare uno sbaglio dopo l’altro... Ultimamente, però, mi capita di non riuscire a smettere di fantasticare su uno dei clienti del bar dove lavoro nei ritagli di tempo. Mi auguro che sia solo un’innocua cottarella, niente di cui preoccuparsi. L’uomo in questione è il mio ginecologo ed è molto più grande di me. E questo lo fa diventare Mr. Uomo Sbagliato. Ma è anche vero che non mi ricordo di avere mai avuto fantasie più eccitanti e scandalose...
«Una storia che mi ha fatto ridere ed emozionare come mi succede con i romanzi di Emma Chase. Leggetelo!»
Gabriella 

Chi è Jana Aston?
Tutti i giorni fa un mestiere molto noioso, ma si ritaglia tutto il tempo che può per scrivere storie d’amore romantiche e sensuali con cui sognare di evadere dalla realtà. I suoi romanzi sono diventati tutti bestseller del «New York Times» e «USA Today». 

Recensione: 
Parlare di un libro che non mi ha trasmesso emozioni ed esporre chiaramente il mio pensiero è difficile, ma vi garantisco che cercherò di essere completamente sincera e se avete deciso di acquistarlo, vi consiglio di non leggere questa recensione spoiler-free per non lasciarvi influenzare. 
Anche se questa storia mi ha deluso, il mio consiglio è quello di farsi una propria opinione e non lasciarsi scoraggiare dal mio giudizio negativo. Ognuno di noi ha la sua percezione nella lettura di un romanzo, ma quando viene a mancare la “storia”, l'emotività, i protagonisti che non suscitano alcuna empatia, la narrazione pressoché banale, un'opera che brilla unicamente per le scene di sesso, mi sento in dovere di non consigliarlo a chi, come me, ama leggere storie che ti trasportano e che ti fanno battere il cuore lasciandoti pensieri e riflessioni.
In questo romanzo a parte qualche scena iniziale divertente poi non c'è altro, ci si perde nella banalità della trama. Sono stata spinta a leggerlo in anteprima pensando di inoltrarmi in un romanzo divertente che così è stato almeno nei primi dieci capitoli o forse poco più. E' partita bene questa autrice, nel romanzo si vedono i presupposti per una storia ironica e creativa ma poi non so cosa si è spezzato, a un certo punto il libro prende una piega banale, senza spessore e profondità, come un lago privo di pesci. Ho sperato che prima o poi accadesse qualcosa, ho continuato la lettura dicendomi dai ci siamo, forse adesso accade l'imprevisto ma nulla, la storia è rimasta piatta fino alla fine con l'unico pov del protagonista.
La protagonista si chiama Sophie e frequenta l'ultimo anno dell'Università della Pennsylvania. Lavora nella sede di Grind Me, frequentata principalmente da professionisti e studenti che vivono in appartamenti fuori dal campus universitario. Luke rientra nella categoria dei professionisti e ogni martedì si reca al Grind Me per un caffè con abiti firmati e costosi. Sophie nonostante sia fidanzata è attratta da questo uomo più grande di lei che le fa bagnare le mutandine solo ordinando un caffè. Nulla di male, nella vita capita di avere una cotta platonica per uomo, ma quando Sophie decide di adottare misure contraccettive, si reca nell'ambulatorio dell'università per una visita ginecologica e chi ti incontra? Il dottor Miller, il professionista tanto desiderato dalla studentessa nonché primario del reparto di Ostetricia dell'ospedale e volontario nell'ambulatorio per qualche ora a settimana. 

“Oh mio Dio. La mia cotta di fantasia è un ginecologo. Il mio ginecologo."

Ironica e imbarazzante la visita ginecologica di Luke che nonostante il suo atteggiamento professionale e imparziale durante la visita, Sophie continua a ripete a se stessa, non ti eccitare, non ti eccitare, non ti eccitare e si concentra sul soffitto dove c'è un poster motivazionale ma questa distrazione non è stata sufficiente per non farle provare piacere.

“Muove la mano sul mio addome, spingendolo mentre il suo dito si muove dentro di me. Mi piace molto quello che provo, la pressione dall'alto e il suo dito dentro. Mi contraggo, stringendo il suo dito involontariamente e percepisco un piccolo spasmo che si proroga all'interno del mio corpo. Oh mio Dio. Penso di avere appena avuto un orgasmo. Dannazione. Se ne sarà accorto? Era piccolo. Forse non ci ha fatto caso.”

La protagonista ventunenne ha gli ormoni sessuali come nel passaggio tra l'infanzia e la pubertà, voi mi direte niente di male visto che è anche vergine, nulla se non fosse che è l'unico genere di relazione che i protagonisti intratterranno per la maggior parte della storia. Sophie ha la sindrome di incapacità di giudicare le persone ma guarda caso non per il ginecologo affermato, sexy e ricco. Una brutta copia di storie già lette dove non succede mai nulla se non una ex fidanzata che irrompe durante la frenetica vita sessuale dei protagonisti... che di fatto comporterà solo un defilarsi da una serata di gala con Luke; una caduta accidentale a causa di un battibecco infantile con il suo ex, Mike, e la farà finire direttamente all'ospedale dove Luke l'assiste e paradossalmente scopre l'imprevisto che non sto dirvi per non farvi spoiler di un finale alquanto scontato.
Il romanzo è privo di un motore trainante, i protagonisti sono piatti e aridi di emozioni, soprattutto Sophie che per l'età che ha l'ho trovata infantile e deprimente ma ciò non toglie che potrebbe essere una lettura estiva e leggera per quelli che non vogliono intraprendere un libro troppo impegnativo.

Chicca
LCDL

Compra con un click

Nessun commento:

Posta un commento