sabato 19 maggio 2018

Recensione: Dirty (Dive Bar Series # 1) di Kylie Scott

Care lettrici oggi vi parlo di: Dirty, primo libro della serie Dive Bar, spin-off della The Lick Series, una autrice che amo perdutamente! Si parlo di lei, della mitica Kylie Scott. Ritornata in Italia con questa nuova avventura, grazie alla Newton Compton.

Titolo: Dirty (Dive Bar Series Vol. 1)
Autore: Kylie Scott
Editore: Newton Compton
Costo ebook:5,99 €
Prezzo cartaceo:  9,90 €
Pagine: 320
Genere: Contemporaneo hot

Trama:
Dive Bar Series

L’ultima cosa che Vaughan Hewson si sarebbe aspettato di trovare nella casa in cui ha trascorso l’infanzia è una sposina con il cuore spezzato. Nella sua vasca da bagno, per giunta. Lydia Green ha scoperto che l’amore della sua vita l’ha tradita persino alla vigilia delle nozze. E per giunta con il testimone. Il colpo di grazia, per lei. E così è scappata e si è nascosta in quella casa, troppo sconvolta per pensare a cosa avrebbe fatto nel caso in cui fosse tornato il proprietario. Vaughan è l’esatto opposto dell’uomo perfetto e rispettabile con il quale Lydia stava per sposarsi. È un musicista ma si mantiene con un lavoretto in un bar che gli consente a stento di sbarcare il lunario. Eppure, fidarsi delle apparenze non ha portato Lydia a trovare la felicità… Tutt’altro. Forse, allora, è il caso di cominciare a prendere decisioni col cuore invece che con il cervello. E finalmente, a lasciarsi un po’ andare…
Una sposa tradita e in fuga si nasconde nella casa di un affascinante sconosciuto…

«Questa autrice ci regala passione pura, incontenibile energia e uno straordinario umorismo che ci rende dipendenti dai suoi libri.» 
RT Book Reviews 

«Nessuno descrive cattivi rocker tatuati e dannatamente sexy come Kylie Scott! Ho divorato ogni deliziosa pagina di questo libro sexy, divertente e sorprendentemente dolce. Preparatevi a innamorarvi di Vaughan.» 
Emma Chase 

«Una scrittura pazzesca, divertente da morire e così tenero da riuscire a farvi arrossire.»
Katy Evans 

Biografia:
È un’autrice bestseller del «New York Times» e «USA Today», da sempre appassionata di storie d’amore, rock’n’roll e film horror di serie B. Vive nel Queensland, in Australia, legge, scrive e non perde troppo tempo su internet. La Newton Compton ha pubblicato la Lick Series: Tutto in una sola notte, È stato solo un gioco, Nessun pentimento, Doppio gioco e la novella I disastri del cuore. Con Dirty si apre la nuova Dive Bar Series.


