mercoledì 18 ottobre 2017

Recensione: Perfect boy di Jillian Dodd

Carissime, oggi vi racconto di Perfect boy, l'infinita telenovella che la Newton ha portato in Italia, scritta dall'autrice Jillian Dodd.


Titolo: Perfect boy
Autore: Jillian Dodd
Editore: Newton Editore
Pagine: 352
Costo: 4,99€ ebook - 10€ cartaceo
Trama:
Una serie che ha conquistato migliaia di lettori in tutto il mondo
Keatyn Series

East Coast, Hollywood. Keatyn ha tutto ciò che una liceale potrebbe mai desiderare. È la ragazza più carina della scuola, è popolare, viene invitata alle feste migliori e a pranzo il suo tavolo è sempre quello più ambito. La sua vita procede a meraviglia, seguendo un copione perfetto. Eppure Keatyn non è più sicura di volere tutto questo. Perché, in realtà, quell’apparenza scintillante nasconde dei segreti. Il suo fidanzato si ubriaca puntualmente a ogni festa. La sua migliore amica minaccia di rivelare a tutti che la sua relazione è una truffa… Keatyn non ce la fa più a fingersi perfetta, ma è difficile rinunciare a quello che per anni è stato il tuo mondo. Finché il sorriso irresistibile di un surfista non arriva a portare definitivamente scompiglio nella sua vita. Uscire con lui equivarrebbe a un suicidio sociale. Per Keatyn è arrivato il momento di scrivere un nuovo copione. Uno di quelli in cui i pezzi della sua esistenza possano tornare a riunirsi in perfetta armonia. Di certo non si aspetta che ci sia qualcuno pronto a fare di tutto per impedirglielo.
Dall'autrice della serie bestseller That Boy
Un successo del passaparola
Bestseller di USA Today
«La cosa che più ho amato di questo romanzo è proprio lo stile di scrittura: talmente semplice, talmente scorrevole, da farsi divorare.»
«Interessante e avvincente.»
«Questo è un romanzo dolce, tenero e commovente, ma non solo: è anche divertente.»

Chi è Jillian Dodd?

È autrice bestseller di «USA Today». È cresciuta in una fattoria nel Nebraska e attualmente vive in Florida. La Newton Compton ha pubblicato i primi tre capitoli della serie That Boy. Perfect boy è il primo capitolo della nuova Keatyn Series.

Recensione:
Aspettavo con impazienza questo romanzo ma purtroppo le attese non sono state ben ripagate. Non voglio fare troppi giri di parole e perdermi in chiacchiere, né spoilerarvi la trama, ma vi dico fin da subito che la cosa che salvo di questo romanzo è la scrittura  dell'autrice che come dicono nella trama scorre ed è così semplice da correre alla fine senza neppure accorgervene. Okay, accorgervene, è la parola sbagliata perché se non fosse stata per lo stile dell'autrice non sarei mai riuscita a terminare il romanzo... almeno una pagina sì e l'altra pure ero a pormi domande.
E okay, vi passo il fatto che sono ragazzini, okay vi passo pure il fatto che sono tutti ricchi, viziati, glamour e hollywoodiani ma veramente mi ha dato a tratti un senso di finzione e di stridore assurdo, poi magari sono io che sbaglio e a tutte voi non sembrerà altro che l'ennesimo libro di tanti uguali. 
Io ho fatto a pugni con questi sedicenni che si vestono e si atteggiano da trentenni tutte firme e tutto patinato. La testa è quella di ragazzini confusi, sballati, a tratti proprio cattivi, ragazzini che fanno gli adulti perchè gli adulti sono i perenni assenti.
Keatyn ha sempre dato importanza all'apparire perfetta, a scrivere copioni della sua vita in cui si mostrasse agli occhi di tutta la scuola come perfetta. Tutto è perfetto, ma in realtà è solo una parvenza superficiale, così come finzione sono i rapporti che instaura con le amiche e con i ragazzi che le ruotano intorno.
Nel tentativo di uscire dal suo script finisce per diventare peggio di quelle finte amiche che le controllano l'esistenza. Il problema di questo libro è proprio la fretta dei cambiamenti di idee e di pensieri della protagonista, che si strugge poco e niente per la rottura con il fidanzato, per la rottura con quello che ama, per la rottura con quello che ha scoperto la amava da tempo immemore e per tante altre cose... sembra un pò una banderuola al vento in amore ed è capace nella stessa stanza di mollare il suo ragazzo che ama da secoli per dichiararsi innamorata di un altro che pare sia l'unico che la capisca e l'apprezzi per quello che è.
Diciamo che il suo problema principale è perdere la verginità, squagliarsi con i baci, finire per raccontare frottole per mantenere la sua esistenza bella e perfetta. Che poi bella è perfetta lo sarebbe pure visto che è figlia di una star del cinema e a poco e nulla di cui preoccuparsi... se non la presenza di uno stalker... 
Ma è un romanzo che non finisce, anzi la fine getta ancora più confusione di nomi di maschietti che le ronzeranno attorno e quando sono andata a controllare su amazon ho scoperto che sono 9 libri su di lei... oddio mio, voglio morire.
Consiglio questo libro a persone a cui piace lo YA e che non sono troppo pignole come la sottoscritta perchè ho trovato tante scelte dell'autrice veramente ridicole e discutibili... una fra tutte, la fine del suo rapporto con quello che per un anno le è stato amico e a cui lei ha sempre dato una mano, Cush. Mi sembrava proprio che l'autrice si volesse togliere di mezzo il ragazzo per far spazio ad altro, ma veramente il modo l'ho trovato ridicolo, affrettato anche se sono dei sedicenni. Senza contare del ridicolo ritorno a chiusura del libro. L'unica cosa che dà un pò di movimento e brio alla storia è questo stalker, che ovviamente non faticherete a capire chi sia...

