sabato 16 giugno 2018

Review party: Per il mio amore, Whiskey di Kandi Steiner

Oggi partecipiamo al review party di una nuova uscita Always Publishing, che mi ha totalmente rapita, "Per il mio amore, Whiskey" di Kandi Steiner. L'autrice fa il suo debutto in Italia e vi ricordiamo che sarà presente al RARE di Roma per il firmacopie.

Titolo: Per il mio amore Whiskey
Autore: Kandi Steiner
Autore: Always Publishing
Pagine: 340
Genere: Romance contemporary
Prezzo: 5,99€ - 13,99€

Trama
Dieci anni d’amore, di perdita, di amicizia, di cuori infranti e di emozioni da gustare fino all’ultima goccia.

Dal primo momento in cui incontra Jamie, Breck sa che la sua vita non sarà più la stessa.
Quel ragazzo dagli occhi ambrati diventerà il suo Whiskey, una irrinunciabile dipendenza.
Mese dopo mese, anno dopo anno, errore dopo errore, la loro amicizia si fa sempre più complicata, e la loro attrazione sempre più inarrestabile. 
Ma cosa fare quando il tempo e le circostanze sembrano essere sempre avverse? Quanto duramente e quanto a lungo una donna può lottare per riappropriarsi del cuore dell’uomo che da sempre le appartiene? 
Una storia cruda, appassionata e straziante, in cui il destino giocherà a tirare i fili del vero amore, in un turbinio di emozioni. travolgenti.
Ci vuole più coraggio ad ammettere di amare qualcuno e di voler lottare per lui, che a lasciarlo andare per soffrire di meno.

Recensione:

Tu sei praticamente whiskey che cammina. 
Il colore dei capelli, degli occhi, 
il profumo che hai… è praticamente l’essenza della tua anima

Parto con una premessa, scrivere questa recensione non è per niente facile, un pò perché quando amo troppo un romanzo mi sembra di non riuscire a rendergli giustizia con le parole e un pò perché è difficile raccontarvi le emozioni che si sono succedute senza rischiare di raccontarvi troppo del romanzo o del modo in cui questo libro è stato concepito e tirato su dall'autrice rendendolo qualcosa che al tempo stesso ha una trama usata in tanti altri romanzi, ma anche una voce unica e diversa nel panorama.
Detto questo, io ho impiegato giorni per venire a capo della mia recensione, l'ho, per restare in tema alcolico, decantata parecchio, l'ho dovuta assaporare di nuovo sul palato per riscoprire il gusto intenso e, come vi dicevo, unico che ha impresso la Kandi Steiner nel romanzo. 
L'autrice non vedevo l'ora di leggerla da mesi, speravo che qualcuno si decidesse a portarla in Italia e finalmente posso dire che l'attesa è valsa assolutamente la pena e spero che la Always porterà altri titoli. Con questo romanzo è stato un amore a partire dalla cover che rispecchia fedelmente l'immagine della protagonista, l'idea che si ha di lei nella storia. E' lei la unica e sola voce narrante a tenere in piedi questi dieci lunghi anni di "amicizia" in 384 pagine che vi terranno incollati.

Ci sono cose che odio nei romanzi, i troppi salti temporali, il raccontare del narratore a discapito del mostrare le cose, lo svelare troppo subito non lasciando niente per dopo, il parlare al lettore... insomma tante cose e Kandi Steiner le ha praticamente usate tutte insieme, senza tralasciare niente eppure, è riuscita a conquistarmi fin dalle prime battute, lasciandomi a tratti scettica ma impossibilitata ad abbandonare le pagine, fino a quando le domande del perché impostare tutta la storia in questa maniera si sono lentamente disvelate, mostrandomi come questo fosse il modo giusto e unico di raccontare questa incredibile storia. Quindi i miei più grandi complimenti a questa autrice che è riuscita a vincere in un colpo solo tutte le mie remore, spazzandole allo zero, segno che quando un libro sa parlare al cuore e arriva dritto ai sentimenti, il gusto personale cade proprio in secondo piano.
Non sono solita sottolineare i romanzi, neanche quelli che amo di più perché sono tutta concentrata a leggere la storia per scoprire quello che accadrà e mi pare di perdere tempo a sottolineare. In questo romanzo praticamente mi sono soffermata a sottolineare una marea di cose, se continuavo di questo passo lo avrei reso tutto una sottolineatura. Ma è stata la prima volta che sentivo che quelle frasi dovevano restare impresse e fisse anche una volta chiuso il romanzo. E vi giuro mi piacerebbe tanto lasciare che fossero loro a parlarvi un pò di questo bellissimo romanzo, senza bisogno di usare le mie di parole che so già in partenza non gli renderanno meritata giustizia.
La Steiner ci racconta 10 anni di questa amicizia, nata quasi per caso e subito rivelatasi una grande salita. Due personaggi molto simili, così simili che non dovrebbero essere semplicemente amici, ma molto di più perché due come loro probabilmente sono qualcosa di unico e raro. Ma la vita a volte fa strani giri e ci mette di fronte mille ostacoli e a quanto pare non sempre siamo pronti a darle retta o semplicemente non sempre possiamo darle spago. C'è sempre un qualcosa o un perché a ostacolarli e a dividerli, per qualcuno questo potrebbe essere una montagna russa da Maalox, io vi dico che per la prima volta nella storia, non ho avuto bisogno di farmi venire il mal di stomaco. Sì ho sofferto, patito, ma mai una volta sono riuscita a provare astio e rancore per i due protagonisti che sono semplicemente vittime dell'età, di se stessi, del loro passato, dei loro problemi, delle loro paure, delle circostanze della vita... e vi garantisco che la Steiner è bravissima a metterle in luce, B. si metterà a nudo, vi parlerà con il cuore in mano, è lei la prima a sbaragliare i muri che si è costruita, a leggere dietro sapendo già di sbagliare, per questo non potrete fare a meno di amarla, di coccolarla, di provare tenerezza per questa piccola ragazzina che lentamente si trasformerà in una giovane adulta. Prima era sperduta, insicura, senza certezze nel futuro, poi acquista una forza che le apre una via da seguire, un sogno da raggiungere... e purtroppo non sempre lavoro e amore combaciano. Questa è una delle scelte che ho trovato più giuste e azzeccate da parte dell'autrice. Il fatto di non mostrare un'eroina che abbandona i suoi sogni per seguire l'amore, una che comunque ce la vuole fare da sola perché in quel determinato momento della vita sa che è questo che vuole anche se poi è sicura che lo rimpiangerà per tutta la vita. Ma è in questo momento particolare che sa di non poter essere quello che vuole Jamie perchè riesce solo a vedere se stessa e quello di cui ha bisogno.