Recensione:
Dopo aver finito  l'ultimo capitolo degli Stige  (il romanzo di Ben) mi ero infatuata di  Vaughan chitarrista/bassista di una band amica degli Stige e non  vedevo l'ora di poterlo leggere, ero scoraggiata perché non sapevo se avrebbero acquistato o meno i diritti e con un amica ho cercato di leggerlo in lingua. È stato un fallimento. Il libro fin dalle prime pagine faceva capire che sarebbe stato una bomba ma io e l'inglese non andiamo particolarmente d'accordo e ho rinunciato... Quando dai rumors si è saputo che in tempi brevi arrivava con Newton Compton ve lo dico ho pianto di gioia!
Come è arrivato mi sono tuffata a pesce e fin dalle prime pagine ho riso come una pazza, la Scott ha una grandissima capacità di descrivere in maniera molto vivida situazioni tragicomiche e iniziare il libro con una sposa in fuga è stato a dir poco esilarante, sì, perché Lydia sta per sposarsi... e non fra tre giorni, lo sta per fare proprio adesso! 
 Cosa succede se poco prima di sposarti ricevi un video che dimostra il tradimento del tuo futuro sposo?  E se il tradimento è con il testimone? Sì, avete capito benissimo il testimone, non la testimone.
Lydia è una donna a modo, trattenuta, contenuta, posata, buona e ingenua, figlia non proprio desiderata di genitori egoisti e in carriera che non l'hanno mai considerata, non domanda la luna ma cerca nel suo compagno stabilità e sicurezza e credeva di averla trovata in Chris, finché il suo mondo scoppia rivelandole che era tutta un illusione.
Vaughan era il bassista dei Down Fourth band che ha raggiunto l'apice del successo e poi è scoppiata per le ambizioni del cantante, si ritrova "ad aver perso il Nord" e cosa si fa in questi casi? Si ritorna a casa! 
Ma cosa succede se nella tua casa natale, da tempo disabitata ti ritrovi una sposa in lacrime, nella tua vasca da bagno? E tu sei pure nudo?
Potete ben capire che questo libro lascia spazio a molte gag, a molto pepe ma anche a tanto altro, con quello stile pazzesco che contraddistingue la Scott conosceremo la loro pazza storia che nasconde fragilità, sensi di colpa, insicurezze e traumi, raccontato attraverso agli occhi di Lydia e ci introduce al Dive Bar.
Il Dive bar è un istituzione, un bar storico della città natale di Vaughan e sua sorella è una dei soci, la storia primaria racconta di Lydia e Vaughan ma ci introduce un sacco di personaggi importanti e interessanti che ruotano intorno al Dive Nell la sorella di Vaughan, Erik, Joe, Pat e Andre alcuni di loro saranno i prossimi protagonisti di questa fighissima serie!

Sentii la gamba che mi scivolava, e mi lasciai scappare la clamorosa parolaccia con la c, convinta di averla sussurrata tra me e me. 
 «Non dovresti dire quella parola! Mamma dice che non sta bene». 
«Sì, è vero, hai ragione, è una parolaccia, chiedo scusa». 
«Non fa niente. Mamma dice che non sei stata educata come si deve, e che quindi dobbiamo cercare di sor…di sovv…di sorvo…». Aggrottò le sopracciglia, contrariata. «Di sorvolare?»
 «Sì. Davvero sei cresciuta in una stalla? Vivere in mezzo agli animali dev’essere divertente». Ah, bene. Ecco cosa succede a lasciare che dei ricchi spocchiosi e stronzi crescano dei figli. La sorella di Chris era la regina della puzza sotto il naso. Tutta la sua famiglia era ai suoi livelli, a essere sinceri.

Inutile dire che mi è piaciuto un casino, è un viaggio il loro, metaforico in cui entrambi devono crescere e mettersi in discussione uscendo dalla zona di confort/limbo in cui entrambi in maniera diversa si sono relegati, ma se Lydia è compassata e Vaughan è selvaggio entrambi sono bloccati emotivamente, entrambi indossano maschere, tranquillità dove c'è il mare in tempesta e tempesta dove invece c'è  smarrimento. Il loro incontro scontro li mette su un piano inclinato come la famosa pallina, comincia a scendere, e per quanto impercettibile sia l’inclinazione, inizia correre e correre sempre più veloce. Fermarla, è impossibile. Ma per fortuna gli uomini non sono palline: basta un gesto, un’occhiata, una frase qualsiasi a fermare il corso delle cose. O per mutarle.
Ma per farlo ci vuole molto coraggio, perché bisogna scavare dentro di sé, superare paure, traumi e fidarsi ancora... Anche in questo volume la Scott ha scritto delle imprecisioni rispetto a come si concludeva l'ultimo capitolo della serie :D ma niente che comprometta la bellezza del testo.
Venite a leggere questo primo capitolo del Dive bar non ve ne pentirete! E se non vi ho ancora convinti, ci verrà a trovare anche una nostra vecchia conoscenza in questo mitico bar, Pumpkin vi dice nulla?


Fra

Nessun commento:

Posta un commento