venerdì 25 maggio 2018

Recensione: UN ROMANTICO MATRIMONIO A PARIGI di Charlotte Nash

Carissime lettrici oggi vi parliamo di “Un romantico matrimonio a Parigi” di Charlotte Nash, edito Newton Compton.

Titolo: Un romantico matrimonio a Parigi
Autore: Charlotte Nash
Editore: Newton Compton Editori (26 aprile 2018)
Genere: Romanzi rosa
Pagine: 380 pagine
Costo: formato Kindle € 2,99

Trama: 
Un viaggio alla scoperta dell'amore
Dieci anni fa Rachael non ha lottato per l’amore della sua vita, e adesso lui sta per sposare un’altra. Quando Rachael West riceve lo sfarzoso invito al matrimonio di Matthew e Bonnie, in cuor suo sa che non dovrebbe accettare. È ancora sconvolta per la morte di sua madre e, come se non bastasse, Matthew è l’uomo che le ha spezzato il cuore dieci anni prima, quando lei ha deciso di restare nella casa in campagna per prendersi cura della famiglia invece di seguirlo a Sydney e realizzare insieme i loro sogni. Assistere al suo matrimonio con un’altra significherebbe solo farsi altro male, eppure… L’invito è per una settimana a Parigi tutto compreso: hotel di lusso, visite guidate e biglietti aerei. Rachael non è mai uscita dall’Australia e Parigi è il suo sogno… Anche la famiglia e gli amici la spingono a cogliere l’occasione per cambiare aria e chiudere con il passato. E così Rachael parte per la città dell’amore, che con la sua magia è persino in grado di farle dimenticare il motivo per cui si trova lì… Fino a quando incontra gli occhi di Matthew dopo così tanto tempo. Ma è giusto infrangere la felicità di un’altra donna per seguire il proprio cuore? Di sicuro, dopo questa settimana, niente sarà più come prima.

Chi è Charlotte Nash?
È nata in Inghilterra, ma è cresciuta nella soleggiata contea di Redland, a Brisbane. È una grande appassionata di equitazione, ha cominciato a cavalcare dall’età di tredici anni e non ha più smesso. Scrive romanzi romantici, ma le piace esplorare altri generi come la fantascienza e il fantasy (perlopiù in storie brevi). Attualmente vive in un cottage con il marito e suo figlio, circondata da animali.

Recensione: 
Questo libro mi ha letteralmente conquistata. Se non lo avessi letto in anteprima per recensirlo giuro che prima o poi mi ci sarei imbattuta, lo avrei acquistato di sicuro e l’avrei letto e riletto perché è davvero fenomenale. L’aspetto che più sorprende è che la trama è tutto fuorché ciò che hai in mente... quando leggi il titolo pensi a una classica storia con la protagonista che incontra l’ amore della vita e attraverso mille peripezie arriva al lieto fine.
Questo in effetti c’ è, ma si affrontano temi come l’ amore in senso lato e il dolore legato al lutto con una delicatezza ed una profondità che poche volte si incontra.
La protagonista è Racheal, una ragazza che ha sacrificato gli anni migliori per stare accanto alla madre malata, pur non pentendosene minimamente. Racheal rimanendo incastrata quasi un decennio in questa realtà in una fattoria in Australia mostra due lati opposti del suo carattere: da una parte la sua immaturità nell’affrontare le situazione amorose e le relazioni e dall’altra una parte più matura perché costretta ad affrontare la morte dell’ adorata madre elaborando il lutto con dignità.

“quasi nessuno è capace di soffrire, soprattutto nei Paesi occidentali. Siamo talmente indotti a pensare che la tristezza e il dolore siano sentimenti negativi, che debbano essere risolti il prima possibile… Invece non si possono cancellare. Una persona che amavi non c’ è più, e niente può sostituirla. Puoi solo portare con te il dolore. Non devi pensare di doverlo schiacciare, soprattutto se non ti senti pronta.”

Lei conquista il lettore con la sua bontà, generosità e la sua voglia di ricominciare, anche se nemmeno lei sa da cosa. Il suo viaggio a Parigi, in occasione del matrimonio del suo ex che non è mai riuscita a dimenticare, sarà la possibilità di conoscere meglio se stessa e capire cosa vuole dalla sua vita che le si presenterà davanti.
Sarà un’avventura che le permetterà di conoscere nuove fantastiche persone e consolidare i rapporti con i concittadini che con lei sono volati a Parigi per il matrimonio di Matthew.
Una nota di merito (e forse la parte migliore) è la descrizione che l’ autrice fa della campagna australiana e della città di Parigi trasmettendo al lettore l’ amore per quei luoghi fino a dargli l’ impressione di trovarsi davvero lì assieme ai protagonisti.
Consiglio questo libro a chi ama le letture leggere ma allo stesso tempo non banali, per chi cerca una trama diversa dalle solite delle quali questo libro fa parte… Buona lettura a tutti!

Federica


Nessun commento:

Posta un commento