Fabiana
LCDL

martedì 17 ottobre 2017

Recensione: Non lasciarmi andare di Catherin Ryan Hyde

Recensione Non lasciarmi andare di Catherine Ryan Hyde, scrittrice poliedrica,  racconta una storia di coraggio e sfide da affrontare per una storia intensa che vi farà commuovere. Uscito il 12 ottobre nel formato ebook e il 29 ottobre in cartaceo, edito grazie alla casa editrice Leggereditore.

Titolo: Non lasciarmi andare
Autore: Catherine Ryan Hyde
Editore: Leggereditore
Pagine: 208
costo: € 4,99
Genere: Narrativa

Trama:
Grace, dieci anni, vive nella periferia degradata di Los Angeles con una madre tossicodipendente che la trascura e il rischio di essere affidata ai servizi sociali. C’è solo una persona che può aiutarla a uscire fuori da questa situazione e donarle una nuova speranza: Billy Shine, il suo vicino di casa. Un tempo ballerino di Broadway, Billy è ora un uomo solitario, in preda a continui attacchi di panico, spaventato dalla gente e dal mondo fuori le quattro mura della sua casa. Le sue giornate scorrono silenziose, perfettamente orchestrate da una routine da cui raramente riesce a fuggire. Tutto cambia, però, quando nella sua vita irrompe la piccola Grace, proponendogli un piano audace e coraggioso per aiutare la madre a disintossicarsi. Billy si mostrerà per lei un fidato alleato, pronto a farsi in quattro. L’impresa, d’altra parte, è di quelle che ridanno senso all’esistenza e nuova fede nell’amore puro e incondizionato. Ma non è affatto facile, perché per aiutare la madre di Grace sarà necessario privarla della cosa di cui ha più bisogno: sua figlia.

Catherine Ryan Hyde, classe 1955, vive a Cambria, in California. Scrittrice poliedrica e vivace, ha pubblicato numerosi romanzi e raccolte di racconti, grazie ai quali ha ricevuto importanti riconoscimenti letterari. Tra le sue opere più famose ricordiamo La formula del cuore (Piemme, 2000), tradotto in 23 lingue e da cui è stato tratto un film con Kevin Spacey, Un sogno per domani. Con Non lasciarmi andare fa il suo ingresso nel catalogo Leggereditore

Recensione

“Forse era stato un sogno o una visione, proprio come il battito d'ali, ma più reale.
La bambina era ancora lì. Per cui a quanto pareva non era stato un sogno.”

La storia si svolge in un palazzo nella periferia di Los Angeles. La piccola Grace di solo dieci anni, vive con la madre Elaine dipendente dalla droga.
Quando Billy Shine vede la piccola dal suo balcone al primo piano seduta su uno scalino, dove passa la maggior parte del suo tempo, si preoccupa per lei.
Grace  ha i capelli scarmigliati all'inverosimile e sembra essere molto triste. Giorno per giorno, gli inquilini del palazzo prendono a cuore la piccola aiutandola nella vita quotidiana e assicurandosi che la bambina frequenti la scuola e dividendosi i compiti per non lasciarla sola, mentre la madre passa la maggior parte del tempo a dormire.
Billy le insegna a ballare il tip tap, Felipe a parlare lo spagnolo, il signor Lafferty le regala una pedana e delle scarpe nuove da tip tap e Rayleen si prende cura di lei come se fosse sua figlia.
Grace per avere solo dieci anni è una bambina molto saggia, è difficile per gli inquilini del palazzo, ognuno con le sue problematiche, non innamorarsi di lei.
Grace sa che sua madre la ama,  sa che sua madre è una tossicodipendente e sa anche che, a meno che non ottiene un aiuto diverso dalla signora della Contea e la sua sponsor, potrebbe essere portata via dai servizi sociali e che non potrà mai  più vedere la sua mamma.
Tutti i vicini, anche se vivono nello stesso palazzo, non si conoscono affatto, ma grazie a Grace e alla sua brillante idea su come ottenere il cambiamento della mamma, crea un legame molto speciale tra bambino e adulto, diventando una piccola famiglia dove ognuno racconta la propria storia e rispondendo alle domande di Grace come nella vita ogni genitore normale fa con i propri figli.
Quello che è veramente incredibile è quello che la piccola riesce a insegnare a ognuno di loro; è tenace e nonostante la turbolenza che la coinvolge, Grace riesce ad imparare e insegnare a ognuno degli inquilini, non solo la gioia di vivere, ma anche a essere se stessi e a essere coraggiosi.