Sprecavo tempo. Lasciavo che giorni e settimane e mesi di amore incredibile, da spezzare anche l’anima, mi sfuggissero solo perché credevo di conoscere il modo giusto per scrivere il nuovo capitolo della mia vita. E alla fine scoprii che mi sbagliavo. Scoprii che avevo una bottiglia di raro, deliziosamente invecchiato whiskey tra le mani, ma me l’ero lasciata scivolare tra le dita e lei si era schiantata al suolo. E non sarei stata io quella che avrebbe potuto raccoglierne i cocci.

Insomma, non voglio raccontarvi altro di questo aspetto, se non dirvi che la costruzione di questi due personaggi è veramente molto psicologica e ben strutturata.
E quello che comunque non potrete fare a meno di amare fin da subito è proprio Jamie con il suo meraviglio carattere, perché lui ci prova, si mette in gioco, si apre, viene ferito, attende, si rimette in gioco, si arrabbia, ma alla fine c'è sempre.

E se non ti posso avere quando stai male e non ti posso avere quando stai bene, allora quando? Quando arriverà il momento giusto per te per smettere di combattere quello che c’è tra noi e lasciarmi entrare nel tuo cuore?

E' una storia incredibile perché vi porterà a rivivere tutte le tappe importanti della loro crescita, un romanzo che racchiude in sé uno ya, un na e un contemporary romance con una bellissima componente di passione perché Jamie e B. hanno una chimica incredibile. Un romanzo che è pieno di spunti importanti sul saper cogliere le possibilità che la vita ci offre, bisogna imparare a leggere e a trovare soluzioni alternative perché a volte quando sembra che la vita con il suo tempismo viene a rovinarci i piani non è proprio così... probabilmente siamo semplicemente noi che non sappiamo leggerlo nel modo giusto.

Abbiamo sempre dato la colpa al tempismo, ma il tempismo è sempre stato quello giusto; siamo noi che non lo abbiamo mai ascoltato.

Insomma di questo romanzo non c'è niente che non mi sia piaciuto e alla fine non vorrei cambiarne neppure una riga. Mi sento orfana di Jamie e di B., della loro grande amicizia e del loro grande amore, così orfana che, nonostante dopo tante pagine agognavo solo la fine, non voglio lasciarli andare, hanno riempito in un modo dolce, tenero, a tratti doloroso e intenso, ma meravigliosamente vero e reale, le mie ore di lettura.
Fantastico poi il paragone che fa B. tra il Whiskey e la sua dipendenza, ci sono tanti pensieri e paragoni tra l'alcol e l'amore della sua vita che sono perfettamente adeguati e rendono magnificamente l'immagine di quel momento.

Io vi lascio, sperando di aver reso un minimo giustizia a questo bellissimo romanzo, quello in assoluto più bello tradotto da questa casa editrice. Un libro che va assolutamente letto per gustarlo sul proprio palato come un buon Whiskey, un libro che finirà a pieno titolo nella mia libreria dei romanzi che mi sono rimasti nel cuore. Complimenti all'autrice e alla casa editrice per averla portata, vi prego traducete anche gli altri romanzi dell'autrice, perché veramente questa merita di essere letta e di essere portata su un palmo di mano.
Ma prima di andarmene, vi lascio, lo giuro, con un'ultima frase sul libro. Lascio alla Steiner l'onore di chiudere la mia recensione per lasciarvi il gusto dolce-amaro di questo romanzo:

Fino ad ora, non ho mai lottato abbastanza. Ma se me ne darai la possibilità, lotterò ogni singolo giorno delle nostre vite insieme. Combatterò per te e alla fine vincerò la guerra. Mi hai chiesto un giorno, ma quel giorno non è mai arrivato. Mi hai chiesto di sceglierti e io non l’ho mai fatto. Mi hai chiesto di stare con te, e io non l’ho mai fatto.

Fabiana


Nessun commento:

Posta un commento