martedì 12 giugno 2018

Recensione: Nessun giorno della settimana di Sol Aguirre

Bentornati lettori oggi Aurelia vi parla di questo romanzo straordinario che racconta di donne, donne comuni con pregi e difetti, con l’ironia, con i problemi che ci creiamo, gli sbalzi di umore, le illusioni, con la nostra pazzia che a volte ci caratterizza: Nessun giorno della settimana edito Newton Compton scritto da Sol Aguirre.

Titolo:  Nessun giorno della settimana
Autore:  Sol Aguirre
Editore: Newton Compton
Pagine: 347
Costo: ebook 4.99€  cartaceo 7.99€

Trama:
Un caso editoriale partito dalla Spagna


Sofía ha 42 anni, è una madre single e vive a Madrid con i due figli adottivi. Durante un viaggio a New York, città di cui è innamoratissima, comincia a riflettere su se stessa e sulla propria vita. È felice? No. Deve ricominciare da zero, reinventarsi, eliminare gli aspetti negativi della sua esistenza e, soprattutto, circondarsi di persone positive. Dopo un inizio folgorante, la relazione con Pedro procede a stento tra alti e bassi. Gli sbalzi d’umore sono all’ordine del giorno. I bambini, poi, assorbono gran parte della sua attenzione e del suo tempo. L’unica cosa che la fa sentire davvero realizzata è la scrittura. Ed è per questo che Sofía comincia a tenere un blog tutto al femminile, “Las Claves de Sol”, un posto sicuro dove essere semplicemente se stessa, senza filtri. Comincia così un viaggio nella sua personalità, tra i suoi reali desideri, nel corso del quale, anche grazie a una buona dose di brillante autocritica, Sofía scoprirà che non è mai troppo tardi per la felicità.
La nuova Bridget Jones arriva dalla Spagna
Un esordio travolgente
«Mi chiamo Sofía Miranda e non mi pettino, ho una calligrafia orribile, dico un sacco di parolacce, odio cucinare, guardo film spazzatura e ho le braccia flaccide. Mi capita di dimenticarmi di fare la ceretta e a volte mi mangio le unghie. Ah, accumulo un sacco di piatti sporchi perché detesto svuotare la lavastoviglie.» 
«Sofía sono io, sei tu, è qualunque persona che a un certo punto della vita abbia deciso di provare a essere più felice, mettersi in discussione, reinventarsi. Chiunque, per un qualunque motivo, abbia preso una nuova strada.»
Sol Aguirre

Chi è Sol Aguirre?
È nata a Barcellona. Dopo essersi laureata in Diritto ha lavorato come responsabile nel settore marketing per quasi vent’anni. È la creatrice di “Las Claves de Sol”, il blog umoristico femminile più letto in Spagna, con oltre 80.000 contatti al mese. Ha scritto opere teatrali e testi di canzoni. Vive a Madrid con i due figli. Quando non scrive, gira per la città in monopattino o vola verso la sua amata New York.
Recensione:
La protagonista di queste pagine è Sofia una quarantaduenne, madre single che ha deciso di adottare due splendidi bambini russi senza famiglia. Sofia è qualcosa di fenomenale, è madre, figlia, amica ma soprattutto donna, una donna che si mette sempre in discussione con un modo tutto suo originale e profondo al tempo stesso.
«Maca, tesoro, abbiamo più di quarant’anni. Abbiamo passato metà della nostra vita a lavorare, alcune sposate con la stessa persona. C’è chi va avanti per inerzia e chi invece non lo fa. Punto».
Leggere Sofia è tutto un programma. La sue conversazioni con il gruppo delle amiche sarà qualcosa che vi farà riflettere e ridere, perché da sola o insieme alle  ragazze i discorsi saranno un misto di serietà e cavolate dette con lo stesso tono.
«Possiamo, ma non è obbligatorio. Non ti sei accorto che andiamo avanti così da tutta la vita? 
Magari ci piace».
Il romanzo ci parla di argomenti attuali, le donne nella loro intelligenza e delle fregature che spesso si prendono nella vita, di famiglia, di divorzi, di amicizia vera, quella che ti sostiene anche con una cassa di alcool pur di farti star bene. Credo che questo sia un bel punto importante, perché Nessun giorno della settimana ci parla soprattutto della realtà della vita, quella vita che per quanto possa essere perfetta c’è sempre qualcosa che manca, che sia l'amore, un lavoro migliore, il sogno che custodiamo,  che sia semplicemente la felicità quella a cui tutti aspiriamo.
Un romanzo introspettivo, un blog che parla di donne, di uomini, di famiglia, figli e divorzi, un libro da scrivere, un viaggio tra Madrid, le sue bellezze, i suoi locali, il cibo, e New York, la città d'eccellenza, quella perfetta, la città che non dorme mai, sarà qui che Sofia capirà ciò che veramente conta nella vita.
Arriva un’età in cui si allontana il dolore e lo si sostituisce con la rabbia. È più facile, e la vita ti fotte meno. Oppure no, chissà. Ho sempre pensato che ciò che non si espelle dall’organismo al momento giusto si manifesterà più tardi sotto forma di qualcosa di schifoso, tipo il pus, il muco o il cerume.
Parlarvi e raccontarvi in poche righe un romanzo davvero particolare è difficile, ma spero che almeno un po’  io abbia instillato in voi un pochetto di curiosità, se siete stanche delle donne perfette, con le loro acconciature perfette, dal trucco perfetto e dell'abbigliamento super fashion allora questo è il romanzo che fa per voi, perché Sofia è tanto ma non perfetta! Un romanzo da leggere da conservare e riprendere quando il morale a volte lo si tiene sotto i piedi, siamo donne e siamo perfette nella nostra imperfezione!
Complimenti Sol
Aurelia


Nessun commento:

Posta un commento