Questo libro è molto commovente e mentre desideri che la madre di Grace sia sobria, vuoi anche che accada qualcosa che metterebbe tutte queste persone in una casa con lei per diventare una famiglia felice.

I dialoghi sono frizzanti, la narrazione è scorrevole e nonostante affronti tematiche non semplici e la storia sia triste, tutto scorre molto naturalmente in maniera talmente realistica che riesce a scaldarti il cuore fino alla fine.

Grazie alla CE che ha tradotto questo breve ma significativo romanzo
A presto e buona lettura!

Chicca
LCDL

Anteprima: A little too late di Staci Hart

Carissime oggi per la rubrica oltreoceano vi presentiamo un romanzo in uscita a fine ottobre, A little too late di Staci Hart. Grazie alla nostra Ale che ha tradotto la trama!

Titolo: A little too late
Autore: Staci Hart
Lingua: Inglese
Serie: Autoconclusivo
Genere: Contemporary Romance; New Adult
Prezzo ebook: 3,33 euro
Trama
Non si supponeva che mi innamorassi della tata.
Quando mia moglie se ne è andata, ha portato via con sé anche l’illusione della felicità, e io sono stato in caduta libera da quel momento. Per nove lunghi mesi, ho combattuto per cercare di capire come essere un padre single, come farlo da solo.
Per nove mesi sono sprofondato.
Quando Hannah ha varcato la soglia di casa, ho respirato per la prima volta da quando mi sono trovato da solo. Lei è scivolata nelle nostre vite senza sforzo, mostrandomi cosa mi è mancato in tutti quegli anni. Perché Hannah mi fa sorridere quando pensavo di aver rinchiuso la felicità tra le pagine dell’album del mio matrimonio.
Lei doveva essere soltanto la tata, ma è molto di più.
Il giorno in cui mia moglie se ne è andata dovrebbe essere il giorno peggiore della mia vita, ma non lo è. Il giorno più brutto è stato quando Hannah se ne è andata, portando con lei il mio cuore.
Dall’autrice di “Un meraviglioso amore impossibile”, “Un perfetto amore sbagliato” e “Ciò che resta del mio amore”, un romance contemporaneo in cui ritroveremo Charlie, il protagonista di “A Thousand Letters”

Anteprima: Non posso dimenticarti di Sarah Bernardinello.

Carissimi vi presentiamo un nuovo m/m della Quixote in uscita il 23 ottobre: Non posso dimenticarti di Sarah Bernardinello.


TITOLO: Non posso dimenticarti
AUTORE: Sarah Bernardinello
GENERE: QLGBT- Contemporaneo
COVER ARTIST: Angelice Mary
FORMATO: E-book (Mobi, Epub, Pdf) e cartaceo
PAGINE: 230
PREZZO: 3,59 € (e-book) su Amazon, Kobo, Itunes, Store QE
DATA DI USCITA: 23 Ottobre 2017

TRAMA: 
Ashley Miller è un informatico di giorno e uno dei baristi di un locale gay di notte. 
Una tragedia famigliare lo ha costretto ad abbandonare l'Università per mantenersi e pagare i debiti, e le vicissitudini lo hanno reso cinico e duro, ma non è sempre stato così. Brillante studente di matematica, ma nerd timido, quattro anni prima Ash ha incontrato un ragazzo capace di fargli battere il cuore come mai gli è capitato.
Purtroppo per lui, silenzi e omissioni non sono l'ideale per costruire un rapporto.
Christian Pike è un avvocato che lavora in un prestigioso studio legale di Manhattan. L'invito di un collega ad andare in un locale dove non era mai stato, si trasforma in una scoperta emozionante: il ragazzo che quattro anni prima ha crudelmente respinto a causa del suo non essere dichiarato è uno dei baristi del locale. Un ragazzo che, malgrado il tempo trascorso, non ha mai dimenticato.
Chris fa di tutto affinché Ash lo perdoni per la cattiveria e le parole crudeli di cui l'ha fatto oggetto, senza però molto successo.
Sarà l'intervento di un collega di Chris a far sì che Ash cominci a cambiare opinione su quel ragazzo che non è riuscito a dimenticare, facendo i conti con i ricordi e le proprie paure.


Recensione: Nella rete di Shakespeare di Marilena Boccola

Care Cercatrici, oggi Anita si appresta a parlarvi di un libro che tratta di una coinvolgente storia che vede l'ormai onnipresente social Facebook come mezzo essenziale per l'incontro fra i nostri protagonisti, nonostante uno dei quali non ne sia consapevole... Nella rete di Shakespeare di Marilena Boccola edito da Harper Collins.


