giovedì 19 luglio 2018

Review Tour: The studying Hours di Sara Ney


Carissime, oggi partecipiamo al Review Tour di un nuovo romanzo portato in Italia dalla Hope, The studying hours di Sara Ney.

Titolo: The studying hours
Autore: Sara Ney
Editore: Hope editore
Costo: 5,99
Pagine: 285
Trama:
ROZZO. ARROGANTE. STRONZO.
Non c’è dubbio al riguardo, Sebastian Oz Osborne è il miglior atleta dell’università ma anche il più grande stronzo. Un cliché ambulante, sempre pronto a dire sconcezze, un corpo fantastico, uno a cui non frega un cazzo di ciò che pensa la gente.

INTELLIGENTE. ELEGANTE. CONSERVATRICE.
Non si cada in errore, Jameson Clarke può anche essere la studentessa più diligente della scuola, ma di certo non è una puritana. Trascorrendo la maggior parte del suo tempo tra le sacre mura della biblioteca, James diffida di guardoni, atleti e stronzi e Oz Osbourne ha tutte queste qualità. Lei è brillante, sarcastica e il contrario di ciò che lui immagina.

Ogni stronzo ha le sue debolezze.
Lui vuole esserle amico.
Lui Vuole passare del tempo con lei.
Lui Vuole farla impazzire.
Lui Vuole lei.
Fine della conversazione in chat
Digita un messaggio...

Recensione:
The studying hours è un romanzo divertente, leggero e molto ironico. Con uno stile fresco e irriverente, Sara Ney ci regala una storia perfetta per trascorrere queste giornate estive in allegria.
Sebastian e Jameson sono due poli opposti che si attraggono contro ogni logica. Sebastian è uno sportivo con una brillante carriera olimpica davanti. È consapevole di avere un corpo mozzafiato, successo, capacità sessuali di cui si vanta continuamente e un ego davvero sin troppo sviluppato.

Potrei anche essere stato benedetto da un talento donato da Dio per sbattere gli avversari al tappeto, ma finanziariamente sono solo armato di una borsa di studio da atleta (una che non posso permettermi di mandare a puttane) e un lavoro. Proprio così. Un lavoro.

Jameson è una ragazza semplice, dall’aspetto serioso e ordinario, ma che cela interessi davvero adrenalinici. James è una studentessa seria ed equilibrata che rispetta gli impegni e fa di tutto per evitare di cadere vittima di quei ragazzi che vogliono solo e soltanto sesso da lei. Al suo aspetto elegante e ordinario si aggiunge un’ironia marcata che caratterizza gran parte delle sue conversazioni. 
Jameson e Sebastian sono due ragazzi che non fanno altro che girare attorno a un’attrazione fisica e mentale piuttosto forte. Nonostante le battutine talvolta, anzi spesse volte, spinte, i due riusciranno a conoscersi profondamente, a parlare e a condividere parti di loro stessi con l’altro. La biblioteca sarà il nido della loro nascente relazione. Quel luogo in cui si rifugiano per trovare un luogo tranquillo in cui studiare e mantenere alti i loro voti, diventa anche un luogo in cui poter essere se stessi senza l’influenza degli altri. Il fatto che siano diversi apparentemente fa si che anche gli altri non capiscano cosa stia succedendo mettendo in dubbio la serietà del loro coinvolgimento.
In più, la popolarità con le donne di Sebastian detto Oz non aiuta di certo Jameson a fidarsi di lui e delle sue intenzioni. Il tutto procede molto lentamente, nessun colpo di testa, nessun relazione fisica prima di aver definito bene le cose tra loro e ad aver capito cosa provano davvero.

Ogni ragazza al campus muore per avere un appuntamento con me, per scoparmi o intrappolarmi in una relazione… e James non vuole fare nessuna di queste cose. Che cazzo è questa storia?
Entrambi saranno pronti a spogliarsi di quella maschera da ragazzo playboy e ragazza seriosa per essere ciò che sono realmente. Il tutto è condito da conversazioni ironiche ed esilaranti, che sembrano colorare anche gli argomenti più seri e importanti. In tutto il romanzo si respira una forma di leggerezza che non guasta. Ci saranno alcuni momenti in cui il lettore si chiederà cosa stiano facendo i protagonisti, ma non disperate, a tutto c’è una spiegazione.
Il romanzo di Sara Ney è un romanzo scorrevole con alcune parti d’ombra che non rendono l’intera narrazione molto lineare. La stessa storia non è molto complessa, anzi procede il tutto in modo piuttosto lineare se non quasi scontato. La vera forza del romanzo più che le azioni in sé sono i dialoghi ben costruiti e coinvolgenti che fanno acquisire all’intera storia nuova dinamicità.
Ho avuto qualche difficoltà a leggere la versione tradotta, che a tratti aveva delle frasi poco scorrevoli che ho dovuto rileggere più volte. Alla fine sono passata alla versione originale del romanzo, ma anche qui c'erano delle frasi che erano poco chiare.
In conclusione, consiglio di leggere questo romanzo a tutte coloro che desiderano una storia d’amore frizzante e vivace.
Cla



Nessun commento:

Posta un commento