lunedì 7 maggio 2018

Segnalazione: GRAFFI SUL CUORE di Hellen C. Worth

Vi segnaliamo l'uscita del terzo (e ultimo) volume della trilogia, dal titolo "GRAFFI SUL CUORE" di Hellen C. Worth, edito da Lettere Animate, uscito il 30 aprile 2018

SINOSSI: 
l presente di Irene è condizionato dai ricordi. Dolorose cicatrici marchiano il suo corpo, e la sua anima. Quel passato che non riesce a dimenticare, ritorna prepotentemente a galla, quando la ragazza incrocia gli occhi grigi di Alexander Steiner. Nonostante la differenza d’età e condizione sociale, il misterioso pianista, dai modi garbati e sensuali, sarà capace di infiltrarsi sottopelle, mettendo la diffidente Irene con le spalle al muro. La ragazza si vedrà costretta ad ingaggiare una dura lotta contro i demoni che la tormentano, in virtù di un possibile futuro. Una storia che si evolve a spirale, travolgendo come un uragano il lettore. Un amore indimenticabile, che resterà impresso nel cuore, come una cicatrice indelebile. 

PROLOGO: 
Cicatrici. Le chiamano cicatrici. Tracce che rimangono nel punto in cui una ferita si rimargina. Ricordi indelebili che il tempo non cancella, ma rende solo più lievi.
So bene cosa sono, le conosco perfettamente. Le conto una ad una ogni giorno.
Nel corso degli anni da rosa acceso sono passate a rosa pallido, quasi si sforzassero di provare ad uniformarsi alla pelle che le circondava. Ma alla fine, inesorabilmente, sono rimaste lì, e l’unica certezza è che nessuno le toglierà.
Esistono tipi di cicatrici peggiori di altre: sono quelle incolore, quelle che rimangono inalterate nel tempo. Nessuno le nota, non lasciano traccia. Non mutano forma, né tono; sanno semplicemente nascondersi bene.
Per questo le considero le peggiori, per l’inganno in cui possono trarre: un’effimera illusione all'approssimarsi della realtà.
La mente si può ingannare, ma il cuore no. Il cuore è il geloso custode di quella particolare specie di cicatrice, ed è capace di svelarla al momento giusto.
Quel momento è stato la mia intera vita, fino a quando il mio cuore ha deciso di non voler essere più un carceriere e mi ha finalmente donato la libertà.


Nessun commento:

Posta un commento