Titolo: Nella rete di Shakespeare
Autore: Marilena Boccola
Editore: Harper Collins 
Genere: Romance
Pagine: 145
Costo: €.3.99 Ebook


Trama: Di solito è lui quello che, dopo una notte di sesso, non richiama la ragazza di turno. Davvero poco piacevole, questa volta, trovarsi dall'altra parte della barricata, soprattutto perché ciò che prova per quella giovane dal fisico mozzafiato è qualcosa di più della semplice sbandata di una sera. Così quando, dopo giorni, Carlotta finalmente lo richiama, Fabio mette da parte l'orgoglio e accetta subito di rivederla. Ma Carlotta non è decisamente un tipo facile e, oltre a non concedersi mai del tutto, pare addirittura nascondere qualche segreto. Frastornato dalla situazione e deciso a non smentire la sua fama di donnaiolo impenitente, Fabio decide di continuare a intrattenere una relazione on line con una sconosciuta dal nick name particolare, Giuly Cap, e dalla strana abitudine di citare Shakespeare. A lui sembra un innocente passatempo, ma non sa che la rete, spesso, è assai insidiosa...

Recensione: 
La nostra protagonista, Carlotta, è una giovane promettente stilista trasferitasi a Milano, la capitale della moda, dalla romantica e incantevole Verona, città che ha ispirato la straordinaria tragedia shakespeariana Romeo e Giulietta. 
Carlotta torna spesso nella sua città d'origine per far visita alla madre, una donna forte che da sola ha cresciuto lei e suo fratello minore Pietro, al quale Carlotta è molto legata: una persona speciale che riesce a donarle serenità con il suo modo unico di cogliere sempre il lato positivo di tutto ciò che lo circonda e con il quale condivide la passione per "Romeo e Giulietta".
Carlotta adora questa intensa e drammatica storia d'amore al punto tale da citarne spesso i versi durante le sue conversazioni, anche in chat su Facebook dove, con il nick name di Giuly Cap, conosce Fabio, un attraente ragazzo dallo sguardo magnetico che riesce subito a stregarla col
suo sorriso da canaglia, tanto che sarà lei a prendere in mano la situazione e a combinare gli eventi per fare in modo di incontrarlo...
Carlotta viene presentata come una donna insicura e fragile a causa delle vicende vissute durante la sua infanzia e la sua adolescenza, vicende che le hanno lasciato profonde ferite e l'hanno portata a precludersi la possibilità di fidarsi e di conseguenza amare e lasciarsi amare.
Tutto cambia nel momento in cui incontra Fabio: il sentimento che fin da subito le suscita questo ragazzo, all'apparenza superficiale e donnaiolo, la porterà a mettere in discussione quello che e' stato il suo modo di rapportarsi con l'altro sesso fino a quel momento e ad abbandonare finalmente un grosso fardello che le gravava al centro del petto da ormai troppo tempo.
Il ruolo di Fabio in questo romanzo ha soddisfatto un filino la mia vena sadica: vedere una volta tanto un uomo che "cuoce sulla graticola" è un tantino gratificante... >:) Convenite con me?
Questo romanzo mi ha piacevolmente colpito, scritto bene e scorrevole nella lettura, ho amato le citazioni prese dall'opera shakespeariana ed il modo in cui l'autrice ha saputo "piazzarle" al posto giusto e nei momenti giusti.
Lo consiglio per chi vuole immergersi in una lettura non impegnativa da terminare tutto d'un fiato!
Vi lascio con una frase particolarmente significativa che ho voluto far mia:

     "LA DIVERSITA' NON E' UNA COLPA, SEMMAI UNA RICCHEZZA, PER CHI SA COGLIERLA"

Buona lettura!


Anita

LCDL

lunedì 16 ottobre 2017

Anteprima: E a tutti, buonanotte di Kaje Harper

Uscita a sorpresa della Triskell edizioni: E a tutti, buonanotte di Kaje Harper

Titolo: E a tutti, una buonanotte
Titolo originale: And to All a Good Night
Serie: Lezioni di vita #1.5
Autore: Kaje Harper
Traduttrice: Cristina Bruni
Genere: Contemporaneo
Prezzo: € 0,99
Data di pubblicazione: 16 Ottobre
Lunghezza: 43 pagine
Trama:
In Lezioni di vita, il detective Mac e l’insegnante Tony hanno deciso che una relazione, anche se tenuta nascosta, vale la pena di essere vissuta, nonostante i rischi e le difficoltà. 
Ora Tony deve andare a trovare la famiglia per le festività, per cui i due si ritrovano a essere separati. 
Sulle spiagge della Florida, Tony riflette sulle gioie e sui problemi della loro vita insieme, mentre Mac, sotto la neve in Minnesota, deve occuparsi di un caso di omicidio che in qualche modo lo tocca da vicino.
E la sera, al telefono, cercano di ritrovarsi grazie alle parole.






Recensione: Fino all'ultima parola di Tamara Ireland Stone

Bentornati Cercatrici e Cercatori. Il libro di cui vi parlo oggi è Fino all'ultima parola di Tamara Ireland Stone, edito dalla Leggereditore. Un genere Young Adult ma assolutamente adatto a tutti,  recensione SPOILER FREE.
Venite a conoscere Samantha e la sua storia. 

Titolo: Fino all'ultima parola 
Autore: Tamara Ireland Stone
Editore: Leggereditore
Pagine: 368
Costo eBook: 4,99 Cartaceo: 12,67 (uscita 26/10)
Genere: Narrativa contemporanea
Uscita: 12/10/17

Trama: 
A prima vista Samantha McAllister sembra essere come tutte le ragazze della sua età, ma dietro il suo aspetto curato nasconde un segreto che non ha mai confidato a nessuno. Tormentata da un flusso continuo di pensieri negativi, paranoie e fissazioni, come quella per il numero tre, Sam soffre di un disturbo ossessivo-compulsivo che rende difficile non solo il suo rapporto con gli altri ma anche e soprattutto con sé stessa. C’è solo un luogo in cui riesce a sentirsi veramente libera: la piscina, per lei fonte di ispirazione, riconciliazione con il mondo e, soprattutto, con la propria mente. Ma una volta fuori dall’acqua, è tutta un’altra storia... Forse ciò di cui avrebbe bisogno è circondarsi di amici migliori, veri e profondi, proprio come lei. Decide così di entrare in un gruppo segreto, l’Angolo dei Poeti, per aprirsi a nuove esperienze. E qui, in modo del tutto inaspettato, incontra Aj da cui si sente subito attratta. Per Sam, però, è tutt’altro che naturale lasciarsi andare, e assecondare i propri sentimenti non sarà affatto un’impresa facile...
Un romanzo sull’importanza dell’amicizia autentica e vera, per ritrovare sé stessi lungo un emozionante percorso attraverso le parole.

Tamara Ireland Stone è autrice di numerosi romance, pubblicati in più di venti Paesi. Ex marketing manager di un’azienda della Silicon Valley, adora sciare, fare trekking e trascorrere il tempo libero insieme alla sua famiglia. Vive con il marito e i loro due bambini non lontano da San Francisco. Con il romanzo Fino all’ultima parola fa il suo esordio nel catalogo Leggereditore.

Recensione:
Ero sempre stanca, perché la fatica di funzionare come persona è letteralmente estenuante, se nel frattempo devi impegnarti a ignorare un gigantesco vortice di pensieri che ti divora. Le medicine mi aiutano a tenerlo sotto controllo. Anche se ho ancora bisogno di prenderle ogni giorno, non vorrei mai tornare alla mia vita precedente.

Come avrete letto dalla trama, questa è la storia di Samantha o meglio Sam McAllister di 16 anni e del suo disturbo ossessivo compulsivo, cercherò di farvi capire meglio in che consiste il suo disturbo, direttamente dalla voce di Sam, perché il libro è raccontato solo dalla sua voce, vivremo tutte le sue emozioni, ossessioni e compulsioni, fragilità, senso di inadeguatezza, paure, dolore, soddisfazioni di traguardi raggiunti, felicità e amore.

"Soffro di una cosa chiamata disturbo ossessivo-compulsivo. In realtà il mio problema riguarda soprattutto la parte ossessiva, mentre le ‘compulsioni’ avvengono quasi sempre dentro alla mia testa. In parole povere, significa che è un problema facile da nascondere.» Non riesco a credere
Le mie ossessioni possono riguardare qualunque argomento: i ragazzi, il rapporto con le mie amiche, oppure una sciocchezza qualsiasi che mi passa per la testa... Certe volte un pensiero rimane incastrato e non riesco proprio a liberarmene. Altre volte invece i pensieri arrivano tutti insieme e mi provocano un attacco d’ansia. Oh, e per finire c’è questa mia fissazione col numero tre. Sto sempre a contare. Qualsiasi cosa io faccia, deve esserci sempre di mezzo il numero tre"

Per me fare la recensione di questo gioiellino, è un onore e un privilegio.
"Fino all'ultima parola", mi ha ricordato ancora una volta perché amo in modo così assoluto leggere
È una di quelle storie che lasciano una tale pace e dolcezza nel nostro animo, da prendere un posticino nel nostro cuore, e restarci per sempre.
I temi di questo libro sono diversi e importanti.
In primo luogo la salute mentale e l'importanza nel rivolgersi e farsi seguire durante il percorso della propria vita, dalle figure professionali adeguate.
Che si soffra di ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo o di qualsiasi altra forma di disagio mentale, non si deve averne vergogna, o paura. Se c'è la necessità di prendere delle medicine che aiutano a "resettare" nel modo più adeguato a secondo del caso, non vuol dire che si è anormale o peggio "pazzo", si è solo persone speciali
Tratta il tema dell'accettazione, di noi stessi in primis, di quello che siamo, anche se non ci riteniamo "normali". Che non bisogna essere diversi da quello che si è per paura di restare soli o di non essere accettati. Gli amici veri e chi ti vuole bene, accetta tutto di te, amano tutto di te. Incondizionatamente. 
Questo è il percorso che la nostra Sam farà. Capirà e scoprirà cosa è giusto per lei. Cominciando con le persone di cui si circonda. 
L'angolo dei Poeti, sarà una scoperta per Sam che le cambierà la vita in tutta la sua interezza. Le amicizie verranno messe in discussione. Avrà la necessità di scegliere chi la fa stare bene o chi le dà solo un'apparente sicurezza e popolarità.

Ho letto le loro poesie. Ho conosciuto gli autori. Adesso abbiamo un segreto in comune, e questo mi fa sentire piccola, ma in senso buono. Mi sento parte di qualcosa di più grande– qualcosa di potente e di magico, così speciale che non riesco a spiegarlo.

Leggendo sia le note che i ringraziamenti dell'autrice, ho scoperto che l'ispirazione di scrivere questa storia le è stata data da una sua giovane amica, che mettendosi a nudo, l'ha accompagnata in questo viaggio durato due anni. Questo è il tempo che è stato necessario per la stesura di questa meravigliosa storia.
Una storia che la straordinaria bravura di Tamara Ireland Stone, ha reso vibrante e reale, così intensa, curata in ogni aspetto, approfondita in modo veramente professionale. Con il superbo dono della sua fantasia ha aggiunto una tenerissima storia d'amore a fare da cornice a tutto questo.
In poche parole ha creato qualcosa perfetto. 
E prendendo spunta da una citazione di Sam, questo è un libro perfetto. Ma non perfetto nel senso assoluto, ma perfetto per me.

«Quando smetterò di commettere errori?» le chiedo con un profondo sospiro. La sua risata mi coglie alla sprovvista. Sgrano gli occhi e guardo verso di lei, aspettandomi una spiegazione. «Non vedo perché dovresti» mi dice. Io continuo a fissarla. «I nostri errori ci insegnano sempre qualcosa. Ci hanno insegnato a camminare, e poi ci hanno insegnato a correre. Tentativi ed errori: per sapere che il fuoco brucia, devi toccarlo. Abbiamo commesso errori per tutta la vita, e continueremo a farlo.» «Fantastico.» «Il trucco è riconoscere i propri errori, imparare la lezione e poi lasciarseli alle spalle.»

È chiaro per tutti voi che mi sono innamorata di Sam e della sua storia, quindi lo consiglio a tutti, di qualsiasi età voi siate. Tutto è raccontato e trattato con molta delicatezza.
Di certo questo è uno di quei libri  di carta che  non potrà mancare nella mia libreria.
Non mi resta che augurarvi buona lettura, alla prossima!

Virgy
LCDL

Anteprima: Scars – Frammenti di noi di Catherine BC & Emma Altieri

Cercatrici, anteprima uscita di  Scars – Frammenti di noi, un romance contemporaneo autoconclusivo, scritto a quattro mani: Catherine BC & Emma Altieri, in uscita il 20 ottobre.


Titolo: Scars – Frammenti di noi
Autore: Catherine BC & Emma Altieri
Genere: Romance
Editore: Self - publishing
Ebook: 2,20 Pagine: 138 
Cartaceo: 168 Pagine 10, 00 euro
Gratis in abbonamento K.U.
Cover book artist: Sherazade digital art
Data di pubblicazione: 20 Ottobre 2017 

Sinossi
Samuel Adams è appena tornato dall'Afghanistan, gravemente ferito dallo scoppio di una mina, le cui schegge gli sono entrate nell'anima, cambiandolo. Ha perso degli amici e porta sulle spalle il peso d’essere sopravvissuto. Sta cercando di mettere insieme i frammenti dell’uomo che era stato oltre le delusioni e il dolore che la vita gli ha portato. In questo viaggio alla ricerca di se stesso incontra Lois, testarda, volitiva, ferita nell'orgoglio, ma piena di voglia di vivere. Lei e Sam si trovano a essere vicini di casa e complici in una sorta di iter terapico alternativo che l’ospedale sta sperimentando sui vari traumi che caratterizzano chi torna dal fronte. L’amore arriva inaspettato e travolgente. Si nutrono l’uno dell’altra, trovando il senso dei loro giorni nello stare insieme. Tuttavia, un inganno serpeggiante sembra minare la loro felicità, il seme del tradimento trova terreno fertile nell'insicurezza di Sam e tutto sembra cadere inesorabilmente, come un fatuo castello di carta. Amore, tradimento, amicizia e dolore si alternano in questo romanzo, lasciando alla fine la speranza, la stessa che ha ognuno di noi nel trovare una panacea per le proprie cicatrici.



Anteprima: Panni sporchi di Heidi Cullinan

Carissime, oggi vi presentiamo un'uscita Triskell edizione: Panni sporchi dell'autrice Heidi Cullinan.

Titolo: Panni sporchi
Titolo originale: Dirty Laundry
Autore: Heidi Cullinan
Traduttore: Raffaella Arnaldi
Serie: Tucker Springs 3
Data di pubblicazione: 19 ottobre
Genere: Contemporaneo
Lunghezza: 213 pagine
Prezzo: €5,99
Trama:
Il vero amore non sempre scorre dritto come un fiume limpido. Ma a volte sporcarsi è già metà del divertimento.
Adam Ellery, dottorando in entomologia, incontra Denver Rogers, una massa di muscoli sexy, il quale senza grande sforzo si sbarazza dei confratelli ubriachi che stanno dando fastidio ad Adam nella lavanderia automatica di Tucker Springs.
I ringraziamenti si trasformano presto in flirt, e poi, per la gioia di Adam, in sesso rovente consumato sul tavolo della lavanderia.
Anche se il suo lavoro come buttafuori in un bar gay gli concede sempre ampia scelta tra svariati secchioni sexy, Denver non riesce a togliersi il ragazzo dalla mente. Adam sembra aver bisogno di giocare pesante, proprio come Denver, ed è difficile dire di no a un’accoppiata così perfetta.
Ma Adam non è solo timido: soffre di disturbo ossessivo-compulsivo e di ansia, problemi che hanno rovinato la sua precedente relazione. E sebbene Denver sia in grado di sollevare un mucchio di studentelli come fossero pesi liberi, ha alle spalle un passato di abusi e, inoltre, prova terrore all’idea di prendere il diploma. Né Denver né Adam hanno voglia di mettere in mostra i propri panni sporchi, ma per poter stare insieme dovranno vuotare il sacco.




Recensione+giveaway: A 15 anni sei troppo vecchio (The Wolfe Brothers) di Markus Zusak

Care Cercatrici oggi vi presentiamo un nuovo romanzo dell'autore di bestseller, Markus Zusak, A 15 anni sei troppo vecchio.

Titolo: A 15 anni sei troppo vecchio (The Wolfe Brothers)
Autore: Markus Zusak

Editore: FRASSINELLI (10 ottobre 2017)
Pagine: 117
Genere: Narrativa

Costo: 7,99€ 14,90


Trama:
Dopo il successo planetario di Storia di una ladra di libri, Markus Zusak torna nelle librerie italiane con «The Wolfe Brothers», una travolgente, divertente, commovente storia di formazione articolata su tre romanzi.

In A 15 anni sei troppo vecchio incontriamo per la prima volta i fratelli Cameron e Ruben Wolfe. I due sono tanto uniti quanto diversi, visto che mentre Ruben, il più vecchio, è forte, bello e brillante, Cameron è invece il più classico degli sfigati.

I due ragazzi passano la maggior parte del loro tempo litigando con i genitori e i fratelli maggiori, combattendo tra di loro incontri di boxe «a una mano» (possiedono un solo paio di guantoni), e progettando piani semidelinquenziali, come derubare il dentista del quartiere, che falliscono miseramente.

Ma quello che Cameron, come tutti gli adolescenti, desidera veramente, è incontrare una ragazza - una ragazza vera, non una di quelle delle riviste che guarda il fratello.

Ma la domanda che lo attanaglia è: chi può innamorarsi di un perdente come me?

Biografia:
Markus Zusak (Sydney, 23 giugno 1975) è uno scrittore australiano Storia di una ladra di libri e Io sono il messaggero, due romanzi destinati ai ragazzi che sono diventati bestseller internazionali. Ha vinto il premio Margaret Edwards nel 2014 per i suoi contributi alla letteratura per ragazzi pubblicati negli USA.

Zusak è nato a Sydney in Australia. La madre, Lisa, è originaria della Germania mentre il padre, Helmut, dell'Austria. Sono emigrati in Australia verso la fine degli anni cinquanta. Markus è il più giovane di quattro figli; ha due sorelle ed un fratello. Ha frequentato il Liceo Engadine, dove è tornato per un breve periodo per insegnare inglese mentre svolgeva la sua attività di scrittore.

Zusak ha scritto cinque libri. I primi tre, The Underdog, Fighting Ruben Wolfe e When Dogs Cry, pubblicati tra il 1999 e il 2001, sono stati pubblicati in tutto il mondo e hanno vinto diversi premi. The Underdog, il suo primo libro, ha aspettato sette anni prima di essere pubblicato. The Messenger, pubblicato nel 2002, ha vinto il Premio Libro dell'Anno CBC per il 2003 e il Premio NSW Premier's Literary Award (Ethel Turner Prize) nel 2003 in Australia ed è stato finalista al Printz Award negli USA.



Recensione:



«Andiamo, Max», lo pregai. «Sono cresciuto, adesso. Sono più responsabile.» 
«Quanti anni hai?» 
«Quindici.»
«Be’…» Ci pensò su seriamente. E s’interruppe. Era un no. Scosse la testa. «No . No.» Ma l’avevo in pugno. Aveva esitato troppo. Ci stava riflettendo troppo. «A quindici anni sei troppo vecchio.» Vecchio! Lasciatemelo dire, amici: non fu affatto bello farsi trattare come un ragazzo dei giornali ormai finito, licenziato perché inutile.


Quando è arrivato questo libro grazie alla Sperling ero molto curiosa, io amo i libri narrati da punti vista giovanili, poi leggendo la trama ero ancora di più incuriosita anche perché il libro è dell'autore del best seller Storia di una ladra di libri, di cui mea culpa non ho mai letto nulla ma ne ho sentito molto parlare. Questo è il primo capitolo sui fratelli Cameron e Ruben Wolfe, articolato su tre romanzi auto-conclusivi.

Ho così iniziato il libro che è narrato attraverso gli occhi di Cameron Wolfe, occhi insicuri tipici di questa giovane età, lui è il più piccolo di quattro fratelli, figlio di un idraulico e di una madre super impegnata fra casa e lavoro per riuscire a sbarcare il lunario in un momento economico così critico.

E così questo libro inizia con un'ironia sottile alla scuola di ladri, sui dentisti che se fossero statisti avrebbero potuto governare il mondo per la quantità di denaro che passa dalle loro  mani, da qui l'idea di rapinare lo studio dentistico, una scena che mi ha fatto morire dal ridere: due ragazzi convinti con le mazze da baseball... A voi leggendo la mia recensione farà tremare e vi domanderete come può riderne Fra, ecco perché sono entrati pieni di cattive intenzioni e invece ne sono usciti alleggeriti solo loro, incantati dalla bellissima assistente dentistica invece di fare la rapina finiscono per fare la pulizia dentale.

Diedi corda a mio fratello Ruben solo per farlo contento. La verità è che voleva di nuovo mettersi in mostra . Era una delle sue abitudini peggiori.

Era una delle due verità che governavano la nostra esistenza. La seconda era questa: sebbene avessimo stabilito di ripulire il dentista del quartiere, non sarebbe mai accaduto. Ci eravamo già ripromessi di rapinare la panetteria, il fruttivendolo, la ferramenta, il negozio che vendeva fish and chips e l’optometrista.


Il libro continua con questa ironia sottile per tutto il tempo, perché Cameron nonostante le insicurezze su com'è e su come dovrebbe essere, con situazioni a volte esasperanti e nonostante affronta temi importanti che lo toccano perché porta drammi familiari, riesce a strapparmi sorrisi .
Lui è un ragazzo normale, leggermente sfigato ma fiero di com'è, leale, ed è un ragazzo che ha sogni piccoli e realizzabili, comperarsi uno stereo e innamorarsi; ecco, innamorarsi è un pò più difficile, o meglio è facile, ben più difficile è farsi amare. Mentre per lo stereo lo ho ammirato perché lui è un ragazzo che vuole guadagnarsi le cose. Ruben nonostante non sia la voce narrante è quasi coprotagonista di Cam, ma quanto Cameron è piantato con i piedi per terra tanto Ruben ha una vena di pazzia generazionale adolescenziale che poi crea situazioni esilaranti, perché per quanto il loro rapporto non è embrionale si vogliono davvero bene e Cam segue sempre Rube nelle situazioni pazze in cui il fratello lo infila.
Leggendo il libro ho avuto però la sensazione che loro fossero molto più piccoli dell'età che viene loro imputata dall'autore, e pure il loro vivere l'ho trovato poco contemporaneo al 2017, quasi retrò, leggendo la biografia di Zusac credo di avere capito il perché di queste impressioni in quanto il libro è stato scritto nel 1992, 25 anni fa, un epoca in cui non c'erano gli iPhone e quando ancora i ragazzi erano un pò meno smaliziati in qualche maniera più puri...
Una cosa che mi ha lasciata un pò perplessa è la ricorrenza dei sogni di Cameron, stati onirici che attraverso l'assurdità di ciò che succede nei suoi sogni alle volte veri e propri incubi  ci raccontano tutto il suo disagio e le sue emozioni, le sue paure.
Il romanzo non ha una vera "trama" è un racconto di crescita, di passaggio dall'età verde all'essere adulti, prendendo coscienza di sé e del mondo a noi circostante.
Un romanzo particolare che vi farà sorridere e riflettere.

Fra
LCDL




Per poter vincere questo libro cartaceo e il nostro segnalibro vi basterà seguire poche semplici regole qui sotto...

- Iscriversi al blog

- Commentare sotto al post dicendoci perché vi piacerebbe vincere il libro di Markus Zusak e lasciando la vostra mail per essere ricontattati
Mi piace alla nostra pagina FB
Condividere il post sulle vostre bacheche FB in modalità pubblica taggando almeno tre amici.

Avete tempo dall'16 ottobre fino al 23 ottobre alle ore 13.30. Dopo di che tramite random.org verrà estratta la fortuna vincitrice che sarà ricontattata tramite email.


Buona fortuna a tutti, 

Le admin

NB:
1. Ricordati di lasciare la mail per essere ricontattato altrimenti dovesse uscire un nominativo senza email si procederà a una nuova estrazione.
2. Ricordati di seguire tutti i passaggi altrimenti in fase di controllo se hai vinto ma non hai svolto tutti i compiti, si procederà a estrarre di nuovo.


4. hai tempo per riscuotere il premio entro il 31 ottobre, dopo questa data verrà estratto un nuovo vincitore
3. Il romanzo verrà spedito con piego di libro ordinario pertanto la spedizione non è tracciabile e sarà in mano a poste Italiane.